Il tipico vino Roccese: “A Trincea” ad Airole

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Aprofittando di un press tour organizzato dal Tourng Club Italiano per fare conoscere i borghi Bandiere Arancioni, la settimana scorsa ho potuto visitare un piccolo borgo di origine medievale: Airole, in provincia di Imperia. La tappa presso l’azienda agricola “A Trincea” mi ha permesso di conoscere un vino riportato alla vita da Dino Masala: il roccese, considerato dagli enologi il “papà” del Rossese. Dino Masala è un imprenditore edile, appassionato della storia della sua terra e interessato all’enologia. Tali passioni lo hanno spinto a progettare e realizzare un’azienda agricola per ridare vita ad un vitigno che rischiava di essere completamente dimenticato. Dopo aver acquistato quasi un’intera montagna sulle alture di Airole, Masala ha fatto ha fatto costruire 40.000 metri quadrati di muretti a secco, recuperando le pietre ad una ad una.Airole: piccolo borgo medievale in provincia di Imperia “Ho voluto riproporre- ci racconta- una tradizione perduta per ridare vita a un vino come il roccese che ha la particolarità di crescere tra le rocce e le piante officinali. Proprio il rosmarino, la salvia, il finocchio selvatico e le piante officinali conferiscono al nostro vino quell’aroma che lo rende unico”. Il roccese rappresenta al meglio la viticoltura dell’estremo Ponente Ligure. Vino rosso, presenta un sapore intenso, che ti permette di “assaporare” il gusto di vigne che crescono su ripidi terrazzamenti. Le radici delle viti conquistano spazio sottraendolo alle rocce, accontendandosi di poca acqua. Il metodo di coltivazione è antichissimo: risale al 1200.

Airole: come e perché

Si può arrivare in auto (A10 uscita Ventimiglia; dalla Francia A8 uscita Ventimiglia) o in aereo (aeroporto di Nizza o di Genova), ma anche in treno, occasione per conoscere la più piccola stazione di Europa, inaugurata nel 1914. Io ho scelto il treno. Lungo il tragitto non vedevo l’ora di arrivare ad Airole per poter assaggiare un vino che non conoscevo. E vi giuro che sono rimasta favorevolmente sorpresa! Non solo io, ma anche i miei compagni di viaggio. Airole e il roccese, vino recuperato da Dino MasalaLa visita dell’azienda agricola “A Trincea” mi ha permesso anche di conoscere come si svolgeva la vita contadina fino a qualche decennio fa. Infatti è visitabile una casupola che conserva ancora gli arredi di un’epoca che a noi appare lontanissima. Dall’azienda agricola “A Trincea” per gli sportivi è possibile inerpicarsi su alcuni sentieri che consentono di conoscere i luoghi dal punto di vista naturalistico e paesaggistico. Un paesaggio sempre diverso, dove si mescolano cielo e rocce, piante e blu. Bello il tramonto! Un luogo dove tornare, magari per ammirare l’alba e fotografare i giochi di luce. Credo proprio di essermi innamorata di Airole!

Potrebbe interessarti anche:


Un week end a Dolceacqua: il borgo amato da Monet

Borghi: come descriverli? Non è facile, ognuno nasconde il suo tesoro, ognuno ha una sua storia tra sacro e profano. Famelici ha visitato per voi cinque borghi liguri in provincia di Imperia: Airole, Dolceacqua, Pigna, Perinaldo e Apricale. Comun denominatore? Tutti Bandiere Arancioni, una delle numerose iniziative del Touring Club Italiano in difesa del patrimonio culturale e storico italiano. Dal 1998 il TCI...Un week end a Dolceacqua: il borgo amato da Monet ultima modifica: 2017-05-24T14:25:03+00:00 da Monica Viani

Potrebbe interessarti anche:


Sant’Agata de’Goti: un viaggio in un borgo geloso della sua storia

Questa settimana vi propongo un viaggio a Sant’Agata de’ Goti, un piccolo borgo in provincia di Benevento. Uno dei luoghi più magici della Campania. Qui si respira la storia, non solo quella che si studia sui libri di storia, ma anche quella scritta dalle popolazioni che hanno lasciato le loro tracce nell’enogastronomia. La storia di Sant’Agata de’ Goti è...Sant’Agata de’Goti: un viaggio in un borgo geloso della sua storia ultima modifica: 2017-02-20T23:57:51+00:00 da Monica Viani

Il tipico vino Roccese: “A Trincea” ad Airole ultima modifica: 2017-06-01T20:33:15+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *