Roland Barthes: parlare di cultura, ovvero di cibo

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Parlando di cibo si può discutere di mitologia, di contemporaneità, di impero giapponese, di pittura, di scrittura. ..e di tanto altro! Sì, avete letto bene: il cibo è cultura. Roland Barthes ne è convinto: il cibo è un sistema semiologico quasi perfetto. É una forma di linguaggio e di sistema valoriale che ci indica i codici di comportamento. Mangiare è parlare, discutere, relazionarsi. Nessuno si ciba solo per nutrirsi o per godere dei sapori. Il cibo nelle sue multiformi espressioni esprime identità e desiderio di costruire una propria diversità.

Il cibo come fondatore di miti

Il cibo contribuisce a costruire miti secondo Roland Barthes. Lo dimostra il vino per la Francia

Il cibo è cultura e come tale concorre alla costruzione dei miti. Un esempio? Il vino, quell’elemento culturale che ha contribuito a costruire l’identità dei francesi, caratterizzando intere classi sociali. Al proletariato serve per accettare il lavoro, agli intellettuali per legittimare la propria creatività. Come sottolinea Barthes: “ saper bere è una tecnica nazionale che serve a qualificare il francese, a provare la sua capacità di resistenza, il suo controllo, la sua socievolezza. Il vino fonda una morale collettiva all’interno della quale tutto è riscattato: gli eccessi, le disgrazie, i delitti sono possibili con il vino, ma non assolutamente la cattiveria, la perfidia o la disonestà”. L’opposizione mitologica al vino? Il latte, vissuto come sostanza esotica, capace di ricoprire, restaurare, riportandoci all’infanzia,  quel pegno di forza bianca,  capace di riportarci al reale.  Un elemento che si avvicina al vino è invece la bistecca, per la sua natura sanguigna, vicina alla crudità.  C’è un richiamo al sangue, come dimostra che i suoi gradi di cottura sono espressi da immagini di sangue e non di calore.

Il barocco occidentale contro il minimalismo giapponese: che cosa preferisce Roland Barthes?

Ma Roland Barthes predilige la proposta culinaria orientale o occidentale? Sicuramente la cultura giapponese

Per l’Occidente crudo è ciò che è poco elaborato, che cerca di essere più vicino al naturale, al contrario del cotto che è una elaborazione culinaria. Ma il crudo è pur sempre una preparazione costruita per avvicinarsi all’originario. Per l’Oriente il crudo non deve fingere di essere naturale, si è consapevoli che il crudo, come il cotto, è un prodotto creato dall’uomo. Diverse sono anche le modalità di presentazione del cibo. In Occidente o si propongono piatti economici, di semplice realizzazione e presentazione o si studiano mise en place che rievocano il sogno, la favola e persino il mito. In quest’ultimo caso si ricerca la sorpresa. Domina il glassato, la decorazione che nasconde l’alimento. Si cerca di cancellare la naturalità del cibo dando vita a una sorta di barocco che cela una contraddizione: la simultanea ricerca di ricostruzione mediante artifici di quella stessa naturalità negata. É spesso il trionfo del kitsh. Diametralmente opposta è la presentazione giapponese che mette al centro il vassoio che rende la presentazione assai delicata. Tutto è ordinato in modo che l’oggetto sparisca per esaltare il lavoro dello chef, che esprime un gioco ricco di significati. La cucina giapponese più che la cottura degli alimenti esalta la capacità di tagliarli e di abbinarli. Il piatto giapponese rimanda al movimento: si continua a cucinare in tavola. Mangiare e comporre il piatto è un gesto alimentare. Inoltre la cucina giapponese è tattile grazie all’abilità che bisogna saper dimostrare nell’utilizzo delle bacchette. Nulla a che vedere con il barocco occidentale. Ma Roland Barthes predilige la proposta culinaria orientale o occidentale? Sicuramente la cultura giapponese, dove prevale l’importanza del segno a discapito del concetto.

Il cibo: il lusso del desiderio

Barthes riprende Brillat-Savarin, l’autore più illustre della cucina francese, per ricordare che la gastronomia va al di là del soddisfacimento del bisogno di nutrizione per essere soprattutto lusso del desiderio. Quando il cibo diventa gastronomia si trasforma in convivialità, condivisione, relazione. Godere del cibo è gestire la socialità, rendendola fortemente piacevole. E allora il cibo diventa cultura, uno stimolo che induce a parlare bene, dunque a pensare….con gusto!

Potrebbe interessarti anche:


Cibo, cultura e… un sentire di ‘pancia’ che non è solo fame

Cibo e cultura, relazioni e social network sono gli ingredienti alla base di questo mio post scritto per approfondire il lato sociale dell’evento #famedivero. É nell'aria: siamo un po' spersi...Cibo, cultura e… un sentire di ‘pancia’ che non è solo fame ultima modifica: 2017-05-15T10:02:50+00:00 da Fabrizio Bellavista

Cibo e cultura, relazioni e social network sono gli ingredienti alla base di questo mio post scritto per approfondire il lato sociale dell’evento #famedivero. É nell'aria: siamo un po' spersi per l'eccessiva enfasi data alla globalizzazione, rinasce l’esigenza di allacciare legami...Cibo, cultura e… un sentire di ‘pancia’ che non è solo fame ultima modifica: 2017-05-15T10:02:50+00:00 da Fabrizio Bellavista

Cibo e cultura, relazioni e social network sono gli ingredienti alla base di questo mio post scritto per approfondire il lato sociale dell’evento #famedivero. É nell'aria: siamo un po' spersi per l'eccessiva enfasi data alla globalizzazione, rinasce l’esigenza di allacciare legami di prossimità, di rifondare la propria identità anche grazie a luoghi e persone a noi vicini. Quello che vado ripetendo...Cibo, cultura e… un sentire di ‘pancia’ che non è solo fame ultima modifica: 2017-05-15T10:02:50+00:00 da Fabrizio Bellavista

Potrebbe interessarti anche:


Perché la cultura gastronomica è francese

Mi spiace: la cultura gastronomica è francese. Ne sono certa. Al Festival Culinaire Bernard Loiseau a Mauritius presso il Constance Belle Mare Plage lo capisci senza ombra di dubbio....Perché la cultura gastronomica è francese ultima modifica: 2017-03-31T16:30:31+00:00 da Monica Viani

Mi spiace: la cultura gastronomica è francese. Ne sono certa. Al Festival Culinaire Bernard Loiseau a Mauritius presso il Constance Belle Mare Plage lo capisci senza ombra di dubbio. Da sempre il paradigma dell'alta cucina è stato considerato universalmente francese....Perché la cultura gastronomica è francese ultima modifica: 2017-03-31T16:30:31+00:00 da Monica Viani

Mi spiace: la cultura gastronomica è francese. Ne sono certa. Al Festival Culinaire Bernard Loiseau a Mauritius presso il Constance Belle Mare Plage lo capisci senza ombra di dubbio. Da sempre il paradigma dell'alta cucina è stato considerato universalmente francese. Addirittura negli anni 70, un gruppo di giovani cuochi, capitanati da Paul Bocuse, rivoluziona con successo le regole della cucina...Perché la cultura gastronomica è francese ultima modifica: 2017-03-31T16:30:31+00:00 da Monica Viani

Roland Barthes: parlare di cultura, ovvero di cibo ultima modifica: 2017-02-09T13:18:26+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *