Natale con i tuoi, ma Capodanno…con chi vuoi!!! Da prenotare subito

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Vi abbiamo già suggerito alcune destinazioni per il 2020, una data importante, con tante suggestioni culturali. Una per tutte? Trascritta in numeri romani, mantiene la sua doppiezza, diventando MMXX.

Un anno importante da festeggiare che non riesce a dribblare la vetusta domanda: che cosa fai a Capodanno? Come al solito, Famelici vi viene in soccorso.

Natale con i tuoi, ma Capodanno…con chi vuoi!!!

Bari, la città che non vi aspettate e dove potete ricevere anche un regalo…inaspettato ma tanto desiderato!

Natale Capodanno Bari

Negli ultimi anni il Capodanno di Bari è da segnare in agenda. Gli sfarzosi addobbi natalizi ci ricordano quanto siamo rimasti adolescenti, amanti della musica e del divertimento. Qui trovate l’atmosfera natalizia fusa nei sapori e nei profumi di una terra ricca di storia e di leccornie gastronomiche.

Per il secondo anno consecutivo Canale 5 trasmetterà in diretta da Piazza Libertà il suo Capodanno in musica condotto da Federica Panicucci. Tra gli ospiti, Giordana Angi, Annalisa, J-Ax, Anna Tatangelo, Nek, RAF e Tozzi, Francesco Renga, Rovazzi, Shade e i ragazzi della scuola di Amici 19.

Un motivo in più per andare a Bari? Per trovare marito. “San Nicola pensaci tu!“. Lo attestano i bigliettini che ogni giorno vengono lasciati sulla colonna miracolosa, situata nella cripta della Basilica. Un tempo la notte del 5 dicembre le single si recavano in pellegrinaggio alla Basilica per fare 3 giri intorno alla colonna. La Chiesa ha fatto di tutto per stroncare questa credenza, ma le single non si sono date per vinte. Non si possono più avvicinare? E aloora affidano la loro preghiera ai bigliettini.

Aspettando l’alba a Capo Faro di Punta Palascia nei pressi di  Otranto

Natale Capodanno capo palascia salento

Perchè aspettare i fuochi di artificio, quando si può aspettare l’alba del primo dell’anno 2020? Se il freddo non è un problema per voi, se i silenzi carichi di significati sono il vostro modo di ricaricarvi per affrontare l’anno nuovo, andate su una ripida scogliera a picco sul mare, nella zona più incontaminata di Otranto, in provincia di Lecce, per ammirare il faro di Punta Palascia, costruito nel 1867 e utilizzato fino al 1970 come faro.

La casa  su due piani su cui è poggiata la grande torre in pietra di carparo è stata la dimora di due famiglie che hanno svolto le funzioni di guardianeria sino agli anni sessanta. Da qui si gode di una vista straordinaria. Secondo le convenzioni nautiche questo  è il punto di separazione tra il Mar Ionio ed il Mar Adriatico.

Il faro si raggiunge dopo una passeggiata lungo una stradina tracciata nella roccia. Se la giornata è nitida potrete scorgere l’Albania, gli Acrocerauni, l’isola di Saseno, il Karaburun e le isole greche di Othonoi e Merlera (e a volte anche Corfù).

A Punta Palascia il giorno comincia prima che nel resto dell’Italia: siamo sul lembo estremo più ad est dell’Italia (18°31’22” di longitudine). Il consiglio? Armatevi di pazienza ma soprattutto di qualche coperta, di qualche  piatto avanzato dal cenone, di un paio di bottiglie di spumante e …la natura farà la sua parte!

Per il Capodanno 2020 si terrà, al calar del sole, un’iniziativa mirata alla valorizzazione dell’Area Marina Protetta del Capo d’Otranto. Potrete assistere ad una performance teatrale accompagnato dalla lettura di una selezione di “poesie adriatiche” di Renato Grilli. Le poesie tracceranno un percorso che unisce le due sponde del Mar Adriatico, da Dubrovnik a Valona, da Trieste ad Otranto.

In attesa della prima alba d’Italia si svolgeranno performance teatrali, tra cui il percorso ispirato al “Salto dell’Acciuga” di Nico Orengo, video proiezioni sull’edificio del faro ed un “sound design”, il cui obiettivo è quello di tramutare in suoni il paesaggio marino circostante. Ma anche musica live, elettronica, jam sessions e dj set. Vi ricordiamo che il sole sorgerà alle 7:09.

A Olbia per il concerto di Elisa e per i fuochi d’artificio

natale capodanno a olbia concerto di elisa

Ad Olbia si tiene una delle feste di Capodanno più importanti della Sardegna. Ed è da scommettere che anche la fine dell’anno del 2020 sarà un’edizione da vivere e da ricordare. L’evento principale è sicuramente il concerto di Elisa in piazza.

Nella terra dove domina la bellezza di una natura ancore incontaminata, anche lo spettacolo dei fuochi di artificio diventa un evento impareggiabile e difficilmente paragonabile ad altri eventi pirotecnici. Nella notte più magica dell’anno i fuochi d’artificio illumineranno Olbia subito dopo il brindisi di mezzanotte.

Se l’idea di frequentare luoghi troppo affollati non vi tenta, potete pensare di trascorrere l’ultima notte dell’anno in uno dei tanti agriturismi vicino ad Olbia. Godrete dei fuochi di artificio da lontano senza perderne il fascino!

Al Castello di Rivalta in compagnia dei conti Zanardi Landi

Natale Capodanno castello di rivalta

Addio spazi angusti, affollati  e forse un po’ plumbei. A Capodanno c’è ancora chi preferisce vivere ambienti eleganti, capaci di raccontarci una storia conservata da spessi muri. Ma come si sceglie un ambiente ricco di storia? Semplice, ci si lascia consigliare da chi durante l’anno ha visitato luoghi incantevoli e romantici. Un posto “famelicamente” consigliato è il Castello di Rivalta.

La Foresteria, zona delle antiche scuderie del Castello, ospiterà il Cenone di San Silvestro, con un menù da…nobili! A seguire, i festeggiamenti proseguiranno all’interno del Borgo Medievale con il brindisi insieme ai Conti Zanardi Landi e la visione dei fuochi d’artificio, per poi tornare nelle sale della Foresteria con musica dal vivo, Dj, e serata danzante fino alle 2.30.

In Slovenia alle Terme Olimia presso il Wellness Orhidelia per una notte davvero speciale

Natale Capodanno Slovenia

A proposito di terme, il Wellness Orhidelia, da dieci anni  premiato come il migliore centro benessere in Slovenia, propone un Capodanno che molti sognano per augurarsi un anno di coccole e relax.

Bene per festeggiare l’arrivo del 2020 potete realizzare il vostro desiderio, brindando al nuovo anno conquistando la pace interiore e la serenità.

100 ospiti saranno coccolati da un team di 15 camerieri, cuochi e maestri di sauna. Si prevedono ben 11 programmi saunistici e una sorpresa con protagonista il gong.

Senza dimenticare l’offerta di numerose delizie culinarie servite con i migliori spumanti e vini del panorama internazionale. Il tutto accompagnato da una selezionata colonna sonora.

Per viziare i palati più golosi  durante tutta la serata nei vari ambienti del Wellness Orhidelia saranno proposti diversi finger food, dolci e frutta.

Le saune a vapore inviteranno i clienti a salutare il  2019 con  programmi di coccole al miele e al cioccolato. Durante tutta la serata saranno, inoltre, a disposizione i migliori scrub a base di zucchero di canna e sale marino con varie aromatizzazioni (cacao, cannella, cocco, ecc.).

Imperdibili le saune finlandesi. Saranno messi a disposizione oli essenziali naturali al 100 %, senza parabeni e con un’etichetta vegana. E poi saranno offerte diverse creme per migliorare la sensazione di benessere.

Il countdown per festeggiare il 2020  avverrà in una sauna. A mezzanotte per iniziare al modo migliore l’anno nuovo verrà offerto un peeling dorato e una doccia allo spumante.

Una esperienza davvero magica sarà anche il bagno del gong della terra. In barba a chi pensa che le terme siano noiose! Il costo? A persona: da € 744,00 ( il pacchetto di Capodanno per 4 giorni 4/3 notti).

A Milano al ristorante Orma Bruna per scoprire la cucina abruzzese e marchigiana

Natale Capodanno _milano

Nel 2026 Milano ospiterà le Olimpiadi invernali e Famelici scommette che per il capoluogo lombardo sarà, dopo Expo, un’altra vetrina internazionale importante. Vinta con Cortina la sfida di ospitare un importante evento sportivo, la città meneghina si sta preparando a festeggiare alla grande il Capodanno per salutare un 2020 che si preannuncia scoppiettante.

Nella notte di Capodanno, presso il ristorante Orma Bruna è possibile degustare la cucina regionale, in particolare abruzzese e marchigiana. Lo chef Achille Esposito, allo scoccare della mezzanotte, proporrà le lenticchie di Santo Stefano di Sessanio e il cotechino accompagnati da una flûte di bollicine per brindare all’anno nuovo.

Ma partiamo dall’inizio. Nell’attesa del brindisi , ci aspettano giocosi tacos di coratella alla romana e un astice blu cotto a bassa temperatura, poi scottato con spinaci e servito con lamelle di tartufo nero e salsa bernese. A seguire primi piatti come lo spaghett’oro “Verrigni” – pastificio abruzzese – con beurre blanc , gambero rosso a crudo, liquirizia e scaglie di mandorle; il risotto alla zucca, che ha tra i suoi ingredienti principali il ciauscolo, un salame a pasta morbida marchigiano di cui lo chef ripensa la consistenza, presentandolo sotto forma di spuma. Il cerchio delle portate principali è chiuso da un lingotto di stracotto di agnello brasato e tempestato di pinoli croccanti, servito con  salsa di scarola ripassata, polvere di capperi e olive.

Tra i dolci, è proposta un’alternativa al classico panettone milanese: il parrozzo che ne ricorda le forme tonde e gentili. Si tratta di un tipico dolce natalizio del pescarese, ricoperto di cioccolato fondente e aromatizzato alle mandorle, servito con una spuma al mascarpone.

Il menu ha un costo fisso a persona di €90 bevande escluse. È possibile riservare il proprio tavolo contattando elefonicamente il ristorante.

Monica Viani & Roberto Rossi

Potrebbe interessarti anche:


Cinque cose da non perdere (e un ristorante) a Lucera. La Puglia da scoprire

n viaggio alla scoperta della Puglia tradizionale in nome di cibo e cultura senza dimenticare la natura. E soprattutto lontano dalla folla vociante del mare. Lucera è una piccola cittadina famosa per ospitare la Cattedrale dell’Assunta, capolavoro dell’architettura gotico-romanica, una struttura che ricorda per imponenza le fortificazioni costruite in difesa di territori spesso sottoposti a incursioni nemiche. É senza ombra di dubbio...Cinque cose da non perdere (e un ristorante) a Lucera. La Puglia da scoprire ultima modifica: 2019-05-21T08:52:28+00:00 da Monica Viani

Potrebbe interessarti anche:


La Gallura dei 5 sensi. Irresistibile in ogni stagione

Vogliamo provocare. Vogliamo provocare in voi il desiderio di un viaggio in Gallura. Quanto prima. Perciò non vi prenderemo solo per la gola, come vi aspettereste, ma per tutti e 5 i sensi. Vi suggeriremo di cogliere il contrasto tra mare e monti per disegnare il vostro viaggio. Ma quello in copertina è un lago gallurese, il lago Liscia. E siccome sappiamo...La Gallura dei 5 sensi. Irresistibile in ogni stagione ultima modifica: 2019-05-10T14:42:57+00:00 da Doppiamente Famelici

Natale con i tuoi, ma Capodanno…con chi vuoi!!! Da prenotare subito ultima modifica: 2019-12-20T11:47:40+00:00 da Doppiamente Famelici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *