Un week end a Kufstein alla scoperta dello Stollen 1930 e dell’Hotel Träumerei

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Kufstein, la “Perla del Tirolo”, a mezza strada fra Innsbruck e Salisburgo, nel fondo della valle dell’Inn, è una piccola città, ricca di storia, cultura ed enogastronomia.Kufstein Il centro storico medievale è dominato da un’ imponente fortezza, che protegge la cittadina fin dal 1205. In un susseguirsi di stradine, vicoli lastricati di san pietrini, delimitati da case con facciate dipinte e abbellite da antiche insegne, si trovano negozi che vendono ancora i costumi locali e botteghe enogastronomiche che propongono prodotti a km zero. La cittadina è conosciuta per l’organo degli Eroi, Heldenorgel: 46 registri, 4307 canne, i cui concerti si possono ascoltare in un raggio di 6 km. Nelle vicinanze da non perdere anche una visita al parco di animali selvatici Wildbichl a Niederndorf, all’allevamento di cavalli del Fohlenhof, allo zoo di animali rari e al parco per il tempo libero di Ebbs.

10 cose da non perdere a Kufstein

  • Festung Kufstein, ovvero la Fortezza, costruita per proteggere l’accesso alla vallata nel 1205 e completata dall’imperatore Massimiliano I nel XVI secolo.
  • Piazza dell’Herdenorgel, o Organo degli Eroi, realizzato nel 1931 e dedicato ai soldati austriaci e tedeschi morti nella Prima Guerra Mondiale. L’organo all’aperto piú grande del mondo suona tutti i giorno alle ore 12:00 in ricordo di tutte le vittime dei conflitti bellici, esortando alla pace in tutto il mondo.
  • Mariastein, il cui santuario, costruito nel 1360, è meta di tantissimi pellegrini sin dal Medioevo.
  • Edificio Egger, una abitazione in stile Art-Nouveau, molto discussa. L’architetto fu aspramente criticato per il mancato rispetto dello stile tirolese.
  • Municipio (Rathaus) nella piazza principale
  • Vicolo Römerhofgasse, una stradina abbellita da facciate dipinte,  da antiche insegne e da negozi di abiti tirolesi e prodotti enogastronomici tipici.
  • Stollen 1930, un locale unico nel suo genere dove è presente la più grande collezione di gin al mondo.
  • Hotel Träumerei, un viaggio nel viaggio.
  • Riedel Glas, la famosa vetreria, famosa per la produzione di bicchieri, vetri e cristalli per la degustazione del vino,  da oltre 250 anni di proprietà di una famiglia di origine boema.
  • Fohlenhof, a Ebbs, allevamento di cavalli Aveglinesi (Haflinger) che per tutto l’anno organizza corsi di equitazione, spettacoli equestri e iniziative per i bambini di avvicinamento ai cavalli.

Alla scoperta dello Stollen 1930

Per scoprire il Gin Bar dei record bisogna imboccare il vicolo Römerhofgasse, il cui selciato è lastricato di san pietrini, mentre le case sono abbellite da giocosi dipinti e decorate con affascinanti vecchie insegne.Kufstein: Stollen 1930 Qui si trova il ristorante Auracher Löchl, una storica trattoria, dove tra le stube tirolesi, si servono i  Käsespätzle, gli gnocchetti al formaggio. Ma in questa strada c’è anche il paradiso degli amanti del gin: un locale dove si possono trovare più di 800 bottiglie di questo liquore utilizzato dai barman per creare numerosi cocktail. Richard Hirschhuber e Martin Gasteiger- “due cacciatori di gin”- come amano definirsi, nel 2012 a Londra decidono di creare un locale originale, unico nel suo genere, un po’ magico. In effetti, varcata la soglia del locale, sei trasportato come per magia nelle atmosfere degli anni 30. Un tuffo nel passato favorito dal sottofondo musicale, dalle luci soffuse e dai costumi indossati dal personale. La location è strabiliante: una caverna scavata a mano dentro la montagna, ai piedi di una fortezza, che prima era un deposito per la birra. Alle pareti, appese a ganci di ferro, una miriade di bottiglie di gin; al centro un bancone a ferro di cavallo, dove ancora una volta protagoniste sono le bottiglie di gin provenienti da tutto il mondo. La carta dei cocktail è ricchissima: si va dal Cosmopolitan 1934 dove al posto della vodka si utilizza il Gin Dry, insieme al Cointreau, allo sciroppo di lampone e al succo di limone spremuto, al classico Gin Fizz. A voi l’imbarazzo della scelta…

Hotel Träumerei: la stanza del viaggiatore

Solo albergo? Non proprio. Direi un hotel in cui sognare di continuare a viaggiare. Ogni stanza ti porta in una città diversa, la cui atmosfera è richiamata dagli arredi. Qualche esempio? Roma, Parigi, Amsterdam, Marrakech, luoghi indicati da frecce segnaletiche che ti suggeriscono il percorso da seguire per trovare la tua camera. Le piccole stanze, dove tutto è curato nei minimi particolari, richiamano il mood delle città a cui sono dedicate. Qui si trovano infatti oggetti che ricordano la storia, le leggende, i sapori e i colori di luoghi che fanno parte della storia dell’umanità. Esci dall’albergo con la voglia di conoscere Kufstein e di continuare il tuo viaggio alla ricerca di nuove suggestioni.

 

Potrebbe interessarti anche:


Un week end per conoscere 4 borghi liguri: pronto lo zaino?

Famelici vi propone un week end per conoscere 4 borghi liguri in provincia di Imperia, tutti Bandiera Arancione del Touring Club. Cibo, cultura e natura. Pronto lo zaino? Alla scoperta di quattro borghi liguri Airole - Dolceacqua Siete escursionisti? E allora potete da Airole raggiungere Dolceacqua attraverso un percorso di circa 14 km. Dalla chiesa dei santi Filippo e Giacomo, sulla sinistra, si sale...Un week end per conoscere 4 borghi liguri: pronto lo zaino? ultima modifica: 2017-08-01T01:16:32+00:00 da Monica Viani

Potrebbe interessarti anche:


Un week end a Dolceacqua: il borgo amato da Monet

Borghi: come descriverli? Non è facile, ognuno nasconde il suo tesoro, ognuno ha una sua storia tra sacro e profano. Famelici ha visitato per voi cinque borghi liguri in provincia di Imperia: Airole, Dolceacqua, Pigna, Perinaldo e Apricale. Comun denominatore? Tutti Bandiere Arancioni, una delle numerose iniziative del Touring Club Italiano in difesa del patrimonio culturale e storico italiano. Dal 1998 il TCI...Un week end a Dolceacqua: il borgo amato da Monet ultima modifica: 2017-05-24T14:25:03+00:00 da Monica Viani

 

Un week end a Kufstein alla scoperta dello Stollen 1930 e dell’Hotel Träumerei ultima modifica: 2017-09-10T11:05:43+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *