Vieni a prendere un caffè con…

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Quante volte hai detto: vieni a prendere un caffè? Ma sei sicuro di conoscere la cultura del caffè e il suo legame con la letteratura? Per mettere alla prova le tue nozioni letterarie, ecco alcune suggestioni  che ci fanno scoprire che cosa ha rappresentato nella storia della letteratura italiana. Il caffè è stato spesso all’origine di alcuni importanti movimenti letterari, artistici e filosofici della nostra storia. É stato un’occasione, una scusa per condividere idee e pensieri. Qualche esempio? Carlo Goldoni con il suo testo teatrale la Bottega del caffè, la rivista Il Caffè intorno a cui si riunivano gli illuministi guidati da Pietro Verri e gli scritti dei Futuristi, che spesso si riunivano al Caffè delle Giubbe Rosse a Firenze.

Goldoni a la Bottega del caffè: cibo e cultura

Ai tempi di Goldoni il consumo del caffè era un lusso amato dai patrizi. Proprio per questo le botteghe di caffè aumentarono nel giro di pochi anni e divennero luoghi mondani, ma anche di incontri culturali. Il caffè aveva un ruolo sociale e intellettuale, che consentiva il confronto tra i valori aristocratici e quelli borghesi.

La rivista Il Caffè e l’illuminismo

Circa un decennio dopo l’uscita de La bottega del caffè di Goldoni, a Milano gli illuministi si riuniscono intorno alla rivista Il Caffè. Le scelte editoriali avvenivano spesso ai tavolini di un caffè. vieni a prendere un caffè con...gli illuministi della rivista Il CaffèCome fu scelto il titolo della testata? Sicuramente ci fu un richiamo al luogo dove avvenivano le riunioni di redazione, ma anche alle suggestioni culturali che offriva una bevanda considerata nuova ed energizzante. Uno dei primi articoli pubblicati da Pietro Verri, subito dopo le pagine introduttive che spiegavano le motivazioni della pubblicazione, è significativo: Storia Naturale del Caffè. Dopo una breve discussione sull’origine della pianta a Costantinopoli, il suo passaggio nel mondo arabo, e come in Europa, fosse da poco nota, l’intellettuale milanese descrive come prepararla per avere un’ottima bevanda. Conclude l’articolo ricordando come il caffè “rallegral’animo, risvegliala mente […] particolarmente utile alle persone che fanno poco moto e che coltivano le scienze” accelerando l’attività corporea e ravvivando lo spirito. Confronta poi il caffè alla mitica bevanda nepente, che pare fosse apprezzata da Omero e altri greci per la sua capacità di far dimenticare il dolore.

Tecnologia, velocità, energia: la cultura del caffè e il futurismo

I futuristi amarono il caffè come promotore della modernità attraverso l’avvento della macchina per l’espresso. Queste comparvero ovunque nei bar e nei ristoranti, particolarmente in quelli soprannominati “i bar americani”, assai amati dalla borghesia.Pubblicità futurista caffè. vieni a prendere un caffè con...i futuristi Qui spesso la bevanda era bevuta in piedi e ciò per i futuristi coincideva con l’idea della velocità. Una vita veloce associata a una bevanda energetica! La parola “espresso” non è un concetto strettamente italiano. Il termine fu preso dall’inglese express che a sua volta lo deriva dalla parola francese exprès, che vuol dire “made to order,” o “fatto su ordinazione”. Alla metà dell’Ottocento in Inghilterra erano in servizio dei treni che correvano alle loro destinazioni senza fermarsi in fermate intermedie. Erano gli espresses. Quando Luigi Bezzera, nel 1905, presentò domanda per un brevetto per la sua macchina per l’espresso fece riferimento ai treni e alla velocità a cui rimandava il termine caffè espress. Il futurismo non ne poteva rimanere che affascinato! Tre poster pubblicitari testimoniano l’intreccio fra il caffè e l’arte futurista. La prima pubblicità è di Leonetto Cappiello e rappresenta un uomo sul treno che stende la mano per prendere un caffè dalla macchina per l’espresso. Treno e caffè esprimono il valore della velocità. Le altre due sono di Fortunato Depero e Luigi Veronesi. Perché i Futuristi erano attratti dalla caffeina? Semplice: è un alcaloide naturale che eccita la mente e permette di produrre idee in modo decisamente più rapido. Non stupisce che Marinetti fosse chiamato “la caffeina d’Europa”. Il più grande portavoce del futurismo considerava il caffè uno strumento che poteva “liberare” l’Europa dall’idolatria del passato.

Il suggerimento di Famelici per ristoratori che vogliono promuovere la cultura del caffè

vieni a prendere un caffè

E se per la vostra carta del caffè– perché chi ama il caffè vuole sapere che cosa sta sorseggiando- prevedeste anche un piccolo omaggio? Cosa? Una citazione letteraria da accompagnare alla descrizione del caffè che proponete. Noi di Famelici abbiamo trovato qualche frase celebre da proporvi, a voi poi la ricerca di versi, frasi, riflessioni su una bevanda che è cultura e che merita la stessa considerazione che prestiamo quando scegliamo un vino!

  • Caffè…ovvero salute!

“Bevo quaranta caffè al giorno per essere ben sveglio e pensare, pensare, pensare a come poter combattere i tiranni e gli imbecilli. Sarà senz’altro un veleno, ma un veleno lentissimo: io lo bevo già da settant’anni e, finora, non ne ho mai provato i tristi effetti sulla mia salute…” Voltaire

  • Caffè…ovvero vigore!

“Il caffè mette in movimento il sangue, ne fa sgorgare gli spiriti motori, eccitazione che precipita la digestione, caccia il sonno e permette di utilizzare un po’ più a lungo le facoltà cerebrali”. Honoré de Balzac

  • Caffè…ovvero cultura!

“…Ecco il caffè, signore, caffè in Arabia nato, | E dalle carovane in Ispaan portato. | L’arabo certamente sempre è il caffè migliore; | Mentre spunta da un lato, mette dall’altro il fiore. | Nasce in pingue terreno, vuol ombra, o poco sole. | Piantare ogni tre anni l’arboscel si suole. | Il frutto non è vero, ch’esser debba piccino, | Anzi dev’esser grosso, basta sia verdolino, | Usarlo indi conviene di fresco macinato, | in luogo caldo e asciutto, con gelosia guardato. | … A farlo vi vuol poco; | Mettervi la sua dose, e non versarlo al fuoco. | Far sollevar la spuma, poi abbassarla a un tratto | Sei, sette volte almeno, il caffè presto è fatto…” Carlo Goldoni

  • Caffè…ovvero intensità!

“Quando al di sopra della Linea Gotica si è giù di corda ci si aiuta con un grappino, a Napoli, invece, con un caffè, e per raggiungere il livello desiderato, credetemi, ce ne vogliono almeno tre, e di quelli buoni. Ma tre caffè al giorno costano quello che costano. Forse ce li dovrebbe passare la mutua”. Luciano De Crescenzo

  • Caffè…ovvero perizia!

Concè ti sei immortalata!
Che bella schifezza che hai fatto!
Non ti piglià collera Concè.
Tu si una donna di casa e sai fare tante cose.
Per esempio ‘a frittata c’ ’a cipolla, come la fai tu non la sa fare nessuno.
È una pasticceria. Ma ‘o ccaffè non è cosa per te.
Non lo sai fare e non lo vuoi fare, perché vuoi risparmiare.
Col caffè non si risparmia.
E’ pure la qualità scadente: chisto fete ‘e scarrafune… Eduardo De Filippo

Caffè e cultura un legame indissolubile!

Potrebbe interessarti anche:


6 caffè d’autore per 6 film evergreen

Amate il cinema, ma anche il caffè d’autore? E allora non perdetevi il gioco che Famelici organizza per cinefili e veri intenditori di caffè! Abbiamo scelto sei film e li abbiamo abbinati a sei referenze proposte da Caffè del Caravaggio. A voi la scelta! Colazione da Tiffany: tubino, occhiali da sole, perle e …caffè Come dimenticare la prima scena in cui un’elegantissima...6 caffè d’autore per 6 film evergreen ultima modifica: 2017-07-16T19:28:42+00:00 da Monica Viani

Potrebbe interessarti anche:


Un Caffè con l’Artista. Il piacere di bere con gli occhi

Timida comparsa o indiscusso protagonista. Semplice bevanda o occasione di ritrovo. Emblema di eleganza o servito con intenti satirici. Il caffè, fin dalla sua prima entrata in scena, diviene un interessante soggetto nella storia dell’arte, una cartina tornasole di una rivoluzione di gusti, costumi e riti. Nei quadri del Seicento e Settecento non può mancare nelle tele di vita...Un Caffè con l’Artista. Il piacere di bere con gli occhi ultima modifica: 2017-06-11T23:34:24+00:00 da Alessandra Cioccarelli

Potrebbe interessarti anche:


La Carta dei Diritti del Caffè: pretendere l’eccellenza al ristorante

Un caffè non si rifiuta mai? Famelici non ne è convinto e propone la Carta dei Diritti del Caffè. Il 14 luglio 1776 il Congresso degli Stati Uniti approvò la Dichiarazione di Indipendenza. I primi 10 emendamenti della Costituzione corrispondono alla Carta dei Diritti, quel documento che tutti riconoscono come il fondamento della definizione di libertà. E voi direte...La Carta dei Diritti del Caffè: pretendere l’eccellenza al ristorante ultima modifica: 2017-05-17T12:13:51+00:00 da Monica Viani

Potrebbe interessarti anche:


Itinerari Famelici. Guida alla Milano futurista

Ci sono tanti modi per conoscere una città, tanti punti di vista diversi. Alcune vie sono più esplorate, altre, magari meno celebrate dalle guide, rimangono nascoste ai più. La città di Milano, oltre a essere la capitale della moda, del design e di tanto altro, è stata la culla di una grande avanguardia artistica: il Futurismo. Dinamico, irriverente, chiassoso...Itinerari Famelici. Guida alla Milano futurista ultima modifica: 2017-05-29T08:44:30+00:00 da Alessandra Cioccarelli

Potrebbe interessarti anche:


Agile, dinamica, aerea. La cucina futurista sfida il palato!

Letteratura, arte, teatro, moda. Sono moltissimi e i più variegati gli ambiti in cui il futurismo ha avuto da dire la sua. Nato nel 1909 e conclusosi nel 1944, questo movimento eccentrico e italianissimo, tra le sue eredità, ha partorito anche una sua idea ambiziosa e decisamente creativa di gastronomia: la cucina futurista. Il Manifesto della cucina futurista “Il pranzo perfetto...Agile, dinamica, aerea. La cucina futurista sfida il palato! ultima modifica: 2017-01-31T00:10:23+00:00 da Alessandra Cioccarelli

Potrebbe interessarti anche:


Cibo e cultura: 8 libri per l’estate da leggere o rileggere

Cibo e cultura...mai dimenticare questo binomio...neppure in vacanza! Famelici vi consiglia 8 libri da leggere o rileggere. Lettere sulla cucina di Alexandre Dumas: romanziere, intellettuale, curioso gastronomo e cuoco. Amava viaggiare, ma soprattutto riportare le ricette. Dimorò anche a Napoli dove rimase affascinato dalla cucina napoletana. Pubblicò un libro sotto forma epistolare dove rivela i propri gusti. Gustosa la polemica sulla ricetta dei "maccheroni". Senza timore rivela che...Cibo e cultura: 8 libri per l’estate da leggere o rileggere ultima modifica: 2017-07-28T16:07:03+00:00 da Monica Viani

Vieni a prendere un caffè con… ultima modifica: 2017-09-24T22:04:54+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *