Le emozioni in viaggio…andare per borghi – I°parte

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Il 2017 è l’anno dei borghi. Andare per borghi significa coniugare cibo e cultura. L’Italia ne conosce ovunque: da Nord a Sud. Famelici ne ha selezionati 10. Ciascuno unico nelle sue proposte, tutti da raccontare, anche dal punto di vista enogastronomico. I primi quattro, scelti per voi, sono Bandiere Arancioni.

  • Sant’Agata de’ Goti Un borgo che sorge a picco su uno sperone di tufo, conosciuto per la produzione di mele annurca declinate in ricette dolci e salate e per i ristoranti che propongono la cucina sannita. Siamo nellaValle Caudina, dove il passaggio dei Longobardi e dei Normanni ha lasciato un segno indelebile.Le emozioni in viaggio, andare per borghi Sul nome del borgo aleggia il mistero. Noi vi raccontiamo la tesi più accreditata. In epoca normanna arrivò in Campania la famiglia Drengot, caduta in disgrazia in Normandia. Per riconquistare la posizione sociale perduta si misero al servizio dell’imperatore come mercenari. In questo modo Rainulfo Drengot ricevette in dono la rocca di Sant’Agata. Il passaggio da Sant’Agata Drengot a Sant’Agata de Got e poi a Sant’Agata Dei Goti fu semplice. Ma il borgo non è solo ricco di storia: siamo nel paese che ha dato i natali a Bill De Blasio, il sindaco di New York, siamo nel borgo dove mangiare è un’esperienza che ti riporta alla storia rurale italiana. Visitare Sant’Agata de’ Goti è un’esperienza difficile da dimenticare. La storia, intricata ma affascinante, la cucina come esperienza unica, arte e cultura non meno sorprendenti, sono le coordinate per il vostro viaggio alla scoperta di un borgo ben amministrato. Il paese gode di numerose visite, ma l’obiettivo della Giunta Comunale è quello di allungare i tempi di permanenza degli ospiti. Il nostro consiglio? Se, durante il vostro soggiorno, vi propongono la visita a una cantina, fatelo! Noi abbiamo “esplorato”una casa vitivinicola che si segnala per vini di qualità, tra cui la falanghina, riscoperta e riproposta in purezza a metà degli anni ’70. Stiamo parlando delle Cantine Mustilli scavate nella roccia tufacea. La famiglia Mustilli produce vini da ben 5 secoli! . “Negli anni Settanta – racconta Paola Mustilli – mio padre fece un monitoraggio dei vigneti della provincia di Benevento. Scoprì 18 varietà di uve, tra cui la falanghina fino ad allora usata per migliorare la qualità dei vini dei castelli romani. Ne rimase affascinato, la imbottigliò e la fece conoscere oltre i confini regionali”. E la cucina? Sant’Agata de’ Goti è un borgo dove si può degustare l’antica cucina sannita, di origine contadina. Così al Ristorante Antico Borgo si possono assaggiare le “pacche con fagioli”, all’Agriturismo Buro i ravioli ripieni con ricotta e mele annurca, al Ristorante Fiore la cucina del luogo rivisitata senza per questo perdere i suoi legami con il territorio. Consiglio finale: Sant’Agata de’ Goti merita più di una toccata e fuga, pernottate almeno due notti. Molte le offerte di B&B accoglienti. Noi abbiamo pernottato all’Agriturismo Le Rocce, dove abbiamo gustato una colazione sopraffina.
  • Sermoneta Un borgo vedetta, issato su un dosso di monti Lepini a sorvegliare la pianura e la regina Viarum, ovvero la via Appia. Era abitato fin da epoca pre-romana.Sermoneta: uno dei tanti borghi italiani. Nel Lazio Virgilio e Livio lo ricordano con il nome di Sermo. Vi si arriva per una tortuosa strada che sale direttamente dalla Pianura Pontina. Il paese è circondato da poderose mura e  arroccato attorno ad un imponente castello: il castello Caetani. La gastronomia è quella tipica delle colline lepine. Va dalle paste fresche alla carne (bovina, ovina, caprina di bufala) ai formaggi fino alle alle minestre. I piatti più tipici sono le lacchene, pasta all’uovo tagliata più larga delle fettuccine, con i fagioli; gli strozzapreti conditi con un sugo a base di mortadella e prosciutto cotto tritati; la polenta; l’abbacchio “caso e ova”. Tra i dolci della tradizione  le serpette, biscotti a forma di serpente preparati per la prima volta per celebrare la vittoria dei cristiani contro i Turchi, identificati con il serpente, nella battaglia di Lepanto, alla quale partecipò anche Onorato Caetani; i giglietti, biscotti dalla caratteristica forma a giglio, simbolo araldico dei Borbone di Francia e le ciambelle di magro, dolcetti dalla forma a ciambella aromatizzati al vino bianco.
  • Castelnuovo Magra L’Italia è una terra fatta di borghi che negli ultimi anni hanno intrapreso l’eroica attività di recupero di beni artistici spesso abbandonati ad un triste declino. Castelnuovo Magra: vagar per borghiL’obiettivo? Promuovere la cultura e l’economia del territorio. Castelnuovo Magra, in provincia di La Spezia, si estende nei pressi del confine con la Toscana. La sua struttura concentrica ci dice che l’abitato doveva raccogliersi intorno a un edificio difensivo non più esistente, costruito a cavallo dei secoli XII e XIII e indicato come Fortezza di S. Maria. Qui venne Dante mandato dai marchesi di Malaspina come procuratore per la pace di Castelnuovo con il vescovo di Luni. Lungo la via principale si affacciano palazzi signorili con splendidi portali in arenaria e marmo. Da poco è stata recuperata la 200esca Torre del Castello dei Vescovi di Luni, dove c’è un Museo concepito come un viaggio attraverso i luoghi di produzione del Vermentino. Il visitatore li scopre piano piano, man mano che sale i sei piani della torre medievale, in un viaggio ideale ricco di immagini di diversi territori, con particolare attenzione ai vigneti, alla costa e ai borghi storici di Liguria, Sardegna, Corsica e Costa Azzurra. La gastronomia del luogo è un mix tra piatti di mare e proposte della Lunigiana più interna. La tradizione lunigianese è riconoscibile in molte proposte culinarie: dalla scarpazza di Sarzana alla scherpada di Ponzano Superiore, tipiche torte di erbe; dalla kizoa di Castelnuovo Magra, una focaccia di farina di grano con salsiccia, ai testaroli, fino ai panigacci e agli sgabei. La produzione dolciaria prevede la Spungata di Sarzana, la torta margherita di Arcola, il canestrello arcolano, la torta di riso, il castagnaccio e la pinolata.
  • Montalcino Tra le colline del senese, immerso tra storia, tradizione e ottimo vino, sorge l’ antico borgo medievale di Montalcino, la cui fortuna fu tutta nell’essere una tappa obbligata per chi si recava a Roma.viaggi emozionanti: vagar per borghi Non solo. Come racconta  Stefano Cinelli Colombini nel suo opuscolo “Appunti per una storia di Montalcino”, il borgo aveva ottenuto nel XIII secolo di diventare porto franco. Un duty free del Medioevo, che vendeva il suo apprezzato vino! Montalcino era a tutti gli effetti un grande mercato, una sede vescovile e una città colta e ricca. La storia del vino è la storia del borgo. Nel 900 Fattoria dei Barbi inizia a vendere il Brunello per corrispondenza agli avvocati e ai notai di tutta Italia. I Biondi Santi lo spediscono negli USA. Nel 1932 12 aziende partecipano alla prima Mostra Mercato del Vino Tipico d’Italia a Siena. Nel 1950 Fattoria dei Barbi realizza la prima cantina d’Italia sempre aperta per la degustazione e la vendita. Il Brunello nel 900 diventa un vino importante come dimostra la definizione data dal poeta futurista Filippo Tommaso Marinetti: il brunello è benzina che muove il mondo. Un successo interrotto bruscamente negli anni 60 con la fine della mezzadria e con la costruzione dell’Autostrada del Sole. Il borgo perse il 70% della popolazione. Oggi la caparbietà di chi ha voluto conservare la propria identità culturale ha fatto sì che Montalcino sia tornata  agli antichi fasti.

Andare per borghi significa conoscere il legame cibo e cultura, imparando, divertendosi, senza dimenticare il piacere della tavola!

Potrebbe interessarti anche:


Perinaldo: vivere una notte indimenticabile

Una tappa veramente speciale del mio viaggio alla scoperta dei borghi liguri, in provincia di Imperia, è Perinaldo, un piccolo paese da visitare con gli occhi rivolti verso l'alto. Situato su un crinale, a 572 m. sul livello del mare e su un anfiteatro naturale, coperto da secolari uliveti, ginestre, mimose e vigneti, è conosciuto anche come il Poggio delle Stelle. Inserito...Perinaldo: vivere una notte indimenticabile ultima modifica: 2017-06-07T22:16:06+00:00 da Monica Viani

Potrebbe interessarti anche:


Un week end a Dolceacqua: il borgo amato da Monet

Borghi: come descriverli? Non è facile, ognuno nasconde il suo tesoro, ognuno ha una sua storia tra sacro e profano. Famelici ha visitato per voi cinque borghi liguri in provincia di Imperia: Airole, Dolceacqua, Pigna, Perinaldo e Apricale. Comun denominatore? Tutti Bandiere Arancioni, una delle numerose iniziative del Touring Club Italiano in difesa del patrimonio culturale e storico italiano. Dal 1998 il TCI...Un week end a Dolceacqua: il borgo amato da Monet ultima modifica: 2017-05-24T14:25:03+00:00 da Monica Viani

Potrebbe interessarti anche:


Asolo, la città dei cento orizzonti

Per gli stranieri l’Italia è sinonimo di borghi, ovvero di mete piccole ma belle. "Il 2017 sarà l’anno dei piccoli borghi", racconta il sottosegretario al Turismo Dorina Bianchi. Una grande opportunità per lo sviluppo di un turismo consapevole. "Abbiamo già investito 60 milioni di euro- continua il sottosegretario- nel recupero di fari, case cantoniere trasformati in alberghi e nei cammini (dalla...Asolo, la città dei cento orizzonti ultima modifica: 2016-10-08T12:49:10+00:00 da Monica Viani

Potrebbe interessarti anche:


Sant’Agata de’Goti: un viaggio in un borgo geloso della sua storia

Questa settimana vi propongo un viaggio a Sant’Agata de’ Goti, un piccolo borgo in provincia di Benevento. Uno dei luoghi più magici della Campania. Qui si respira la storia, non solo quella che si studia sui libri di storia, ma anche quella scritta dalle popolazioni che hanno lasciato le loro tracce nell’enogastronomia. La storia di Sant’Agata de’ Goti è...Sant’Agata de’Goti: un viaggio in un borgo geloso della sua storia ultima modifica: 2017-02-20T23:57:51+00:00 da Monica Viani

Potrebbe interessarti anche:


Claude Monet in Italia

Claude Monet in Italia La vita di Claude Monet (Parigi, 14 novembre 1840 – Giverny, 5 dicembre 1926) fu molto prolifica, lunga e non priva di polemiche con i suoi reiterati attacchi agli altri pittori della corrente impressionistica, artisti che a torto o ragione definiva per la maggior parte imbrattatori di tele. E' comunque proprio a lui che si deve...Claude Monet in Italia ultima modifica: 2017-06-15T22:00:08+00:00 da Redazione Famelici

Potrebbe interessarti anche:


Guida Supercool di Sant’Agata de’ Goti: dove mangiare l’autentica cucina sannita

Con un gruppo di giornalisti sono stata a Sant'Agata de' Goti, un borgo meraviglioso, ben amministrato, riconosciuto dal Touring Club Italiano come Bandiere Arancioni. Ecco allora una mini guida supercool di Sant'Agata de' Goti dove vi segnaliamo i ristoranti dove degustare la vera cucina sannita. Tutti rigorosamente provati! Ristorante Antico Borgo In un edificio che conserva le atmosfere della storia di Sant'Agata de' Goti, troviamo il...Guida Supercool di Sant’Agata de’ Goti: dove mangiare l’autentica cucina sannita ultima modifica: 2017-02-28T18:23:49+00:00 da Monica Viani

Le emozioni in viaggio…andare per borghi – I°parte ultima modifica: 2017-06-26T09:18:48+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *