I Colli Berici presentano i loro vini. Li conosci?

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Settembre è stato il mese in cui Famelici si è concentrato nell’assaggiare alcuni vini veneti. Una zona che ci ha particolarmente colpito è quella dei Colli Berici. Siamo nel cuore del Veneto, dove natura e ambiente rurale ci ricordano che cibo è cultura. I vigneti si alternano a ville progettate da Andrea Palladio, il cui genio è più attuale di quello che pensiamo. Che cosa ci raccomanda? Cambiamo il mondo, ma non rottamiamolo!

I Colli Berici presentano i loro vini

Dei 3000 ettari vitati dei Colli Berici la parte del leone la fanno due uve: la garganega (bacca bianca) e il tai rosso….ma con alcune sorprese!

La garganega, forse portata nel nord Italia dagli etruschi, matura in ottobre; ha una buccia dura e, durante la maturazione, gialla.

É usata per la produzione del “Colli Berici” Garganega composti secondo disciplinare, da almeno il 50% di questa uva, che dà origine a vini con un delicato profumo fruttato, dal sapore asciutto, fresco e sapido.

Il tai rosso caratteristico del territorio deriva dal vitigno chiamato un tempo Tocai rosso. Ha la medesima natura genetica del cannonau sardo, del grenache francese e della garnacha spagnola, ma nel Vicentino ha trovato una sua identità fortemente legata al territorio.

L’immancabile leggenda narra che il tai rosso sia giunto nei Colli Berici grazie ad un falegname che, al termine del servizio militare nel Comitato ungherese dello Zemplen,  importò nella località dove nacque, Barbarano Vicentino, alcune barbatelle di questo vitigno, che aveva visto coltivare e vinificare nella zona del Tokaji. Lo piantò vicino alla bianca garganega e i vignaioli  denominarono la varietà “Marangona”, ovvero “figlia del falegname”, mentre il vino fu chiamato il “tocai del Marangon” o “tocai Rosso” che nel 2007 divenne tai rosso.

Al di là delle leggende i documenti attestano che di tai rosso si comincia a parlare all’epoca in cui Avignone divenne capitale papale (dal 1309 al 1377). Barbarano, importante centro religioso, avrebbe conosciuto le barbatelle del tai, probabilmente portate in dono.

Ma i Colli Berici propongono altri vitigni. Dai primi anni dell’Ottocento, infatti,  sono stati importati vitigni provenienti dalla Francia, in particolare dalla zona di Bordeaux, che messi a dimora nei Colli Berici hanno dato vita a vini con una loro identità creatasi in relazione al terreno e al clima del luogo. Quali? Il cabernet franc dei Colli Berici è stato il primo Cabernet DOC in Italia ma qui si trovano grandi vini a base di sauvignon, pinot bianco, chardonnay, merlot, pinot nero, cabernet sauvignon e carmenère.

6 vini dei Colli Berici che abbiamo assaggiato per voi. Mini guida per bere bene

Cantine Vitevis

I Colli Berici presentano i loro vini: Cantine Vitevis Lessini Durello DOC

Lessini Durello DOC Spumante metodo classico “Ascledum”

Area di produzione: Malo.

Suoli: di origine prevalentemente vulcanica.

Vinificazione: pressatura soffice a bassa temperatura di 10-12°C. Prima fermentazione in acciaio a temperatura di 16-18°C.

Alcol: 12,5%

Az. Agricola Inama

i colli Berici presentano i loro vini: cantina Inama e il vino Bradisismo

Bradisismo 2015

Area di produzione: San Germano dei Berici.

Suoli: limoargilloso e calcareo.

Vinificazione: diraspatura dell’uva. Macerazione e fermentazione per 12 giorni circa in tini verticali. Svinatura, pressatura e fermentazione malolattica seguita da travaso in barriques parzialmente nuove. Affinamento per un periodo di 15 mesi. Travaso ed imbottigliamento previa leggera filtrazione.

Alcol: 14,5%

Az. Agricola Cavazza

I Colli Berici presentano i loro vini: azienda Cavazza

“Bocara” Gambellara DOC Classico 2017

Area di produzione: località Bocara, nella collina di Selva Montebello, il cuore della zona classica di Gambellara.

Suoli: vulcanici, formati da strati tufacei e basaltici.

Vinificazione: scarico delle uve in piccola pigiadiraspatrice, poi in una pressa e lavorazione soffice con controllo della temperatura. La fermentazione avviene a 16°C in vasche di acciaio inox, imbottigliamento e successivo affinamento in bottiglia con permanenza di tre mesi sulle fecce fini.

Alcol: 13,0%

Az. Agricola Pegoraro

i Colli Berici presentano i loro vini: Pegoraro

“Rovea” Tai Rosso DOC Colli Berici 2015

Area di produzione: Mossano.

Suoli: calcarei e argillosi.

Vinificazione: in rosso. I grappoli sono diraspati e pigiati. Con lieviti selezionati inizia la fermentazione in vasche di acciaio o vetroresina a temperatura controllata di circa 28-30°C.

Alcol: 13,5%

Az. Agricola Piovene Porto Godi

Colli Berici presentano i loro vini: Piovene e il tai rosso

Tai Rosso DOC Colli Berici “Thovara” 2015

Area di produzione: Toara di Villaga.

Suoli: argilloso, calcareo.

Vinificazione: in rosso. I grappoli vengono diraspati e pigiati. La fermentazione avviene in vasche d’acciaio a temperatura di 28°C.

Alcol: 15,5%

Az. Agricola Dal Maso

Colli Berici presentano i loro vini: Dal Maso

Merlot DOC Colli Berici “Casara Roveri” 2015

Area di produzione: Alonte, nel cuore dei Colli Berici.

Suoli: tessitura franco argillosa, con medio alto contenuto di calcare.

Vinificazione: i grappoli sono diraspati e fatti fermentare e macerare per 12 giorni in tini aperti con 6 follature giornaliere. la fermentazione avviene in vasche d’acciaio a temperatura controllata di circa 27-28°C.

Alcol: 15,72%

Gli indirizzi

Cantine Vitevis

Viale Europa, 151

36075 Montecchio Maggiore (VI)

Mail: info@vitevis.com

Az. Agricola Inama

Località Biacche, 50

37047 San Bonifacio VR

Mail:inama@inamaaziendaagricola.it  www.inama.wine

Azienda Agricola Cavazza

Tenuta Cicogna

Via Cori, 4 – Alonte (Vicenza)

Mail: info@cavazzawine.com www.cavazzawine.com

Az. Agricola Pegoraro

Via Calbin, 24

36021 Barbarano Mossano VI

Mail:info@cantinapegoraro.it  www.cantinapegoraro.it

Az. Agricola Piovene Porto Godi

Via Villa, 14

36021 Villaga VI

Mail: info@piovene.com  www.piovene.com

Az. Agricola Dal Maso

Contrada Selva, 62

36054 Selva VI

Mail:info@dalmasovini.com www.dalmasovini.com

Potrebbe interessarti anche:


45 motivi per cui è SEMPRE tempo di partire per scoprire il Veneto

Ci sono migliaia di motivi per visitare e scoprire il Veneto. Famelici tenta di costruire una lista, consapevole che ce ne sono veramente di più. La sua bellezza non è una novità. L’aveva già scoperta Francesco Petrarca e tanti altri letterati che ci hanno consegnato la descrizione di una terra ricca di fascino, di magie a cui non si...45 motivi per cui è SEMPRE tempo di partire per scoprire il Veneto ultima modifica: 2018-09-05T15:04:24+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


La guerra del tiramisù: dove è nato? Una lotta fino…all’ultimo cucchiaio!

La guerra del tiramisù: dove è nato? Non si sa con certezza. Eppure se dici Italia, dici tiramisù. Non ci credete? L’Accademia Italiana della Crusca ci toglie ogni dubbio: è presente come “italianismo gastronomico” in 23 lingue. Tutti i dizionari lo riportano, ricordandone gli ingredienti principali. Nonostante tutto esiste un quesito mai definitivamente chiarito: dove è stato creato? Di...La guerra del tiramisù: dove è nato? Una lotta fino…all’ultimo cucchiaio! ultima modifica: 2018-09-09T21:11:39+00:00 da Monica Viani

 

 

I Colli Berici presentano i loro vini. Li conosci? ultima modifica: 2018-09-28T11:58:30+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *