Leggere Amélie Nothomb attraverso il cibo: “Biografia della fame” oltre al mangiare la ricerca della propria identità

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Si può raccontare la propria vita attraverso il desiderio, la fame di cibo e cultura? Sì, soprattutto quando questa diventa metafora di altri desideri: amore, bellezza, avventure. Il romanzo autobiografico “Biografia della fame” della scrittrice belga Amélie Nothomb è una testimonianza di come sconfiggere l’anoressia cibandosi di parole, trasformando il corpo in carta. Il libro pubblicato nel 2004 è un romanzo senza tempo che vale la pena leggere e prestare agli amici per capire come il cibo sia un importante elemento identitario. Non solo personale, ma anche del proprio paese. Quella di Amélie Nothomb è la storia di una fame che non può sopirsi: ogni appetito ne richiama un altro. É il racconto di una marcia trionfale di una donna che ha compreso che la fame è quell’aspirazione che ti porta a implorare che laddove sembra non esserci niente ci sia qualcosa. “L’affamato è qualcuno che cerca”– così scrive Amélie Nothomb . La scrittrice è consapevole che “la fame è volere. É un desiderio più grande del desiderio. Non è la volontà, che è forza. Non è neanche debolezza, perché la fame non conosce passività”. La sua storia è quella di una donna che ha convissuto con l’anoressia, che ha vissuto con difficoltà il passaggio dall’infanzia all’adolescenza, che ha scelto nella scrittura un’arma per comunicare con il mondo.

…e l’obesità? La storia del corpo del soldato Malvin Mapple

Ma il cibo presenta anche un’altra faccia “malata”: l‘obesità. “Un corpo obeso è vivo? La sola prova che non è morto è che continua a ingrassare. É questa la logica dell’obesità”- ci racconta Nathalie in “Una forma di vita“. Il grasso nelle nostre società è un tabù, spaventa, disturba, disorienta, dà l’idea di non sapere controllare la fame e, dunque, le richieste del proprio corpo. Amélie Nothomb è affascinata dal suo significato sociale. In “Una forma di vita” la scrittrice belga narra la sua relazione epistolare con un soldato americano di stanza in Iraq: Malvin Mapple. Malvin è obeso a causa di una sorta di bulimia nervosa causata dalla guerra. La paura, la follia del conflitto sono “divorati”, si materializzano in un corpo deriso dal resto della truppa. Un’obesità accettata perché le si assegna il nome di una donna: Sharazàd. Ma chi è veramente Malvin Mapple? Un uomo che per sopravvivere si è impossessato dell’identità del fratello al fronte. In realtà lui vive chiuso nella prigione di una solitudine che, iniziata su Internet, è sfociata nel nulla. “Vivere a tempo pieno su internet crea una situazione di tale irrealtà che quel cibo divorato per mesi non era mai esistito. Ero un grasso privato di storia e, in quanto tale, geloso di quelli inclusi nella Grande Storia”. Chi è obeso perde identità, cerca disperatamente una forma di vita.

Perché parlare di anoressia, bulimia e obesità?

Oggi è di moda parlare di healthy food, di corpi perfetti, di allenamenti fatti allo scopo di avere il massimo controllo del proprio corpo. nè sante, nè puttane, solo donne in cerca di identitàNon è facile parlare di identità, di costruzione della propria immagine rispettando se stessi. Si può veramente fare ciò che si vuole del proprio corpo? Siamo noi a scegliere come vogliamo essere o siamo vittime, più o meno consapevoli, di messaggi che ci bombardano in continuazione per imporci un’immagine che non ci rispecchia? Chi non riceve via mail o su FB continui inviti d aderire a metodi miracolosi a perdere 15-20 Kg in pochi mesi? Non richiesti, mi arrivano costantemente inviti a rassodare i glutei, a tonificare gli addominali. In base alla mia età, ai miei interessi, a ciò che scrivo o cerco in Internet sono stata “targetizzata”. L’incubo delle diete, la frustrazione di non diventare quello che altri vorrebbero che fossimo, provoca un dolore spesso difficile da comunicare. E così il cibo si trasforma in un’arma per ricordare e ricordarci quanto sia difficile amarsi e rispettarsi.

Potrebbe interessarti anche:


L’anoressia avanza: ce lo dicono i gruppi su WhatsApp

L'anoressia avanza. Eppure se ne parla sempre meno. Non ne siete convinti? Cercate su WhatsApp o su Google pro-ana, ovvero l'acronimo usato in chat per propagandarla. Rimarrete sorpresi! L'anoressia avanza: come fermarla? Sono...L’anoressia avanza: ce lo dicono i gruppi su WhatsApp ultima modifica: 2017-07-31T00:02:27+00:00 da Monica Viani

L'anoressia avanza. Eppure se ne parla sempre meno. Non ne siete convinti? Cercate su WhatsApp o su Google pro-ana, ovvero l'acronimo usato in chat per propagandarla. Rimarrete sorpresi! L'anoressia avanza: come fermarla? Sono 3 milioni gli italiani che soffrono di disturbi del comportamento...L’anoressia avanza: ce lo dicono i gruppi su WhatsApp ultima modifica: 2017-07-31T00:02:27+00:00 da Monica Viani

L'anoressia avanza. Eppure se ne parla sempre meno. Non ne siete convinti? Cercate su WhatsApp o su Google pro-ana, ovvero l'acronimo usato in chat per propagandarla. Rimarrete sorpresi! L'anoressia avanza: come fermarla? Sono 3 milioni gli italiani che soffrono di disturbi del comportamento alimentare. Si registrano ogni anno 850 nuovi casi, in prevalenza tra donne di età compresa tra 13 e 35 anni....L’anoressia avanza: ce lo dicono i gruppi su WhatsApp ultima modifica: 2017-07-31T00:02:27+00:00 da Monica Viani

Potrebbe interessarti anche:


Leggere Virginia Woolf attraverso il cibo: ritratto di una donna che fa ancora paura

Leggere Virginia Woolf attraverso il suo rapporto con il cibo: un tentativo di comprendere la personalità di una scrittrice governata da impulsi spesso opposti. Un'ulteriore dimostrazione che cibo e cultura possono essere chiavi di lettura per cercare di dare risposte a domande complesse. Ma chi è Virginia? Una donna nevrotica, taciturna, depressa, scorbutica, frigida, con un naso pronunciato e...Leggere Virginia Woolf attraverso il cibo: ritratto di una donna che fa ancora paura ultima modifica: 2017-09-04T00:04:15+00:00 da Monica Viani

Potrebbe interessarti anche:


Frida Kahlo: come non te la hanno mai raccontata

Frida Kahlo non sorride mai, non cerca di sedurti, ti guarda in faccia, severa, con orgoglio, sfidando la vita. É il ritratto di una combattente, di chi ti affascina...Frida Kahlo: come non te la hanno mai raccontata ultima modifica: 2017-01-26T21:00:11+00:00 da Monica Viani

Frida Kahlo non sorride mai, non cerca di sedurti, ti guarda in faccia, severa, con orgoglio, sfidando la vita. É il ritratto di una combattente, di chi ti affascina per il suo carattere indomabile. Magdalena Carmen Frida Kahlo y...Frida Kahlo: come non te la hanno mai raccontata ultima modifica: 2017-01-26T21:00:11+00:00 da Monica Viani

Frida Kahlo non sorride mai, non cerca di sedurti, ti guarda in faccia, severa, con orgoglio, sfidando la vita. É il ritratto di una combattente, di chi ti affascina per il suo carattere indomabile. Magdalena Carmen Frida Kahlo y Calderón, nota come Frida Kahlo, nacque il 6 giugno 1907 a Coyoacán, in Messico, da padre tedesco-ungherese e madre messicana....Frida Kahlo: come non te la hanno mai raccontata ultima modifica: 2017-01-26T21:00:11+00:00 da Monica Viani

Potrebbe interessarti anche:


Non siamo né sante, né puttane…solo donne in cerca di identità

#Quellavoltache o #metoo sono hastag che ormai tutti conoscono. Qui si raccontano quelle storie di ordinaria molestia maschile che tante volte provocano solo un’alzata di spalle. Tutto è iniziato...Non siamo né sante, né puttane…solo donne in cerca di identità ultima modifica: 2018-11-25T15:19:37+00:00 da Monica Viani

#Quellavoltache o #metoo sono hastag che ormai tutti conoscono. Qui si raccontano quelle storie di ordinaria molestia maschile che tante volte provocano solo un’alzata di spalle. Tutto è iniziato con la denuncia dell'attrice Asia Argento nei confronti di Harvey...Non siamo né sante, né puttane…solo donne in cerca di identità ultima modifica: 2018-11-25T15:19:37+00:00 da Monica Viani

#Quellavoltache o #metoo sono hastag che ormai tutti conoscono. Qui si raccontano quelle storie di ordinaria molestia maschile che tante volte provocano solo un’alzata di spalle. Tutto è iniziato con la denuncia dell'attrice Asia Argento nei confronti di Harvey Weinstein, uno dei più noti e potenti produttori di Hollywood. Il femminismo ha lottato per anni per dare voce al...Non siamo né sante, né puttane…solo donne in cerca di identità ultima modifica: 2018-11-25T15:19:37+00:00 da Monica Viani

 

 

 

 

Leggere Amélie Nothomb attraverso il cibo: “Biografia della fame” oltre al mangiare la ricerca della propria identità ultima modifica: 2017-10-22T23:24:12+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *