Asolo, la città dei cento orizzonti

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Per gli stranieri l’Italia è sinonimo di borghi, ovvero di mete piccole ma belle. “Il 2017 sarà l’anno dei piccoli borghi”, racconta il sottosegretario al Turismo Dorina Bianchi. Una grande opportunità per lo sviluppo di un turismo consapevole. “Abbiamo già investito 60 milioni di euro- continua il sottosegretario- nel recupero di fari, case cantoniere trasformati in alberghi e nei cammini (dalla Via Francigena al Cammino di San Francesco). Vogliamo incentivare l’esperienza dell’ospitalità diffusa per offrire più posti letto senza cementificare. L’obiettivo è permettere ai turisti di fare esperienza di una cultura che appartiene a uno specifico territorio. Puntiamo a elevare la media dei giorni di permanenza straniera nel nostro Paese con l’intento di trasformare il turista nel miglior ambasciatore del Made in Italy. Non solo: vogliamo permettere a molte attività artigianali di conoscere una nuova fase di crescita”. Noi abbiamo visitato per voi un borgo assai suggestivo: Asolo.

Asolo: la città dei cento orizzonti

Asolo, la città delle tre donne: Caterina Cornaro, Eleonora Duse E Freya Stark

Giosuè Carducci definì Asolo “la città dei cento orizzonti”. Eppure non ci andò mai, ne rimase affascinato dallo scambio epistolare che intratteneva con alcuni amici asolani. Il borgo, composto da sontuosi palazzi e ville storiche ombreggiate da cipressi, raccolto e protetto da antiche mura, dominato dalla Rocca, imponente costruzione medievale a guardia del centro abitato in cima al Monte Ricco, conserva ancora oggi un’impronta medievale. Piccola corte rinascimentale di poeti e letterati umanisti alla corte di Caterina Cornaro, Asolo ha nel corso dei secoli ospitato intellettuali quali Pietro Bembo, Lorenzo Lotto, Giorgione, Robert Browning, Freya Stark, Eleonora Duse, Eugenio Montale («io qui asolante / tra i miei tetri cipressi»), Giuseppe Ungaretti ed Henry James.

…e dell’arte laica: la Pala di Lorenzo Lotto

La Pala di Lorenzo Lotto raffigurante “L’apparizione della Vergine ai santi Antonio abate e Ludovico da Tolosa” è visibile presso il Duomo di Asolo. Eseguita nel 1506, alla vigilia della sua partenza per le Marche, l’opera rappresenta un caposaldo della produzione iniziale del giovane Lorenzo Lotto iniziata sotto l’influenza dell’arte veneziana e di Albrecht Dürer. Tra le ipotesi relative alla committenza, la più accreditata è quella che l’assegna alla Confraternita dei Battuti. Una parte della critica scorge nel volto della Vergine le sembianze di Caterina Cornaro, la regina spodestata da Cipro, che proprio ad Asolo, in quegli anni, teneva una vivace corte di artisti e letterati. Se fosse vera tale ipotesi, potrebbe essere vera la tesi che sia stata lei a commissionare la pala o qualcuno che desiderava celebrarla. L’attenzione riservata alla riproduzione del paesaggio ci fa intendere l’influenza dei pittori fiamminghi su Lorenzo Lotto.

La descrizione de  “L’apparizione della Vergine ai santi Antonio abate e Ludovico da Tolosa” di  Lorenzo Lotto

La Vergine, racchiusa nel manto di lapislazzuli, presenta i tratti fisionomici di una donna matura, caratterizzati con una tale precisione  da far pensare a un ritratto di un personaggio riconoscibile. Ai suoi piedi sono rappresentati Sant’Antonio abate e San Ludovico di Tolosa. Lotto la Pala di Lorenzo Lotto conservata ad AsoloIl primo, di fianco, nei suoi abiti da eremita, con i sandali, appoggiato al bastone, regge con due dita della mano destra la campanella in controluce mentre guarda la sacra apparizione; il vescovo, rapito dalla visione, è invece un giovane riccamente vestito, palpitante di fede che volge il suo profilo perduto alla dimensione divina. Tre alberi, precisamente connotati, sono alle spalle dei protagonisti:da sinistra, un alloro, un cipresso e una quercia. In primo piano si scorgono una primula, accanto al piede di sant’Antonio, alcuni esemplari di verbasco lungo il sentiero a destra, una pianta di polmonaria e foglie di piantaggine lanceolata nei pressi della base del pastorale di San Ludovico, tutte specie vegetali medicinali con significati simbolici. Si scorgono poi altri elementi: la strada, il gruppo di case con il mulino, i vasi di fiori alle finestre, le tortore sul tetto e, in fondo, sul monte, la città fortificata.

Potrebbe interessarti anche:


Canova: l’arte e il gusto di due gelati al giorno!

A pochi chilometri da Asolo, a Possagno, imperdibile la visita alla gipsoteca dedicata a Canova, uno scultore studiato a scuola ma poco conosciuto veramente. Qui si possono ammirare i dipinti, i disegni, i bozzetti in terracotta e i modelli delle sculture del grande maestro del Neoclassicismo. Canova artista, ma soprattutto imprenditore Canova era un artista ma anche un imprenditore. Meticoloso nel...Canova: l’arte e il gusto di due gelati al giorno! ultima modifica: 2016-12-18T15:01:26+00:00 da Monica Viani

Potrebbe interessarti anche:


Vuoi conoscere le 3 donne che hanno reso grande Asolo?

Tre donne hanno reso grande Asolo: la "divina" Eleonore Duse, la politica Caterina Cornaro e la viaggiatrice Freya Stark. Ci aiutano a conoscere Asolo al femminile. Eleonora Duse, la grande attrice che amò Asolo come "asilo della sua vecchiaia" "Gli perdono di avermi sfruttata, rovinata, umiliata. Gli perdono tutto, perchè ho amato». Le parole della Divina sono rivolte a Gabriele D’annunzio,...Vuoi conoscere le 3 donne che hanno reso grande Asolo? ultima modifica: 2018-11-28T13:52:31+00:00 da Monica Viani

Potrebbe interessarti anche:


Asolo, un tuffo nel mondo dei vini: il Prosecco

Il Consorzio Vini del Montello e Colli Asolani è un consorzio nato nel 2005 e che vanta una rarità nell’ ambito produttivo italiano: la tutela di due DOCG, quella del “Asolo Prosecco Superiore” (2009) e del “Montello Rosso” o “Montello” (2011). Il Presidente del Consorzio Armando Serena ci racconta che: “il nostro obiettivo è quello di promuovere il nostro...Asolo, un tuffo nel mondo dei vini: il Prosecco ultima modifica: 2016-11-18T23:15:53+00:00 da Monica Viani

Asolo, la città dei cento orizzonti ultima modifica: 2016-10-08T12:49:10+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *