Conoscete le ville di delizia della Brianza? Visita a Villa Mapelli Mozzi

Share on FacebookTweet about this on Twitter

ville di delizia in Brianza. villa Mapelli MozziLo confesso – ma fatelo anche voi- ci sono delle volte che tirerei fuori volentieri la principessa che c’è in me! E allora, per sognare ad occhi aperti quale migliore occasione che una visita a una villa di delizia della Brianza? Se qualche mese fa vi avevo fatto scoprire la bellezza e la suggestione di palazzi nobili napoletani, famosi per le loro scenografiche scale, oggi vi suggerisco un altro affascinante viaggio alla scoperta delle ville di delizia brianzole. Probabilmente qualcuno di voi le conosce già, ma per me, che non le avevo mai visitate, sono state una vera sorpresa.

Ma che cosa sono e quando sono nate le ville di delizia?

Le ville di delizia vedono la luce nel 700, quando numerose famiglie aristocratiche, tra cui i Borromeo, i Durini, i Trivulzio, gli Arese, i Taverna e i Morando, commissionano agli architetti la costruzione di edifici di grande magnificenza architettonica. Sono residenze monumentali con vasti parchi, strutturati con giardini all’italiana e all’inglese, ricche di opere d’arte. Erano state concepite come residenze di campagna in cui i nobili si ritiravano da aprile fino all’estate di San Martino (le case non erano riscaldate!), per godere della natura, delle conversazioni cortesi, dell’arte, della musica, della poesia all’insegna della raffinatezza e del buon gusto.

Visita a Villa Mapelli Mozzi

ville di delizia in Brianza

Villa Mapelli Mozzi, la villa che affascinò Johann Wolfgang von Goethe, trae le sue origini da un a monastero del 1500, che rimase tale fino al 1569. A metà dell’800 fu acquistata dai conti Sormani. Dopo diverse modifiche, nel 1927 l’architetto Alberico Barbiano di Belgiojoso completò la ristrutturazione con interventi stilistici che accentuarono l’aspetto tardo settecentesco della Villa. Attualmente la villa si presenta con un corpo centrale formato ad U verso la strada di accesso. Dal cortile principale si accede sia alla parte centrale della villa composta da una importante Galleria che comunica con le sale affacciate sul Parco, sia alla corte rustica cinquecentesca. Il piano superiore presenta le stesse caratteristiche del piano terreno: la  Galleria dà accesso alle camere affacciate sul Parco.

 

Ecco qualche suggerimento per scoprire i suoi segreti 4 foto

Non perdetevi:

  • la Galleria che comunica con le diverse stanze, così vi renderete conto anche di come fosse diversa l’idea della privacy. Nel passato spesso si riceveva anche in camera da letto, tanto che era previsto un letto di rappresentanza!
  • I quadri di Giovanni Battista Piranesi, paesaggi immaginari e melanconici.
  • La specchiera che nasconde il passavivande. Ricordiamo che il tavolo nasce nel 700, nelle epoche precedenti per mangiare si univano tavole di legno.
  • La bellissima cassapanca, madre di tutti i mobili, conservata nella libreria. La cassapanca era indispensabile perché era un armadio facilmente trasportabile.
  • La libreria, dove i libri venivano conservati sotto chiave. Perderne uno era una vera tragedia: non c’era Amazon!
  • Il meraviglioso giardino secolare di 18.000 mq dove trovano dimora alberi d’alto fusto inseriti in un giardino all’inglese. Ombreggiano il piazzale antistante la facciata della Villa, due maestosi faggi.

Come si arriva a Villa Mapelli Mozzi?

In auto  si percorre  la Strada Statale 36 del Lago di Como e dello Spluga.

Villa Mapelli Mozzi

Via Carminati de’ Brambilla, 3

23880 Casatenovo (Lecco)

Tel. +39.347.8730226

info@villamapellimozzi.com

Potrebbe interessarti anche:


Oasi di Galbusera Bianca: l’Agriturismo Bio di Charme, in Brianza, dove puoi dormire in una stanza colorata che ti racconta una storia

Chi non ama i colori? Pochi. Alcuni poi si lasciano affascinare da quelli forti e decisi. Ebbene esiste un Agriturismo Bio di Charme, l' Oasi di Galbusera Bianca, con 12 stanze e un appartamento arredati a tema, dove  tutte le camere si differenziano per i colori e per la storia che sanno raccontare. Visitarle per me è stato come sfogliare...Oasi di Galbusera Bianca: l’Agriturismo Bio di Charme, in Brianza, dove puoi dormire in una stanza colorata che ti racconta una storia ultima modifica: 2017-10-17T16:04:56+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Cooking Style: la Brianza nel piatto…secondo lo chef Stefano Riva

Cibo e cultura ci insegnano che un territorio deve la sua identità anche alle proposte enogastronomiche che concorrono a costruire la sua "storia". Non solo: può essere una chiave per costruire uno stile che rende la cucina unica e ricercata. Lo sa bene lo chef Stefano Riva, patron dell’Osteria dello Strecciolo, a Robbiate. Per creare uno stile devi avere una...Cooking Style: la Brianza nel piatto…secondo lo chef Stefano Riva ultima modifica: 2017-10-06T00:01:48+00:00 da Monica Viani

Potrebbe interessarti anche:


Cibo e cultura: un atlante famelico

Con Monica davanti all’ “Atlas on Human Condition”, di Margherita Moscardini, opera custodita e narrata dal vivo presso Rossini Art Site in Brianza. Un post a due voci tra cibo e cultura: 100 tavole per un atlante Un atlante, una raccolta di eventi che coinvolgono moltitudini che si aggregano in quei vuoti urbani immaginati dai progettisti per essere percorsi e riempiti da...Cibo e cultura: un atlante famelico ultima modifica: 2017-11-05T00:01:29+00:00 da Daniela Ferrando FamFriend


Potrebbe interessarti anche:


Alberto Casiraghy, un mondo di poesia per spiriti liberi

Alberto Casiraghy, l'unico editore che stampa in giornata, è un uomo che regala sogni, un pescatore di "piccole perle" da donare a spiriti liberi. "Ci sono donne meravigliose, talune uniche: quelle che sanno giocare e farti giocare con la vita. Imperdibili! Lì c'è dio, lì c'è la felicità". Con queste parole "il panettiere dell'editoria" mi accoglie nella sua casa-bottega artigianale. Sono andata...Alberto Casiraghy, un mondo di poesia per spiriti liberi ultima modifica: 2017-09-10T20:34:21+00:00 da Monica Viani

 

Conoscete le ville di delizia della Brianza? Visita a Villa Mapelli Mozzi ultima modifica: 2017-11-07T10:41:56+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *