Il cocktail è servito. Guida alle famiglie di drink

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Mojito, Spritz, Gin Tonic, Pina Colada. Che sia l’ora dell’aperitivo o un dopo cena, al momento di ordinare un cocktail spesso ricadiamo sui soliti noti. In realtà per chi ama l’arte della miscelazione, l’offerta (soprattutto nei locali con un buon servizio di barman) è decisamente ampia e ben assortita.

Per allargare i propri orizzonti alcolici – Chi beve solo acqua, ha un segreto da nascondere diceva il buon Baudelaire – e orientarsi nell’universo della mixology, ecco una pratica guida alle principali famiglie di drink.

Cobbler

Medium e long drink dissetante si compone di ghiaccio tritato, pezzi di frutta fresca e buona dose di distillato, liquore o spumante. In alcuni casi viene aggiunto anche sciroppo di frutta o zucchero. Il servizio prevede cannucce e cucchiaio.

Daisy

Medium drink e all time cocktail di norma ha come base alcolica il brandy, a cui viene aggiunto succo di limone e sciroppo di granatina o d’orzata. Viene preparato nello shaker e allungato con seltz nel bicchiere tumbler pieno di ghiaccio.

Fizz

Long drink rinfrescante ha come ingredienti distillato, succo di lime o limone, sciroppo di zucchero e soda. Si scuote nello shaker e si versa con ghiaccio nel tumbler. Il Gin Fizz è uno dei più noti.

Frozen

Medium e long drink dissetante è preparato solitamente con distillati, frutta, spremuta di agrume, liquori dolci e aromatici, sciroppi, zucchero e abbondante ghiaccio.  Ha l’aspetto di una soffice granita.

Grog

Hot short drink energetico viene preparato con un distillato (o liquore diluito in acqua bollente), arricchito di spezie, scorze di agrumi, zuccheri e un ricciolo di burro. La bevanda dal profumo inebriante è servita in piccoli bicchieri con impugnatura.

Julep

Sono considerati i cugini del Mojito, il famoso pestato al profumo di menta, con una sostanziale differenza: vengono scossi nello shaker.

Pestati

Assimilabili ai Rickeys, hanno come ingredienti indispensabili lime a pezzi e zucchero. In questa famiglia troviamo tanti grandi nomi: dal Mojito alla Caipirinha, alla Caipiroska e Caipirissima.

Rickeys

Medium e long drink dissetanti, sono preparati con ghiaccio a pezzetti, un distillato light a base di lime o limone e zucchero pestati. Simili ai pestati, sono meno dolci.

Shrup-cup

Pre dinner e long drink dissetanti sono realizzati in grandi quantità per buffet e feste. Preparati con distillato, frutta fresca, zucchero e limone, spezie ed erbe aromatiche vengono serviti in caraffe o bowl capienti. A volte lo zucchero è sostituito con il liquore maraschino.

Sour

Medium drink aperitivo e all time cocktail è composto da distillato, succo di limone e sciroppo di zucchero. Nè dolce, né acido, ma appunto “sour” viene servito filtrato o con ghiaccio nel bicchiere goblet.

Sparkling

Medium e long drink è caratterizzato dall’unione di polpa o nettare di frutta e vini spumanti. Questa famiglia diventa famosa con il Buck’s Fizz, il Kir Royal e il Cocktail Champagne, sofisticati fratelli maggiori dello Spritz.

Potrebbe interessarti anche:


The Botanical Club: la prima distilleria urbana di gin

The Botanical Club nasce nel quartiere Isola, rinomata negli anni '80 proprio come zona di Milano in cui la legge difficilmente poteva esercitare il proprio potere. È la prima distilleria urbana milanese di gin con cocktail bar e ristorante, frutto dell'intraprendenza di due iovani imprenditori, che nel giro di un anno hanno subito bissato in Via Tortona, zona Navigli....The Botanical Club: la prima distilleria urbana di gin ultima modifica: 2017-03-12T09:59:09+00:00 da Camilla Rocca

Potrebbe interessarti anche:


Vino vegano, l’ultima frontiera dell’enologia

Il vino vegano prodotto senza alcun additivo animale è l’ultima moda. Sotto accusa una precisa fase della lavorazione in cantina, la chiarificazione del vino e il successivo filtraggio. Si possono sostituire con sostanze di origine vegetale o minerale senza alterarne la qualità? Ma che cosa è un vino vegano? Un vino per definirsi vegano non deve prevedere in nessuna fase della...Vino vegano, l’ultima frontiera dell’enologia ultima modifica: 2016-10-18T20:13:33+00:00 da Monica Viani

Il cocktail è servito. Guida alle famiglie di drink ultima modifica: 2017-04-26T10:11:45+00:00 da Alessandra Cioccarelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *