Asolando, ovvero passeggiare alla ricerca della felicità

Share on FacebookTweet about this on Twitter

A volte certi luoghi ti sorprendono: è il caso di Asolo, da cui deriva “asolando”. Il poeta inglese Robert Browning lo elesse luogo di sorprendente ispirazione, tanto da coniare il termine “asolando” per indicare lo stato d’animo di felicità che accompagna quelle passeggiate che ti fanno scoprire la bellezza del perdersi nei propri pensieri, godendo di un paesaggio.

Robert Browning: asolando

Uno scorcio di Asolo, borgo per cui il poeta Robert Browning coniò il termina asolando

Robert era innamorato del Veneto, di Venezia, sempre desideroso di conoscere amene località che lo ispirassero nella composizione dei suoi versi. Mentre era intento alla stesura del “Sordello”, un amico, un pittore americano, lo porta ad Asolo. É amore a prima vista. Nei suoi sogni il borgo, disteso elegantemente sui declivi dei colli, quel territorio che aveva affascinato anche il Canova, ritornerà spesso. Asolo è il luogo dove il poeta ambienta “Pippa passes”, la storia di una filatrice di seta che racconta storie drammatiche. Nel frattempo Browning si innamora perdutamente di una poetessa di origini giamaicane, più vecchia di lui di 6 anni: Elizabeth Barrett. Un amore che nasce da uno scambio epistolare dedicato alla letteratura. Elizabeth è una donna fragile, affetta da malattie di tipo psicosomatiche. Il loro è un amore segreto, osteggiato dal padre di Robert che non voleva che i figli si sposassero. I due convolano a nozze e dalla loro relazione nasce un figlio, ma Elizabeth presto muore. Browning si trasferisce ad Asolo, vive presso la Villa Scotti Pasini, dove fa piantare nel giardino un cipresso che da allora diviene l’albero decorativo di tutti i giardini di Asolo. Scrive “Asolando”, ovvero “andare a prendere un po’ d’aria”, “divertirsi all’aria aperta”. E allora la prima cosa da fare arrivati ad Asolo è proprio quella di perdersi tra le vie di un borgo tutto da scoprire. Naturalmente asolando!

Potrebbe interessarti anche:


Vuoi conoscere le 3 donne che hanno reso grande Asolo?

Tre donne hanno reso grande Asolo: la "divina" Eleonore Duse, la politica Caterina Cornaro e la viaggiatrice Freya Stark. Ci aiutano a conoscere Asolo al femminile. Eleonora Duse, la grande attrice che amò Asolo come "asilo della sua vecchiaia" "Gli perdono di avermi sfruttata, rovinata, umiliata. Gli perdono tutto, perchè ho amato». Le parole della Divina sono rivolte a Gabriele D’annunzio,...Vuoi conoscere le 3 donne che hanno reso grande Asolo? ultima modifica: 2018-11-28T13:52:31+00:00 da Monica Viani

Potrebbe interessarti anche:


Asolo, un tuffo nel mondo dei vini: il Prosecco

Il Consorzio Vini del Montello e Colli Asolani è un consorzio nato nel 2005 e che vanta una rarità nell’ ambito produttivo italiano: la tutela di due DOCG, quella del “Asolo Prosecco Superiore” (2009) e del “Montello Rosso” o “Montello” (2011). Il Presidente del Consorzio Armando Serena ci racconta che: “il nostro obiettivo è quello di promuovere il nostro...Asolo, un tuffo nel mondo dei vini: il Prosecco ultima modifica: 2016-11-18T23:15:53+00:00 da Monica Viani

Asolando, ovvero passeggiare alla ricerca della felicità ultima modifica: 2016-10-30T13:30:52+00:00 da Monica Viani

2 commenti per “Asolando, ovvero passeggiare alla ricerca della felicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *