Enoappassionato? In viaggio con la Doc Venezia

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Venezia e il vino. Non è la prima associazione che facciamo quando pensiamo alla città lagunare…eppure è una liason altamente interessante. Per farla conoscere è nato  www.docvenezia.it, un  nuovo portale rivolto a tutti gli appassionati di turismo enogastronomico.

Tre i percorsi digital volti a far scoprire il legame tra Venezia e i luoghi del vino:

  1. “Wine Tour Venezia – Le vie del vin e de altre merci presiose” è il cuore del progetto e rappresenta un viaggio lungo le antiche vie del commercio e delle merci preziose con goduriose soste tra vini e cicchetti
  2. “Wine Tour Venezia – Culture e tratte d’oriente” fa riscoprire l’importanza dei traffici commerciali e culturali con il Medio Oriente nella cultura veneta attraverso incursioni nella cultura culinaria
  3. “Wine Tour Venezia – De arti, de Vin e altre meravegie” è l’itinerario per gli amanti dell’arte che ripercorre le meraviglie del passato e della modernità, senza dimenticare una sosta tra enoteche e osterie

Sul sito oltre ai tre itinerari enogastronomicidedicati alla Doc Venezia, potrete trovare anche aneddoti storici, ricette, eventi e inviti e…l’invito a visitare i vigneti di Venezia. Sì avete capito bene! All’interno della città delle gondole dal 2010 hanno preso vita due vigneti, un progetto sperimentale gestito dal Consorzio Vini Venezia: il primo nel brolo del Convento dei Carmelitani Scalzi (www.giardinomistico.it) e il secondo nell’isola di Torcello. I due vigneti – nati da una serie di studi  condotti dalla sinergia tra il prof. Attilio Scienza, l’Università di Padova e Milano e il CRA-VIT di Conegliano – sono una “banca genetica” lagunare volta a recuperare tutte le varietà vitivinicole presenti in broli, giardini pubblici e privati e dei Conventi. I vigneti e gli annessi giardini sono visitabili tutto l’anno su prenotazione.

 

I Famelici, sostenitori di un turismo italiano  all’insegna della contaminazione cibo-vino-arte-cultura, non potevano non segnalarvi questa preziosa iniziativa. Se il vero viaggio consiste nell’avere nuovi occhi…chissà forse potrete scoprire una Venezia totalmente nuova. A voi la scelta!

FOTO DI COPERTINA: I vigneti del Convento dei Carmelitani Scalzi – photo credits: Edoardo Legnaro

Potrebbe interessarti anche:


Il vino nato dagli studi del “filosofo agrario” Zierock: Castello degli Angeli

Cibo e cultura sono ben rappresentati dai vini proposti da Castello degli Angeli, azienda vinicola della provincia bergamasca. Un'azienda  nata per la grande passione del suo proprietario, Mauro Taiariol,  che nel 1996, decise di sperimentare  ciò che sostiene il genio di un enologo tanto ardito quanto unico: Rainer Zierock, il "filosofo agrario". Io ho incontrato l'enologa Vanessa Verdoni, che tra un...Il vino nato dagli studi del “filosofo agrario” Zierock: Castello degli Angeli ultima modifica: 2017-09-18T11:09:20+00:00 da Monica Viani

Potrebbe interessarti anche:


A Gavi sulle tracce di cibo, vino e cultura

Andare a Gavi significa esplorare un borgo Bandiere Arancioni  che può essere proposto come un bell'esempio di contaminazione di cibo e cultura, vino e arte, storia e contemporaneità. Non solo: Gavi è in Piemonte, in provincia di Alessandria, ma è innegabile che qui si respirano anche le atmosfere della vicina Liguria. Per gli amanti della cultura: Santuario della Madonna della Guardia Se avete amato le atmosfere...A Gavi sulle tracce di cibo, vino e cultura ultima modifica: 2017-09-05T00:10:10+00:00 da Monica Viani

Enoappassionato? In viaggio con la Doc Venezia ultima modifica: 2017-10-04T18:13:53+00:00 da Alessandra Cioccarelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *