Brianza, vini da assaggiare…magari con i formaggini di Montevecchia!

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Forse la Lombardia non è conosciuta per i suoi vini come altre regioni italiane. Eppure si possono trovare buone proposte che si accompagnano ai piatti e ai prodotti della cucina lombarda. In particolare la Brianza è una zona  che cerca nuovi percorsi da narrare per fare conoscere le proprie eccellenze.

Brianza, vini da assaggiare, prodotti da chi ama la vigna

Un’occasione per scoprire una proposta di vini naturali, mi è stata offerta dal Consorzio Brianza che nutre, nato in occasione di Expo per promuovere il progetto per lo sviluppo turistico della Brianza lecchese.

In una calda giornata ho degustato un Merlot I.G.T Terre Lariane e uno Chardonnay I.G.T. Terre Lariane presso l’azienda agricola Maggioni Francesco, nei pressi di Montevecchia, in località Colombé (www.fmgiardini.it).

Siamo nel 2005 quando Francesco Maggioni decide di mettere a frutto la sua passione per la vigna e il buon vino. Non abbandona la sua professione legata al giardinaggio, anzi sceglie di dare maggiore espressione al suo amore e al suo rispetto per la natura. Dopo aver acquistato delle viti di Merlot per il rosso e di Chardonnay per il bianco, impiantate in un vigneto terrazzato di un ettaro, ad un’altitudine di circa 250 metri, dà avvio a una cantina adiacente al vigneto, utile sia per la lavorazione del vino che per la conservazione delle bottiglie. Un vero km zero!

Io  ho assaggiato i suoi vini accompagnati da ottimi salumi e dai mitici formaggini di Montevecchia. La Brianza, ex terra di vacanza dei signorotti milanesi, offriva come ristoro vini freschi serviti con sapidi formaggi stagionati.  Si trattava spesso dei formaggini di Montevecchia. Francesco Cherubini, autore nel 1839 di un vocabolario milanese-italiano, sotto la voce “Formaggett”, ce li descrive così: “caciuole piccine di latte pecorino, caprino, vaccino o misto, che soglion venire dai colli della Brianza”.

Come è accaduto in tante parti d’Italia, una zona nel passato vocata alla produzione di vino, ha vissuto un periodo di abbandono. Oggi, grazie ad aziende come quella gestita da Francesco Maggioni, i vini di questa zona stanno imponendosi all’attenzione degli amanti del bere bene. Come non apprezzare vini freschi, sapidi, profumati ed eleganti?

Potrebbe interessarti anche:


Oasi di Galbusera Bianca: l’Agriturismo Bio di Charme, in Brianza, dove puoi dormire in una stanza colorata che ti racconta una storia

Chi non ama i colori? Pochi. Alcuni poi si lasciano affascinare da quelli forti e decisi. Ebbene esiste un Agriturismo Bio di Charme, l' Oasi di Galbusera Bianca, con 12 stanze e un appartamento arredati a tema, dove  tutte le camere si differenziano per i colori e per la storia che sanno raccontare. Visitarle per me è stato come sfogliare...Oasi di Galbusera Bianca: l’Agriturismo Bio di Charme, in Brianza, dove puoi dormire in una stanza colorata che ti racconta una storia ultima modifica: 2017-10-17T16:04:56+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Cooking Style: la Brianza nel piatto…secondo lo chef Stefano Riva

Cibo e cultura ci insegnano che un territorio deve la sua identità anche alle proposte enogastronomiche che concorrono a costruire la sua "storia". Non solo: può essere una chiave per costruire uno stile che rende la cucina unica e ricercata. Lo sa bene lo chef Stefano Riva, patron dell’Osteria dello Strecciolo, a Robbiate. Per creare uno stile devi avere una...Cooking Style: la Brianza nel piatto…secondo lo chef Stefano Riva ultima modifica: 2017-10-06T00:01:48+00:00 da Monica Viani

 

 

 

Brianza, vini da assaggiare…magari con i formaggini di Montevecchia! ultima modifica: 2018-06-15T20:19:58+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *