Carbonara: quali sono gli ingredienti imprescindibili?

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Abbiamo lasciato passare il #CarbonaraDay e tutte le discussioni sulla “vera” ricetta della carbonara. Quali sono gli ingredienti irrinunciabili per la più famosa e controversa ricetta italiana? Guanciale, pecorino, uovo, sale e pepe. Innovatori e tradizionalisti si combattono a colpi di…mestolo. In Italia si considera spesso tabù modificare una ricetta della tradizione. Ma i tempi cambiano. Cosa è giusto, che cosa è sbagliato? Decide il gusto?

E Famelici quale posizione assume? Se innovazione deve essere, che lo sia in modo chiaro. Marco Sacco, chef due stelle Michelin e padrone di casa del Piccolo Lago, ha proposto la sua  carbonara au koque. Una versione eretica che lo chef ha letteralmente portato in tutto il mondo: come piatto gourmet da Hong Kong a Pechino e come cibo di strada al Salone del Gusto del 2016, ad esempio.

Carbonara: quali sono gli ingredienti

Tajarin trafilati a mano, ovvero tagliolini, al posto dei bucatini, un piemotesissimo prosciutto della Val Vigezzo invece del guanciale, e la speciale salsa a base di tuorlo d’uovo, grana e gin versata al tavolo da chi si appresta a farne il primo boccone.
La si potrebbe definire una carbonara local, essendo ogni ingrediente accuratamente selezionato nel territorio ossolano: il gin è quello autentico del Lago Maggiore, il prosciutto crudo è straordinariamente autoctono e artigianale, un prodotto da veri intenditori, come il Prosciutto 42, eccezionale nella lavorazione e nella stagionatura, da far invidia anche ai migliori jamones iberici.

“In cucina devono poter convivere la tutela e la cura della tradizione e la voglia e la possibilità di innovare e sperimentare, spiega Marco Sacco, la ricetta originale, o le versioni più antiche, devono essere difese e custodite, così come un bene artistico viene protetto in un museo o in un sito Unesco. Ma questo non vuol dire che non si debba dare la massima libertà di sperimentare, innovare o adattare al territorio con ingredienti nuovi“.

Potrebbe interessarti anche:


“Otto e 1/2”: allegoria della vita. E Marco Sacco cosa c’entra?

Se non si può avere tutto, il nulla è la vera perfezione Guido è un regista, un uomo stanco. Nulla sembra più appassionarlo, neppure l'amante. Nessuno sa rispondere alle sue domande, nessuno sembra più capirlo. Cerca disperatamente  qualche idea nuova, ma sa che nessuna sarà vincente. Si salva ricordando la sua adolescenza, fatta di sogni e innocenti trasgressioni. Il girotondo finale...“Otto e 1/2”: allegoria della vita. E Marco Sacco cosa c’entra? ultima modifica: 2017-01-20T00:04:33+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Sacco: Moros y Cristianos, una ricetta ricca di suggestioni culturali

Una ricetta di Marco Sacco, chef e patron del Ristorante Piccolo Lago a Mergozzo (VB), per giocare a scoprire tutti quei riferimenti culturali che si  possono nascondere dietro a una proposta enogastronomica.  Moros y Cristianos è la rivisitazione di un piatto nazionale cubano, a base di fagioli neri e riso, che mi  ha ricordato Daniel Pennac e una manifestazione che rievoca un fatto storico...Sacco: Moros y Cristianos, una ricetta ricca di suggestioni culturali ultima modifica: 2017-03-15T14:12:08+00:00 da Monica Viani

 

Carbonara: quali sono gli ingredienti imprescindibili? ultima modifica: 2018-04-14T18:26:35+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *