Bloody Mary, il cocktail del giorno dopo

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Vuoi eliminare gli effetti di una sbornia? Scegli il cocktail Bloody Mary. Raymond Carver, scrittore americano del 900, lo preferiva ai pasti! Il nome? Secondo alcuni ricorda la Regina Maria I Tudor d’Inghilterra, detta “Maria la sanguinaria”. Ma chi l’avrebbe creato? Le storie sono veramente tante. La più accreditata fa risalire la sua nascita al 1920 quando Fernand Petiot, barman al New York di Parigi, frequentato da molti americani, mixò, seguendo i consigli di un cliente, il succo di pomodoro e la Vodka. Non manca chi fa risalire l’origine alla creatività di attori: Mary Pickford o George Jessel.

Bloody Mary

Ingredienti

4,5 cl Vodka ghiacciata

9 cl  Succo di pomodoro

1,5 cl Succo di limone

2-3 Gocce di Worcestershire Sauce e di Tabasco

1/2 Limone spremuto

Sale di sedano

Pepe

Preparazione

Mixare gli ingredienti. Decorare con sedano o fetta di pomodoro e/o limone.

Potrebbe interessarti anche:


Un cocktail peruviano? Il chilcano

Il chilcano è un cocktail tradizionale peruviano molto rinfrescante a base di Pisco (è un distillato di mosto di vino e può essere considerato il brandy di due stati sudamericani il Perù e il Cile) e Ginger...Un cocktail peruviano? Il chilcano ultima modifica: 2017-09-10T00:05:29+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Hai sete? Fatti un Mojito

Come affrontare una calda sera estiva? Fatti un Mojito. Esistono numerose ricette. Ecco un suggerimento che vi propone Famelici per dargli più personalità: non utilizzare ghiaccio tritato e pestare il lime. Aggiungere un cucchiaino...Hai sete? Fatti un Mojito ultima modifica: 2017-07-29T20:04:33+00:00 da Monica Viani

 

Bloody Mary, il cocktail del giorno dopo ultima modifica: 2017-11-29T10:36:19+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *