Salumi: quali scegliere e quante volte mangiarli

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Sapete veramente quali sono i fattori da valutare per capire quante volte possiamo mangiare salumi senza sensi di colpa o paura di danneggiare la nostra salute, soprattutto se state seguendo una dieta o volete iniziare un periodo detox? Le questioni da valutare sono soprattutto due: il contenuto di grassi e quello di sale. Salumi: quali scegliere e quante volte mangiarli?

Da non mangiare in eccesso, ma con moderazione

Gli insaccati: un mix di carne, grasso, aromi e additivi “insaccato” in budelli animali o sintetici. Il loro contenuto lipidico è molto elevato, i grassi saturi sono i più dannosi per la salute se mangiati in eccesso. In particolare:

  • il salame
  • la mortadella
  • le salsicce
  • i wurstel.

Meglio scegliere:

Il sale è il punto debole di salumi come bresaola (2790 mg di sale ogni 100 g) o prosciutto crudo (1284 mg all’etto). Va però sottolineato che negli ultimi anni, i valori di sodio sono diminuiti in percentuali che vanno dal 4% circa fino a oltre il 45%. Parallelamente, il contenuto dei grassi saturi si è ridotto fino a quasi il 40%, mentre quelli insaturi, quelli “buoni”, sono aumentati fino al 60% del totale.

Per comprare prodotti eccellenti, meglio se attenti alla sostenibilità, leggete attentamente l’etichetta

Per il confezionamento di affettati e salumi si utilizza anche… lo zucchero. Fruttosio e destrosio sono addizionati per dare un sapore migliore al prodotto. Si tratta di salumi di bassa qualità, che diventano artificiosamente più dolci e gradevoli. Occorre poi prestare attenzione anche ad amidi e polifosfati, che trattengono l’acqua e abbassano la quantità di proteine presenti.

Identikit di prosciutto crudo e bresaola

Prosciutto crudo
Più magro del cotto, il prosciutto crudo viene prodotto dalle cosce dei suini, sottoposto a salatura e stagionatura e ha un alto contenuto di proteine, pari al 30% del totale (28 g ogni 100 di prodotto). Le qualità dolci utilizzano minori quantità di sale in fase di lavorazione. Il Prosciutto Crudo di Parma DOP e il Prosciutto Crudo di San Daniele DOP per legge non possono avere conservanti di alcun genere, compresi nitriti e nitrati.

Bresaola
Con le sue 153 Kcal ogni 100 g, la bresaola ha il più alto contenuto di proteine (un etto ne apporta 31,1 g) e un contenuto di grassi inferiore al 2%.. Si tratta di un alimento “concentrato” (diminuendo il contenuto dell’acqua con l’essiccazione, aumenta la quantità di proteine e nutrienti) e molto digeribile.

La giusta frequenza: una volta a settimana e non più di 100 grammi

I nutrizionisti concordano sul fatto che l’importante è evitare gli eccessi.

Potrebbe interessarti anche:


Ricette estive: risotto con fichi e bresaola

Un piatto estivo ma sostanzioso? Risotto con fichi, bresaola e mantecato al mascarpone. Perfetto come piatto unico. Una proposta che dimostra come  non sia vero che i fichi si possono utilizzare solo nelle preparazioni dolci....Ricette estive: risotto con fichi e bresaola ultima modifica: 2018-07-02T15:42:08+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Questo week end è Aria di Festa: la festa del Prosciutto San Daniele DOP

Il prosciutto San Daniele DOP, Aria di Festa, San Daniele del Friuli. Chi non li conosce? Piatti, voglia di divertirsi, luoghi suggestivi. Aria di Festa - quest'anno dal 22 al 25 giugno- è lo storico appuntamento enogastronomico e culturale che, dal 1984, si tiene a San Daniele del Friuli. Una manifestazione di sapori, eventi culturali e spettacoli ideata per vivere...Questo week end è Aria di Festa: la festa del Prosciutto San Daniele DOP ultima modifica: 2018-06-20T09:52:38+00:00 da Monica Viani

Salumi: quali scegliere e quante volte mangiarli ultima modifica: 2018-08-02T09:48:14+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *