Lessico #foodcultural: Sosia tossico

Share on FacebookTweet about this on Twitter

In ordine sparso, parole di lessico #foodcultural da degustare, una alla settimana, in questi tempi satolli. Daniela Ferrando, FamFriend :-), le cura per il nostro blog.

*** Sosia tossico ***

[so-sia-tòs-si-co] è la definizione – bizzarra ma precisa – che si usa in botanica, in micologia e in alimurgìa per indicare piante o funghi velenosi simili o pressoché identici a piante e funghi commestibili.

Dove l’ho sentita:
Sembra che si parli di una persona malvagia, “il sosia tossico”, ma siamo nel regno vegetale. Ho incontrato per la prima volta questa definizione leggendo di funghi e di erbe selvatiche.

E sono sicura di averne sentito parlare da Eleonora Matarrese aka “La cuoca selvatica”, esperta di foraging, ovvero della la pratica antichissima e ora attualissima di raccogliere erbe spontanee. Che sono trasformate in ricette e ci rimandano a universi del gusto, dell’antropologia culinaria, e a macrotendenze con nomi come René Redzepi o come Corrado Assenza.

Lessico#foodcultural: Terracrèpolo

Sosia tossico. Esistono numerose piante che hanno un sosia tossico, come il sambuco (Sambucus nigra L.) e l’ebbio (Sambucus ebulus L.), o la borragine e la mandragora. Un raccoglitore esperto lo riconosce. Anche perché il foraging è una téchne, cioè un’arte sostanziata di conoscenze molto esercitate.

Il punto è che non ci si improvvisa raccoglitori. Lasciarsi ingannare da un fiore, da una foglia, da una lamella, da una forma o da un profumo può costare caro.

Per saperne di più:
Sapevate che esistono delle vere e proprie “regole di raccolta” delle spontanee?
Sapevate già cos’è l’alimurgìa (o anche fitoalimurgìa)? Una scienza nata nel ‘700, pensando all’utilità di alimentarsi di selvatiche per far fronte alle carestie. Il fondatore? Il medico e naturalista fiorentino Giovanni Targioni-Tozzetti con il trattato De alimenti urgentia (1767). Provate a cercare “alimurgìa” nel motore del sito dell’Accademia dei Georgòfili.

[Immagine: bacche di ebbio aka Sambucus ebulus, sosia tossico del Sambuco, da casaegiardino.it]

Potrebbe interessarti anche:


Lessico#foodcultural: Terracrèpolo

In ordine sparso, parole di lessico#foodcultural da degustare, una alla settimana, in questi tempi satolli. Daniela Ferrando, FamFriend :-), le cura per il nostro blog. *** Terracrèpolo *** s.m. popolare, da “terra” + “crepare”, nel senso di “fendere”. Pianta erbacea perenne della famiglia delle Compositae detta anche Caccialepre, Grattalingua, Caccialebbra, Latticina, Latticrepolo, Lattughino, Paparrastello ... Cresce su terreni sassosi, scarpate, incolti...Lessico#foodcultural: Terracrèpolo ultima modifica: 2017-09-15T18:50:19+00:00 da Daniela Ferrando FamFriend


Potrebbe interessarti anche:


Lessico #foodcultural: Edulo

In ordine sparso, parole di lessico #foodcultural da degustare, una alla settimana, in questi tempi satolli. Daniela Ferrando, FamFriend :-), le cura per il nostro blog. *** Edulo *** agg. da confrontare con il latino ĕdūlis, da edĕre, mangiare. Significa commestibile, è sinonimo di mangiabile, edibile. Ma volete mettere il gusto di usare "edulo": la lectio difficilior, l’opzione più difficile? Dove...Lessico #foodcultural: Edulo ultima modifica: 2018-06-03T18:57:33+00:00 da Daniela Ferrando FamFriend

Lessico #foodcultural: Sosia tossico ultima modifica: 2018-07-16T21:10:01+00:00 da Daniela Ferrando FamFriend

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *