Gualtiero Marchesi non sarà più il rettore di Alma: chi sarà il suo erede?

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Gualtiero Marchesi non sarà più il rettore della scuola Alma. Il timone della prestigiosa Scuola Internazionale di Cucina Italiana di Colorno, in provincia di Parma, passa a un comitato scientifico, di cui lui comunque fa parte. L’annuncio, commovente e fortemente sentito, è stato dato all’apertura dell’anno accademico della scuola. Dopo aver dichiarato di sentirsi padre e madre di Alma, ha incoraggiato gli studenti “a studiare e a praticare il mestiere”. Lo chef ha annunciato poi di volere fondare una Casa di riposo di cuochi sul modello di casa Verdi, creata per i musicisti in difficoltà. Che Gualtiero Marchesi sia  il padre della cucina italiana nessuno può negarlo. Ma dopo di lui? Il Maestro non nasconde le sue simpatie, ma anche le sue antipatie. La rivalità può essere violenta e sterile, ma anche fertile. A patto che preveda umiltà, riconoscimento del valore dell’altro, desiderio di essere sedotti. Il rapporto tra maestro e allievo è sempre stato ambiguo. Da quando si ritiene che in cucina un Maestro è tale quando sa essere originale esaltando il gusto, la lotta è diventata ancora più spietata. Spesso poi le cronache puntano i riflettori sulla ferocia delle dichiarazioni dei rivali, omettendo di sottolineare che la rivalità nasconde ammirazione e desiderio di superamento. E, nel tentativo di superarsi, a vincere è solo la qualità!

Gualtiero Marchesi vs Gianfranco Vissani

Gianfranco Vissani ha recentemente polemizzato con Gualtiero Marchesi

Chef famosi: il primo per avere codificato la cucina italiana, il secondo per essere stato il cuoco di D’Alema e avere portato la figura dello chef in Tv. Non si sono mai amati, ma ora le ostilità sono pubbliche. Marchesi, ironicamente, si chiede come si possa in un solo piatto mettere un numero spropositato di ingredienti. La replica di Vissani non si fa attendere. In modo irriverente ha sottolineato come l’età possa danneggiare il palato. Ma il Maestro non si è lasciato sfuggire che a lui basta uno sguardo per capire un piatto!

Gualtiero Marchesi e Paolo LoPriore

Paolo Lo Priore designato da molti come l'erde di Gualtiero Marchesi

Tra i suoi tanti allievi, Marchesi riconosce come unico erede Paolo LoPriore. Lo definisce un artista capace di mutare il menù senza alcuna difficoltà per l’improvvisa scoperta di un migliore fornitore. Ne apprezza la creatività che sa trasformarsi in avanguardia e la capacità di esaltare il gusto senza stravolgere le materie prime. Riconosce poi  il valore di altri due chef: Davide Oldani con la  sua cucina pop e Daniele Canzian con la sua cucina contemporanea.

 

Potrebbe interessarti anche:


Gualtiero Marchesi: cibo, cultura e nuovi linguaggi. Un tour per ricordarlo

Un tour mondiale di dieci tappe porterà la cucina di Gualtiero Marchesi da Chicago a Tokyo e in alcune delle principali capitali europee: Parigi, Londra e Berlino. Gli eventi del ‘Gualtiero Marchesi e la grande...Gualtiero Marchesi: cibo, cultura e nuovi linguaggi. Un tour per ricordarlo ultima modifica: 2018-11-07T08:43:35+00:00 da Redazione Famelici


Potrebbe interessarti anche:


Perché la cultura gastronomica è francese

Mi spiace: la cultura gastronomica è francese. Ne sono certa. Al Festival Culinaire Bernard Loiseau a Mauritius presso il Constance Belle Mare Plage lo capisci senza ombra di dubbio....Perché la cultura gastronomica è francese ultima modifica: 2017-03-31T16:30:31+00:00 da Monica Viani

Mi spiace: la cultura gastronomica è francese. Ne sono certa. Al Festival Culinaire Bernard Loiseau a Mauritius presso il Constance Belle Mare Plage lo capisci senza ombra di dubbio. Da sempre il paradigma dell'alta cucina è stato considerato universalmente francese....Perché la cultura gastronomica è francese ultima modifica: 2017-03-31T16:30:31+00:00 da Monica Viani

Mi spiace: la cultura gastronomica è francese. Ne sono certa. Al Festival Culinaire Bernard Loiseau a Mauritius presso il Constance Belle Mare Plage lo capisci senza ombra di dubbio. Da sempre il paradigma dell'alta cucina è stato considerato universalmente francese. Addirittura negli anni 70, un gruppo di giovani cuochi, capitanati da Paul Bocuse, rivoluziona con successo le regole della cucina...Perché la cultura gastronomica è francese ultima modifica: 2017-03-31T16:30:31+00:00 da Monica Viani

 

Gualtiero Marchesi non sarà più il rettore di Alma: chi sarà il suo erede? ultima modifica: 2017-10-05T18:11:50+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *