La bresaola d’autore interpretata da Claudio Sadler

Share on FacebookTweet about this on Twitter

“Abbracciare il presente e continuare a inventare il futuro”, diceva Karl Lagerfield, grande artista della moda, scomparso in questi giorni. Ebbene è il pensiero dell’azienda Panzeri, un’azienda che da 76 anni opera nella produzione della Bresaola della Valtellina IGP.

Con lo zampino (sempre elegante!) dello chef Claudio Sadler, propone nuove formulazioni di bresaole arricchite da note aromatiche. Ben 4 tipologie: tonica, tartufata, sbagliata e montanara.

Ho pensato di unire al sale alcolici come la grappa o il Gin Tonic e altri ingredienti legati al momento degli aperitivi, come tartufo, zenzero e peperoncino” – ha raccontato Claudio Sadler. “Si sono così ottenute ‘variazioni sul tema’ stuzzicanti e originali, adatte a qualsiasi momento conviviale. La presenza di alcool, inoltre, dà alle Bresaole d’Autore una piacevole consistenza morbida e vellutata che si conserva a lungo”.

La bresaola d’autore interpretata da Claudio Sadler

Tonica, ovvero energetica

Aromatizzata con lo zenzero e il Gin Tonic. Ottima da proporre come aperitivo.

Lo zampino di Sadler

Su tartine con formaggio fresco e cremoso, scorzetta di lime e uova sode grattugiate. Da accompagnare con Gin Tonic o centrifugato di mela, zenzero, sedano e carota.

Tartufata, ovvero elegante

Aromatizzata con il tartufo, la bresaola esprime il meglio di sé.

Lo zampino di Sadler

Con un filo di olio e limone e dei fiocchetti di robiola morbida o con un’insalata di soncino e champignon tagliati sottilissimi. Da accompagnare con un calice di vino corposo. Con uno spritz rende regale l’ora dell’aperitivo.

Sbagliata…si fa per dire!

Il connubio tra peperoncino e Bitter conferisce un sapore deciso, ottimo per antipasti o primi piatti.

Lo zampino di Sadler

Da accompagnare a guacamole piccante e tacos o a julienne su uno spaghetto caldo o freddo con caprino e puntarelle. Da servire con uno Sbaglato o un calice di vino rosso leggero.

Montanara, ovvero i profumi dei boschi

Aromatizzata con grappa o pino mugo. Ottima come antipasto o servita da sola.

Lo zampino di Sadler

Proposta con un’insalata di funghi champignon e formaggio Casera grattugiato, pepe nero e lime. Da servire con Pisco Sour o succo di mela.

Potrebbe interessarti anche:


Claudio Sadler, il nuovo libro. Fedele a se stesso e alla cucina gourmet

Claudio Sadler pubblica un nuovo libro dal titolo semplice ma significativo: "I miei nuovi menu". Un testo che porta con sé tutte le esperienze che hanno fatto crescere uno...Claudio Sadler, il nuovo libro. Fedele a se stesso e alla cucina gourmet ultima modifica: 2017-11-29T18:24:06+00:00 da Monica Viani

Claudio Sadler pubblica un nuovo libro dal titolo semplice ma significativo: "I miei nuovi menu". Un testo che porta con sé tutte le esperienze che hanno fatto crescere uno dei migliori chef della cucina italiana. Sono passati diciotto anni...Claudio Sadler, il nuovo libro. Fedele a se stesso e alla cucina gourmet ultima modifica: 2017-11-29T18:24:06+00:00 da Monica Viani

Claudio Sadler pubblica un nuovo libro dal titolo semplice ma significativo: "I miei nuovi menu". Un testo che porta con sé tutte le esperienze che hanno fatto crescere uno dei migliori chef della cucina italiana. Sono passati diciotto anni dall'uscita di “Menu per quattro stagioni”, un punto di riferimento per il settore, ora lo chef lombardo è tornato con un...Claudio Sadler, il nuovo libro. Fedele a se stesso e alla cucina gourmet ultima modifica: 2017-11-29T18:24:06+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Il Perù in un cocktail: Pisco Sour

Si chiama Pisco Sour, è un cocktail a base di Pisco, l'acquavite, bevanda nazionale del Perù, le cui origini sono però rivendicate anche dal Cile. Famelici non prende posizioni nelle dispute su paternità enogastronomiche....Il Perù in un cocktail: Pisco Sour ultima modifica: 2018-08-03T18:48:16+00:00 da Monica Viani

 

La bresaola d’autore interpretata da Claudio Sadler ultima modifica: 2019-02-20T15:29:27+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *