Precari ma sorridenti. Le maschere di Carnevale milanesi

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Tempo di Carnevale, chiacchiere e…maschere. Protagoniste assolute di quello Ambrosiano sono due maschere di Carnevale, un’ottima coppia imprenditoriale, in pieno stile milanese: El Meneghín e la Cècca.

El Meneghín, il servitore della domenica

Nome Domenico o Dommenichino ma in dialetto semplicemente Meneghino

Cognome Pecènna (parrucchiere – pettine)

Nato Dalla fantasia del commediografo Carlo Maria Maggi

Padre Il commediografo Carlo Maria Maggi

Stato coniugale Sposato con la Cecca, incontrata durante le Cinque Giornate di Milano

Abbigliamento Camicia bianca, pantaloni e casacca orlati di verde, giacca marrone e  cappello a tricorno orlato di rosso

Acconciatura Parrucca di foggia francese con codino

Ruolo Servitore della domenica per milanesi a caccia di nobiltà ma a corto di quattrini. Pagato lautamente a chiamata per fare, su richiesta, l’accompagnatore, il maggiordomo ma anche l’acconciatore o parrucchiere. Insomma un precario ante litteram

Carattere Ridanciano, schietto e generoso si prende gioco bonariamente dei difetti e vizi dei suoi clienti. Non sopporta la prepotenza ed è l’emblema della generosità e laboriosità milanese

A tavola Amante del buon cibo, non rifiuta mai una fetta di panettone

Segni particolari Non indossa nessuna maschera. In virtù del suo spirito libero e indipendente fu interpretato anche come simbolo della ribellione antiaustriaca

Estimatori Il poeta dialettale settecentesco Carlo Maria Porta

La Cècca, la donna dei nastri e fronzoli

Nome  Cecca, diminutivo di Francesca. Chiamata anche Cecca de berlinghitt, perchè fornisce nastri, guarnizioni e fronzoli al marito

Stato coniugale Moglie di Meneghino

Abbigliamento Corsetto di velluto nero con pizzi bianchi e bottoni dorati,  sottana di panno, grembiule bianco, calze azzurre e scialletto di tulle

Acconciatura Una cresta pieghettata alla brianzola le incornicia il capo

Ruolo Aiutante del marito, procura addobbi e il nécessaire per i vari clienti occasionali. Fa quadrare i conti e tiene in ordine casa

Carattere Sorridente e volenterosa, è una donna  laboriosa che affronta le fatiche con il sorriso e una buona dose di creatività

Segni particolari Come Meneghino è tra le poche maschere italiane ad avere il viso scoperto, simbolo di schiettezza e onestà

Precari ma sorridenti. Le maschere di Carnevale milanesi ultima modifica: 2017-02-23T14:26:55+00:00 da Alessandra Cioccarelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *