Claudio Sadler, il nuovo libro. Fedele a se stesso e alla cucina gourmet

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Claudio Sadler pubblica un nuovo libro dal titolo semplice ma significativo: “I miei nuovi menu”. Un testo che porta con sé tutte le esperienze che hanno fatto crescere uno dei migliori chef della cucina italiana. Sono passati diciotto anni dall’uscita di “Menu per quattro stagioni”, un punto di riferimento per il settore, ora lo chef lombardo è tornato con un libro che può essere considerato un sequel. Claudio Sadler, il nuovo libroCerto ci sono molti elementi che evidenziano quanto sia cresciuto: cambiato rimanendo però sempre fedele a se stesso. Soprattutto all’idea che un libro non sia un insieme di ricette, ma un percorso ragionato capace di presentare veri e propri menu. “La scelta è stata fatta perché mi piace l’idea di trasmettere e mettere in condizione i lettori di replicare la magia di sapori che caratterizzano la mia cucina e si possono trovare nei miei ristoranti ”, sono queste le parole con cui Claudio Sadler ha presentato il suo libro presso il prestigioso spazio Experience Pommery a Milano il 25 ottobre. Un libro che è una dichiarazione d’amore per la cucina, intesa come momento conviviale, ma anche culturale. “Con questo libro – dice Claudio Sadler-  ho superato la fase dell’edonismo, ovvero quella in cui fai i piatti che ti piacciono senza interrogarti se siano comunicabili”. Vengono  proposte 80 ricette suddivise in 18 menu dedicati alle ricorrenze, un momento di intima condivisione fra parenti e amici. Ogni ricetta è abbinata a eccellenze vinicole italiane e internazionali. Lo stesso Sadler ha selezionato i migliori produttori e accostato le etichette che meglio si sposano con i piatti: un abbinamento chiaro per la realizzazione di ogni singolo percorso.

Claudio Sadler e Federico Fellini: un abbinamento cine-gastronomico

Sadler , il nuovo libro ricorda il film di Fellini "Amarcord"Un libro che mi ricorda il film di Federico Fellini “Amarcord”, un’opera cinematografica che ci svela il legame del regista riminese con il cibo. L’artista amava, infatti, i grandi pranzi di famiglia e tesseva spesso le lodi della cucina della madre. Gli piaceva ricordare un aforisma di Baudelaire “chi beve solo acqua ha un segreto da nascondere”, e adorava il  Sangiovese. In “Amarcord” in casa sono le donne a governare. La figura della “arzdòra”, in Romagna, è ricorrente. Tiene le chiavi della dispensa  ben legate alla cintura della gonna; dà consigli, scapaccioni ai figli  e punizioni   a mariti traditori; non conosce risparmio se si tratta di aggiungere farina all’impasto delle tagliatelle. “I miei nuovi menu” è un po’ tutto questo: un’anima della tradizione che si accosta a una più contemporanea.

Claudio Sadler: “c’è fame di cucina italiana”

“Dopo aver conosciuto paesi come il Giappone e la Cina, ho capito che nel mondo c’è fame di cucina italiana. Osservo con attenzione ciò che esprimono gli altri Paesi, ma non tradisco mai la nostra esperienza enogastronomica”. La cucina di Sadler non è una cucina piatta senza infamia e senza lode, capace solo di strizzare l’occhio a qualche moda del momento. ” Un piatto della tradizione è un assoluto, ma da questo si può partire per costruire la sua evoluzione. Posso, ad esempio, dargli una forma diversa, diminuire le calorie, ma il gusto deve essere richiamato immediatamente. Per me la cucina è evoluzione della tradizione in nome della semplicità. Sadler tiene sempre d’occhio il rispetto della storia della sua cucina, senza per questo rinunciare alla sperimentazione. Provare a fare una sua ricetta rende felici!

 

Appuntamento per farsi firmare una copia de “I miei nuovi menu”  dallo chef Claudio Sadler  il 6 dicembre alle ore 18.30 presso il Megastore Mondadori in Piazza Duomo a Milano.

Potrebbe interessarti anche:


“Otto e 1/2”: allegoria della vita. E Marco Sacco cosa c’entra?

Se non si può avere il tutto, il nulla è la vera perfezione Guido è un regista, un uomo stanco. Nulla sembra più appassionarlo, neppure l'amante. Nessuno sa rispondere alle sue domande, nessuno sembra più capirlo. Cerca disperatamente  qualche idea nuova, ma sa che nessuna sarà vincente. Si salva ricordando la sua adolescenza, fatta di sogni e innocenti trasgressioni. Il girotondo...“Otto e 1/2”: allegoria della vita. E Marco Sacco cosa c’entra? ultima modifica: 2017-01-20T00:04:33+00:00 da Monica Viani

Potrebbe interessarti anche:


Claudio Sadler presenta il suo nuovo progetto editoriale: “I miei nuovi menu”

Presentato a Milano, presso lo spazio Experience Pommery,  il nuovo progetto editoriale di Claudio Sadler: "I miei nuovi menu", edito da Giunti Editore, vera dimostrazione che cibo e cultura sono due "elementi" che sanno sempre dare vita a...Claudio Sadler presenta il suo nuovo progetto editoriale: “I miei nuovi menu” ultima modifica: 2017-10-29T21:30:02+00:00 da Monica Viani

 

Claudio Sadler, il nuovo libro. Fedele a se stesso e alla cucina gourmet ultima modifica: 2017-11-29T18:24:06+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *