Taranto, la rinascita di una città ricca di cultura

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Taranto è spesso associata alle vicende dell’ILVA. Prima modello di sviluppo, poi simbolo della barbarica industrializzazione avvenuta senza rispetto di alcun piano regolatore favorendo l’abuso edilizio, oggi rappresentazione di quanto sia facile promettere soluzioni messianiche per poi tradirle miserevolmente. Ma Taranto non è solo ILVA, è anche una città che vuole risollevarsi dal degrado. Abbiamo titolato il post Taranto, la rinascita di una città ricca di cultura, perchè, durante un mio recente viaggio in Puglia, ho visto una città che vuole credere in un futuro possibile. La comunità locale è pronta a provare a renderla una città turistica.

Taranto, la rinascita di una città ricca di cultura

Il Comune ha deciso di ripartire dal risanamento del centro storico, che si affaccia sul mar Piccolo e il mar Grande. Per essere onesti di recupero della Città Vecchia se ne parla da lungo tempo, ora, che qualche investimento privato cominci a vedersi, bisognerà costruire una visione organica della città, capace di ricostruirla non solo dal punto di vista dell’urbanistica ma anche dell’aspetto culturale.

Non c’è solo il Borgo Antico, c’è anche il mare, che invita a riscoprire l’antica vocazione marinara. Il mare offre anche la possibilità di ricostruire una forte identità, precedente all’industrializzazione forzata.

Taranto ha già una grande eccellenza, il MArtA, il Museo archeologico nazionale che custodisce gli Ori di Taranto, ma anche il Castello Aragonese.

In particolare il Museo archeologico nazionale, il MArTA (www.museotaranto.beniculturali.it) racconta più di 6mila anni di storia della città attraverso una preziosa collezione di ori, monili, anfore, vasi, statue, corredi funerari, mosaici e  molti altri reperti. Qui  si può conoscere che cosa ha rappresentato per il Sud Italia la civiltà della Magna Grecia. Al secondo piano si può ammirare la tomba dell’atleta di Taranto, vincitore di una gara di pentathlon ai giochi panatenaici.

Sotto al Ponte Girevole, che collega l’isola artificiale del Borgo Antico con la terraferma ed il Borgo Nuovo, vi è il Castello Aragonese, o Castel Sant’Angelo, di proprietà della Marina Militare che consente visite guidate in ogni giorno dell’anno e gratuitamente. Risale all’anno 1000,  quando i Bizantini lo cominciarono a costruire per difendersi dagli attacchi dei Saraceni che provenivano dal mare.

Potrebbe interessarti anche:


Quegli ori che si vedono solo al MArTA di Taranto

Quegli ori che si vedono solo al MArTA di Taranto non li conosce solo il Vicepresidente del Consiglio Luigi Di Maio che, intervistato da Bianca Berlinguer a #Cartabianca riguardo all'Ilva: "Avremmo fatto una nuova...Quegli ori che si vedono solo al MArTA di Taranto ultima modifica: 2018-10-30T14:45:24+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Tàula, lettu e focu: rrumani n’àutru pocu (e altri proverbi salentini da gustare)

Faceva un bel freddo a febbraio in Salento. E io, non è la prima volta, cercavo proverbi* che, parlando di cibo, parlassero dello spirito di quei luoghi e di come vivere una vita sana e saggia. “Tavola, letto, fuoco; rimani un altro poco” era perfetto per iniziare, con quel senso di indugio goduto, di complice pigrizia, di calore ospitale. Perché...Tàula, lettu e focu: rrumani n’àutru pocu (e altri proverbi salentini da gustare) ultima modifica: 2018-04-09T23:01:12+00:00 da Daniela Ferrando FamFriend

 

Taranto, la rinascita di una città ricca di cultura ultima modifica: 2018-11-01T14:42:44+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *