Birra: ma la conosciamo veramente? Come abbinare la birra ai piatti?

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Oggi non si parla più di birra, ma di birre. E mai come oggi sono sulla cresta dell’onda. Un successo indiscusso. Non solo vengono sorseggiate abbinate a diversi piatti, ma sono utilizzate come ingredienti per la preparazione di piatti gourmet. Come abbinare la birra ai piattiMa quanti conoscono veramente i diversi tipi di birra? Sappiamo distinguere una birra di qualità da una birra “da battaglia”? E come abbinare la birra ai piatti? Famelici non è così convinto che in Italia si sia già diffusa quella cultura necessaria per saper scegliere con consapevolezza. Molti ancora ordinano “una birra”, delegando al barista la scelta.

Come abbinare la birra ai piatti?

Per non sbagliare ad abbinare un piatto a una birra, occorre informarsi, imparare. Proprio per questo Birrificio Angelo Poretti entra nella scuderia dei Main Sponsor della scuola di cucina Farm 65 (www.farm-65.com). Si intende costruire una collaborazione che, attraverso corsi tenuti da grandi chef, permetterà di far scoprire  gli abbinamenti cibo e birra.

Farm 65: tre gli appuntamenti in calendario nel 2018 in collaborazione con il Birrificio Angelo Poretti

Castagne in festa!
Lunedì 15 ottobre alle 19,30 lo chef Pietro Arlati presenterà un menù a base di castagne abbinato alla 7 Luppoli La Mielizia.

Le quattro portate  – Castagne con lardo, Gnocchi di patate e castagne con fonduta sprint di Toma, Filetto di maiale in crosta con porri fondenti e salsa di castagne, Mont Blanc – si sposano a meraviglia con la birra autunnale della gamma Le Stagionali del Birrificio Angelo Poretti: al Miele di Castagno, la 7 Luppoli La Mielizia è una birra intensa e profumata che esalta i sapori dell’autunno.

Giropollo!
Martedì 13 novembre a partire dalle 19,30 si va alla scoperta delle ricette a base di pollo nella cucina internazionale. Con lo chef Pietro Arlati si sperimenterà la versatilità di un solo ingrediente in ricette che provengono da tutto il mondo: Riso pilaf con pollo al curry indiano, latte di cocco e mela croccante, Asian Yakitori di pollo, Chicken wings American Style.

Ad accompagnare questo viaggio tra i sapori del mondo la 9 Luppoli Bohemian Pils del Birrificio Angelo Poretti, una birra dal carattere deciso e speziato, che si distingue per la bassa fermentazione e per l’amaro deciso, perfetta per la degustazione di carni bianche.

Il 24 dicembre… cambio menu!
Lunedì 3 dicembre dalle ore 19,30 lo chef partenopeo Elio Genualdo propone la realizzazione di una proposta natalizia dai sapori leggeri e di mare: Gamberi, patate e crema di basilico, Risotto al limone e vongole veraci, Polpette di baccalà e scarola liquida (oppure tonno scottato con composta di ciliege e ricotta), gli struffoli.

Un menu diverso anche per quel che riguarda il beverage, con la 10 Luppoli Dorata del Birrificio Angelo Poretti, la birra nata da un’accurata selezione di 10 Luppoli diversi provenienti da tutto il mondo e con il lievito tipico della spumantizzazione dei vini. I sentori agrumati e speziati e l’affinità con il mondo degli spumanti fanno di questa birra il miglior accompagnamento per la degustazione di piatti a base di pesce.

L’ABC della birra: un mini viaggio nel mondo della birra

La birra è una bevanda fermentata, alcolica prodotta con malto, acqua, luppolo e lievito. L’ingrediente principale è l’orzo distico, che per essere usato nella fermentazione deve essere trasformato in malto. L’orzo è lasciato fermentare in acqua per alcuni giorni fino a germinazione in modo da ottenere quegli enzimi capaci di trasformare gli amidi in maltosio. L’orzo maltato è macinato e trasformato in una specie di “farina”, per essere poi miscelato con acqua tiepida. La temperatura di questa miscela è innalzata fino a 65-70 gradi centigradi. In questa prima fase della produzione della birra il malto si trasforma in mosto. Il mosto è diviso dalle trebbie e viene cotto: è messo in una caldaia e fatto bollire per un periodo che varia fra 1 ora e 2 ore e mezza, a seconda del tipo di birra che si vuole produrre. Conoscere l'ABC della birra A questo punto si aggiunge il luppolo. Il mosto è fatto raffreddare e viene portato alla temperatura per la fermentazione (4-6 gradi per le birre a bassa fermentazione, 15-20 per quelle ad alta fermentazione). La fermentazione conosce due fasi: fermentazione principale e fermentazione secondaria o maturazione. Qui diventa importante il ruolo del lievito, la cui quantità e  temperatura  varia a seconda del tipo di birra che si vuole produrre. Nella fermentazione secondaria la birra prodotta è messa a maturare in  tini ad una temperatura che oscilla fra 0 e 2 gradi centigradi per 4-5 settimane circa. Le più pregiate possono essere fatte maturare anche per dei mesi. Si filtra e si imbottiglia o si infusta.

Altri tipi di fermentazione

Ci sono birre che sono prodotte utilizzando la fermentazione naturale, ovvero spontanea. In questo caso sono sfruttati i lieviti presenti nell’aria. Sono birre per lo più di frumento, prodotte in Belgio. Un altro metodo di fermentazione è quello “in bottiglia”. Prima dell’imbottigliamento è aggiunto del lievito per aumentare il tasso alcolico della birra. Sono generalmente le birre di abbazia, le strongale, e alcune birre bianche.

Quando la birra incontra la cucina gourmet

Ci sono birre che nascono dall’incontro tra le innovative ricette dei birrifici e le esperienze di cuochi che amano sperimentare. É il caso di Le Armonie di Gusto: 8 Luppoli Gusto Agrumato e 8 Luppoli Gusto Tostato. La birra: siamo sicuri di conoscerla?Sono alcune  proposte di Birrificio Angelo Poretti, ideate con la collaborazione dello chef Davide Oldani. 2 birre realizzate per essere abbinate a piatti della tradizione italiana e internazionale allo scopo di condividere aromi e sapori, creando una perfetta armonia di gusto. Ma quali sono le principali caratteristiche di queste birre?

8 Luppoli Gusto Agrumato una birra chiara ad alta fermentazione, caratterizzata da un corpo morbido e vellutato e da spiccate note agrumate. Il bouquet di luppoli utilizzati, insieme ad altri ingredienti aromatici (scorze d’arancia e coriandolo), la rende una birra fresca e profumata, ideale per accompagnare piatti dal gusto agrumato come un’insalata di arance e finocchio, frutti di mare al limone o dolci lievitati con frutta candita.

8 Luppoli Gusto Tostato una birra ambrata ad alta fermentazione, caratterizzata da morbide note maltate e fragranti note tostate. La tostatura del malto la rende una birra morbida e intrigante, che crea una perfetta armonia in abbinamento con carni arrosto alla griglia, una fonduta di formaggi stagionati o con cioccolato e nocciole.

Potrebbe interessarti anche:


Ricetta primaverile alcolica: birra bianca al curry e il suo sorbetto

Ponte del 25 aprile: voglia di sole, musica, e ...proposte primaverili! Per il week end lungo vi proponiamo una ricetta alcolica...senza esagerare! Tra gli ingredienti: la birra bianca unita in un abbinamento insolito al vino...Ricetta primaverile alcolica: birra bianca al curry e il suo sorbetto ultima modifica: 2017-04-23T10:29:48+00:00 da Monica Viani

Potrebbe interessarti anche:


La Carta dei Diritti del Caffè: pretendere l’eccellenza al ristorante

Un caffè non si rifiuta mai? Famelici non ne è convinto e propone la Carta dei Diritti del Caffè. Il 14 luglio 1776 il Congresso degli Stati Uniti approvò la Dichiarazione di Indipendenza. I primi 10 emendamenti della Costituzione corrispondono alla Carta dei Diritti, quel documento che tutti riconoscono come il fondamento della definizione di libertà. E voi direte...La Carta dei Diritti del Caffè: pretendere l’eccellenza al ristorante ultima modifica: 2017-05-17T12:13:51+00:00 da Monica Viani

Potrebbe interessarti anche:


Cibo, cultura e… un sentire di ‘pancia’ che non è solo fame

Cibo e cultura, relazioni e social network sono gli ingredienti alla base di questo mio post scritto per approfondire il lato sociale dell’evento #famedivero. É nell'aria: siamo un po' spersi...Cibo, cultura e… un sentire di ‘pancia’ che non è solo fame ultima modifica: 2017-05-15T10:02:50+00:00 da Fabrizio Bellavista

Cibo e cultura, relazioni e social network sono gli ingredienti alla base di questo mio post scritto per approfondire il lato sociale dell’evento #famedivero. É nell'aria: siamo un po' spersi per l'eccessiva enfasi data alla globalizzazione, rinasce l’esigenza di allacciare legami...Cibo, cultura e… un sentire di ‘pancia’ che non è solo fame ultima modifica: 2017-05-15T10:02:50+00:00 da Fabrizio Bellavista

Cibo e cultura, relazioni e social network sono gli ingredienti alla base di questo mio post scritto per approfondire il lato sociale dell’evento #famedivero. É nell'aria: siamo un po' spersi per l'eccessiva enfasi data alla globalizzazione, rinasce l’esigenza di allacciare legami di prossimità, di rifondare la propria identità anche grazie a luoghi e persone a noi vicini. Quello che vado ripetendo...Cibo, cultura e… un sentire di ‘pancia’ che non è solo fame ultima modifica: 2017-05-15T10:02:50+00:00 da Fabrizio Bellavista

Potrebbe interessarti anche:


Perinaldo: vivere una notte indimenticabile

Una tappa veramente speciale del mio viaggio alla scoperta dei borghi liguri, in provincia di Imperia, è Perinaldo, un piccolo paese da visitare con gli occhi rivolti verso l'alto. Situato su un crinale, a 572 m. sul livello del mare e su un anfiteatro naturale, coperto da secolari uliveti, ginestre, mimose e vigneti, è conosciuto anche come il Poggio delle Stelle. Inserito...Perinaldo: vivere una notte indimenticabile ultima modifica: 2017-06-07T22:16:06+00:00 da Monica Viani

Birra: ma la conosciamo veramente? Come abbinare la birra ai piatti? ultima modifica: 2018-09-08T20:27:18+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *