Moscow Mule: sotto accusa la tazza di rame. Dannosa per la salute?

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Il Moscow Mule si beve in una tazza di rame. Così vuole la tradizione. Nonostante il nome faccia pensare alla Russia, il famoso cocktail è nato nel 1941 a Los Angeles. Lo idearono John G. Martin, titolare della Smirnoff, e Jack Morgan, gestore del Cock’n Bull, locale di Hollywod frequentato da molte star. Una delle chiavi per comprendere il suo successo è anche la suggestione creata dall’essere servito in tazze di rame. Il rame è un buon conduttore, così la tazza si raffredda velocemente. Inoltre sembra che il connubio lime e rame dia un gusto particolare. Di recente un’ombra si agita su questo cocktail: la copper mug dal sapore retrò sarebbe dannosa alla salute. L’hipsterismo l’ha resa d’obbligo, ora nascono voci che sia velenosa. Secondo Today.com, fonte della Iowa Alcoholic Beverages Division, la copper mug avrebbe proprietà tossiche. “È proibito il contatto diretto tra rame e cibi con un pH inferiore al 6.0». Come ovviare? Assicurarsi che le tazze  di rame siano rivestite con nickel o acciaio inossidabile. Non vi fidate del barman, non rinunciate, ma bevetelo in un bicchiere o in una coppa di vetro!

Potrebbe interessarti anche:


I 6 cocktail più estivi: alcolici, freschi e allegri!

I 6 cocktail più estivi? Lo so che è difficile mettere d’accordo tutti. C’è chi li preferisce alcolici chi analcolici. Io mi schiero: faccio parte del primo gruppo. É sempre stato così, un innamoramento che si è trasformato in un amore che non ha mai conosciuto tradimenti. La mia esperienza di lover cocktail mi ha spinto a degustarne tanti, ad apprezzarne...I 6 cocktail più estivi: alcolici, freschi e allegri! ultima modifica: 2017-07-20T00:18:42+00:00 da Monica Viani

Potrebbe interessarti anche:


Il cocktail è servito. I drink che hanno fatto la storia

Ci sono cocktail nati per caso, altri in omaggio a celebri personalità, altri ancora rivisitati dall’estro creativo di qualche barman sovversivo. Tra leggenda e storia, ecco i drink più famosi di sempre. Spesso dalle origini insospettabili. Alexander Il celebre cocktail bianco fu inventato nel 1922 da Harry MacElhone, uno dei barman più leggendari di ogni epoca, per Mary Windsor. L’occasione? Le...Il cocktail è servito. I drink che hanno fatto la storia ultima modifica: 2018-09-02T10:49:51+00:00 da Alessandra Cioccarelli

Potrebbe interessarti anche:


Il cocktail è servito. Guida alle famiglie di drink

Mojito, Spritz, Gin Tonic, Pina Colada. Che sia l’ora dell’aperitivo o un dopo cena, al momento di ordinare un cocktail spesso ricadiamo sui soliti noti. In realtà per chi ama l’arte della miscelazione, l’offerta (soprattutto nei locali con un buon servizio di barman) è decisamente ampia e ben assortita. Per allargare i propri orizzonti alcolici – Chi beve solo acqua,...Il cocktail è servito. Guida alle famiglie di drink ultima modifica: 2017-04-26T10:11:45+00:00 da Alessandra Cioccarelli

Potrebbe interessarti anche:


Perinaldo: vivere una notte indimenticabile

Una tappa veramente speciale del mio viaggio alla scoperta dei borghi liguri, in provincia di Imperia, è Perinaldo, un piccolo paese da visitare con gli occhi rivolti verso l'alto. Situato su un crinale, a 572 m. sul livello del mare e su un anfiteatro naturale, coperto da secolari uliveti, ginestre, mimose e vigneti, è conosciuto anche come il Poggio delle Stelle. Inserito...Perinaldo: vivere una notte indimenticabile ultima modifica: 2017-06-07T22:16:06+00:00 da Monica Viani

Moscow Mule: sotto accusa la tazza di rame. Dannosa per la salute? ultima modifica: 2017-08-18T18:06:36+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *