Colazioni Fameliche: a Pasqua, in Umbria

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Un nuovo appuntamento: istantanee #foodcultural di colazioni in Italia e nel mondo.

La colazione pasquale umbra non è una prima colazione. In realtà, è una seconda (senza essere il pranzo). Infatti la prima, quella colazione fatta appena svegli, è frugale. Poi si va a messa per i riti pasquali. Ed è al ritorno da questi che si apparecchia e si consuma una colazione rinforzata, dopo. Dolce e salata. Benedetta e desiderata. Tradizionale e tipica umbra, ma carica di simboli più universali – della Passione, della Resurrezione, dei luoghi e della stagione.

A tavola ci sono, variabilmente:

Capocollo, che a seconda della zone si chiama anche scammarita o scalmarita.
Salame nostrano.
I salumi sono un sapido reincontro con la carne, dopo l’astinenza della Quaresima. Ma la carne richiama la Passione e riporta anche al sacrificio.

Frittata di asparagi, ortaggio di primavera – verde tenue, come la natura che si risveglia.

Uova sode. L’uovo, oggetto perfetto e simbolo della Resurrezione per eccellenza. Immancabile, ma anche strumento di una disfida a colpi di guscio. Ci si scontra tra amici e parenti e il trofeo sono le uova rotte degli avversari che ci si porta a casa per condividerle in famiglia.

Pane fatto in casa, primario alimento, simbolo di Gesù come pane di vita.

Torta pasquale, salata, al formaggio e di salumi, tipica della zona di Terni e nota con altri nomi – crescia, per esempio – in altre aree regionali.

E dolci! Torta dolce, speziata e punteggiata di canditi, e la Ciaramicola, una ciambella attorcigliata, imbevuta di Alchermes, ricoperta di glassa bianca e di confettini multicolore. Rosso e bianco, i colori dell’Alchermes e dela meringa, sono anche gli stessi della città di Perugia.

Molte di queste specialità umbre, anzi tutte, si trovano non solo a Pasqua ma tutto l’anno nelle belle città e nei borghi di questa regione di cammini, di arte, di musica, di paesaggi incomparabili.

Da programmare, un viaggio in Umbria.

www.umbriatourism.it

Potrebbe interessarti anche:


Ricette regionali: la crescionda

Vi proponiamo la crescionda, un dolce di Spoleto, tipico del periodo di Carnevale, ma ottimo da degustare anche in autunno con l'arrivo dei primi freddi. Ha una consistenza morbida, con un forte gusto di...Ricette regionali: la crescionda ultima modifica: 2017-11-07T00:12:18+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Cosa vedere a Spoleto (soprattutto se è la prima volta!)

Cosa vedere a Spoleto? Non la conoscete? Non posso crederci: è una cittadina ricca di testimonianze culturali legate al passato, ma anche aperta alle nuove tendenze artistiche. Chi non conosce l'importanza del Festival dei Due Mondi? Ma Spoleto non è solo il Festival, è molto altro. L'Umbria è terra da scoprire. Se dovete mettere in cantiere un week end con...Cosa vedere a Spoleto (soprattutto se è la prima volta!) ultima modifica: 2017-12-11T12:36:57+00:00 da Monica Viani

Colazioni Fameliche: a Pasqua, in Umbria ultima modifica: 2019-04-18T23:44:37+00:00 da Daniela Ferrando FamFriend

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *