2018: l’anno del cibo italiano. Il cibo è solo cibo?

Share on FacebookTweet about this on Twitter

2018: l’anno del cibo italiano. Il cibo è solo cibo? In realtà è un grande patrimonio: cibo è cultura. Il 2018 celebra il Made in Italy, quello alimentare, quello di cui andiamo fieri. Si celebra la nostra capacità di lavorare la terra, di trasformare i prodotti e di presentarli al mondo intero. Un patrimonio immenso!  Famelici ci presenta alcuni spunti di riflessione. Il cibo italiano …

2018: l’anno del cibo italiano. Il cibo è solo cibo? É…

Turismo: vince quello enogastronomico

Negli ultimi tre anni un italiano su tre ha scelto la meta delle proprie vacanze spinto dal desiderio di vivere esperienze legate all’enogastronomia. La stessa motivazione muove molti turisti stranieri. Il food si lega sempre più al turismo.

Vino: Prosecco, il vino italiano che osa sfidare lo Champagne

Uve del vitigno glera, produzione con metodo charmat, gusto fruttato, bollicine e freschezza. In una parola: Prosecco. Un vino dove si riflette la cultura di un intero territorio. Non c’è il Prosecco, ce ne sono tanti. La denominazione Prosecco indica anche una delle destinazioni turistiche più amate dagli stranieri, veri percorsi tra morbide colline, vigne, dimore storiche e musei per scoprire come un vino, oltre ad essere buono, sappia raccontare una storia. I Prosecchi d’eccellenza, che sfidano le bollicine più blasonate, nascono dal rispetto del territorio e della natura che non richiede mai troppi interventi chimici.

2018: l'anno del cibo italiano. Il cibo è solo cibo?

Il prosecco, prodotto in Veneto e in Friuli Venezia Giulia- nel Nord Est dell’Italia- è un vino bianco DOC (Denominazione di Origine Controllata) o DOCG (Denominazione di Origine Controllata e Garantita), per quelli di Montello e dei Colli Asolani o il Prosecco di Conegliano-Valdobbiadene. Le sue origini sono incerte. Secondo una delle ipotesi più accreditate, potrebbe essere originario di Prosecco, un comune carsico al confine con la Slovenia. Lì questo vitigno era denominato Glera; approdato poi in Veneto assunse il nome di Serprina. Un’altra ipotesi sostiene una diffusione “al contrario”, dalla Marca Trevigiana alla Slovenia. Ha concorso per diventare, con le sue colline, Patrimonio dell’Unesco. Purtroppo senza riuscirvi!

Festa: la Notte Bianca del cibo italiano

Il 4 agosto si celebra in tutta Italia la Notte bianca del cibo italiano (turismo.beniculturali.it/home-ciboitaliano).

Lettura: il  catalogo della mostra “Camminare la terra” dedicata a Luigi Veronelli. Da assaporare

“Chi cammina la terra sa che l’importante non è arrivare, ma procedere, passo dopo passo. Camminare la terra è esprimere il nostro vivere in continuo movimento. Talvolta occorre fermarsi per riposare o per pensare e per gioire o per piangere, e alla fine ricominciare a camminare. Fermarsi anche per ricordare e rivivere la strada percorsa”.

2018: l'anno del cibo italiano. Il cibo è solo cibo? Luigi Veronelli

Fino al 4 agosto, a Fidenza, a Palazzo ex Licei, Laboratorio Civico delle Idee, si può visitare una mostra dedicata a Luigi Veronelli. Bella mostra, assolutamente da visitare, ma ben curato anche il catalogo. Chi è Luigi Veronelli? Un uomo colto, dai profili rinascimentali, molto più di un giornalista o di un editore o di un esperto di enogastronomia. Ha saputo cogliere quello spirito dei tempi in continua trasformazione, accettando la polemica e le contraddizioni. Un vero intellettuale che univa in modo indissolubile impegno professionale e civile.

Riconoscimento europeo: la pitina, un prodotto tipicamente italiano

La Pitina, il nuovo prodotto IGP riconosciuto dalla UE è friulano ed è fatto in montagna. É il 296esimo prodotto italiano a ottenere l’ambito riconoscimento. Nelle valli Tramontina, Corvera e Cellina, in provincia di Pordenone, tra il Piave e il Tagliamento, chi abitava in montagna doveva conservare la carne per l’inverno. La carne era macinata in un ceppo di legno incavato, la pestadora, con spezie, aglio, pepe, erbe ed aromi naturali. Si faceva una polpetta, la si ricopriva di farina di mais e affumicata con legno di faggio e pino mugo. La stagionatura durava un mese. Si mangia cruda o cotta alla brace, servita con polenta.

Ristorante: Regio Patio dell’hotel Regina Adelaide di Garda

2018: l'anno del cibo italiano. Il cibo è solo cibo? Molti ristoranti propongono piatti per fare conoscere la migliore tradizione italiana
Tartare burrosa di pecora Brogna, ostrica, lavanda e rosa

Il ristorante Regio Patio dell’hotel Regina Adelaide di Garda ha un grande chef: Andrea Costantini. Di origini friulane, allievo di Bruno Barbieri, propone una cucina gourmet italiana rivisitata. Non ama le etichette, cucina ciò che gli piace. Ricerca la qualità, presta attenzione alla cucina della tradizione italiana, rifugge la complessità preferendo la semplicità. Che dire? Piatti eleganti, mai eccessivi.

Design: conoscete il pastry design?

2018: l'anno del cibo italiano. Solo cibo? Anche design

La pasticceria, in particolare il cioccolato, non è più solo delizia del palato. Il cioccolato si allea al design e diventa la materia prima dolce per eccellenza da plasmare per la gioia della vista. Decori e…mangi! Divertimento e creatività si sposano in nome del piacere, concedendoci di tornare bambini. Così designer collaborano con pasticceri: Tomoko Azumi consiglia figure di geometria solida, Denis Guidone fonde texture giapponesi su dolci preziosi.

2018: l’anno del cibo italiano. Il cibo è solo cibo? Tanto, ma tanto altro!

Credits Photo copertina: Susy Mezzanotte

 

 

Potrebbe interessarti anche:


Vuoi conoscere le 3 donne che hanno reso grande Asolo?

Tre donne hanno reso grande Asolo: la "divina" Eleonore Duse, la politica Caterina Cornaro e la viaggiatrice Freya Stark. Ci aiutano a conoscere Asolo al femminile. Eleonora Duse, la grande attrice che amò Asolo come "asilo della sua vecchiaia" "Gli perdono di avermi sfruttata, rovinata, umiliata. Gli perdono tutto, perchè ho amato». Le parole della Divina sono rivolte a Gabriele D’annunzio,...Vuoi conoscere le 3 donne che hanno reso grande Asolo? ultima modifica: 2018-11-28T13:52:31+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Asolo, la città dei cento orizzonti

Per gli stranieri l’Italia è sinonimo di borghi, ovvero di mete piccole ma belle. "Il 2017 sarà l’anno dei piccoli borghi", racconta il sottosegretario al Turismo Dorina Bianchi. Una grande opportunità per lo sviluppo di un turismo consapevole. "Abbiamo già investito 60 milioni di euro- continua il sottosegretario- nel recupero di fari, case cantoniere trasformati in alberghi e nei cammini (dalla...Asolo, la città dei cento orizzonti ultima modifica: 2016-10-08T12:49:10+00:00 da Monica Viani

Potrebbe interessarti anche:


2018, l’anno dell’Italian Food. Quali saranno le parole del gusto?

2018: Famelici, blog nato per sottolineare il legame cibo e cultura, si avvicina al primo anno di vita. In neppure un anno sono successe tante cose, il gruppo che...2018, l’anno dell’Italian Food. Quali saranno le parole del gusto? ultima modifica: 2017-12-30T21:55:36+00:00 da Monica Viani

2018: Famelici, blog nato per sottolineare il legame cibo e cultura, si avvicina al primo anno di vita. In neppure un anno sono successe tante cose, il gruppo che lo ha fondato è cambiato e si sono aggiunti due...2018, l’anno dell’Italian Food. Quali saranno le parole del gusto? ultima modifica: 2017-12-30T21:55:36+00:00 da Monica Viani

2018: Famelici, blog nato per sottolineare il legame cibo e cultura, si avvicina al primo anno di vita. In neppure un anno sono successe tante cose, il gruppo che lo ha fondato è cambiato e si sono aggiunti due amici, Daniela Ferrando e Luca Cardone, con due spazi dedicati al lessico#food cultural e alla critica cinematografica. Tutto scorre, seguendo la logica...2018, l’anno dell’Italian Food. Quali saranno le parole del gusto? ultima modifica: 2017-12-30T21:55:36+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


 

 

 

 

2018: l’anno del cibo italiano. Il cibo è solo cibo? ultima modifica: 2018-07-16T10:14:07+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *