Perchè il “locale” diventa marchio di qualità

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Perché il “locale” può diventare marchio di qualità? Una prima risposta è semplice: grazie al legame tra cibo e cultura. Vediamo di offrirvi alcuni spunti per una ulteriore riflessione.

  • Perché è fatto da persone, agricoltori e viticultori, appassionati
  • Per la qualità degli ingredienti, che rimandano sempre a una storia bella da raccontare e da ascoltare
  • Per la nostalgia di una agricoltura idilliaca
  • Per la sicurezza alimentare
  • Per la riscoperta della propria identità
  • Per la ricerca di una cultura non standardizzata
  • Per la (ri)personalizzazione degli alimenti come reazione alla globalizzazione

Le nicchie basate su cultura e identità rispondono alla:

  • sostenibilità
  • coerenza
  • atteggiamento anticapitalista
  • lotta contro l’estinzione
  • accentuazione della propria personalità
  • apertura all’altro, al confronto, alla conoscenza
  • alla percezione del cibo come rito
  • alla creazione di un circuito della conoscenza
  • alla ricerca di un legame emozionale fra il cliente e il produttore

Non siete convinti, come noi, che cibo e cultura siano strumenti indispensabili per sognare mondi migliori?

Potrebbe interessarti anche:


Cibo, cultura e imprenditoria: Giorgio Dal Prato

Cibo, cultura e imprenditoria: quando il "locale"è un ingrediente di una ricetta vincente 'Famelici' incontra Giorgio Dal Prato in una giornata torrida. Una giornata in cui "Caronte"risulta vincitore su tutti i fronti......Cibo, cultura e imprenditoria: Giorgio Dal Prato ultima modifica: 2017-07-20T19:55:00+00:00 da Monica Viani

Cibo, cultura e imprenditoria: quando il "locale"è un ingrediente di una ricetta vincente 'Famelici' incontra Giorgio Dal Prato in una giornata torrida. Una giornata in cui "Caronte"risulta vincitore su tutti i fronti... ma si sa: "Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare"....Cibo, cultura e imprenditoria: Giorgio Dal Prato ultima modifica: 2017-07-20T19:55:00+00:00 da Monica Viani

Cibo, cultura e imprenditoria: quando il "locale"è un ingrediente di una ricetta vincente 'Famelici' incontra Giorgio Dal Prato in una giornata torrida. Una giornata in cui "Caronte"risulta vincitore su tutti i fronti... ma si sa: "Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare". Nonostante i 49 gradi percepiti a Bondeno e a Ferrara, sia Famelici che Giorgio non arretrano di un passo. Di Giorgio Dal Prato, Ceo di...Cibo, cultura e imprenditoria: Giorgio Dal Prato ultima modifica: 2017-07-20T19:55:00+00:00 da Monica Viani

Potrebbe interessarti anche:


L’innovazione è sociale e al servizio di un turismo aumentato

L’innovazione è sociale e al servizio di un turismo aumentato: cibo, cultura, tradizioni e socialità sono un unicum Il termine ‘aumentato’ va per la maggiore e probabilmente segnerà uno dei settori di...L’innovazione è sociale e al servizio di un turismo aumentato ultima modifica: 2017-07-03T10:14:54+00:00 da Fabrizio Bellavista

L’innovazione è sociale e al servizio di un turismo aumentato: cibo, cultura, tradizioni e socialità sono un unicum Il termine ‘aumentato’ va per la maggiore e probabilmente segnerà uno dei settori di maggiore sviluppo dei prossimi anni: in questo nostro breve racconto...L’innovazione è sociale e al servizio di un turismo aumentato ultima modifica: 2017-07-03T10:14:54+00:00 da Fabrizio Bellavista

L’innovazione è sociale e al servizio di un turismo aumentato: cibo, cultura, tradizioni e socialità sono un unicum Il termine ‘aumentato’ va per la maggiore e probabilmente segnerà uno dei settori di maggiore sviluppo dei prossimi anni: in questo nostro breve racconto parleremo, credo che lo capirete facilmente, di “realtà aumentata”, ma desideriamo estendere questo concetto anche ove strettamente la tecnologia non...L’innovazione è sociale e al servizio di un turismo aumentato ultima modifica: 2017-07-03T10:14:54+00:00 da Fabrizio Bellavista

Perchè il “locale” diventa marchio di qualità ultima modifica: 2017-08-09T00:56:58+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *