Cibo e cultura: il Piemonte è la nuova frontiera del vino bianco?

Share on FacebookTweet about this on Twitter

La cultura del vino si fa sempre più strada e ci porta ad approfondire la conoscenza di vitigni recuperati dall’oblio. Ne ho avuto conferma partecipando alla Milano Wine Week, in particolare alla Masterclass Solo Bianco- I grandi vini bianchi del Piemonte. Un appuntamento per scoprire i vitigni autoctoni del Piemonte e approfondire la storia e l’evoluzione dei vini bianchi nel tempo.

Il Piemonte è la nuova frontiera del vino bianco?

Siamo soliti pensare che il Piemonte sia terra di vini rossi, ma commettiamo un grosso errore. Fino a qualche anno fa  i rossi piemontesi occupavano i primi posti di tutte le classifiche che ne premiavano la loro qualità. Oggi i bianchi di questa regione così importante per la produzione di vini italiani, sta conquistando sempre più l’attenzione dei winelovers. Questo forse anche per la loro capacità di abbinarsi a numerosi piatti della cucina gourmet e tradizionale.

Le cantine piemontesi hanno fatto negli ultimi anni passi da gigante: ricerca, qualità, nuove tecnologie, recupero di antichi vitigni, promozione del territorio, investimenti intelligenti, estrema cura nella produzione, rispetto dell’ambiente sono entrati nella filosofia produttiva. Le vigne non sono più avvitate solo ai vitigni classici. Così, ad esempio, la Regione Piemonte sta per inserire nell’elenco regionale delle varietà di vitigni idonei alla coltivazione, il vitigno Bian Ver, un tipico vitigno alpino, ormai presente alquanto sporadicamente nell’Alta Valsusa, nella Val Chisone (Pomaretto e Perosa Argentina) e nel Pinerolese.

La riscossa del vino bianco piemontese, ben accolta dagli chef italiani e internazionali, è di ottimo auspicio per il futuro del vino. Per l’export del Piemonte il vino rappresenta un’importante economia data dal 60% che raggiunge il mercato estero. Di questo, il 30% di vino va nei paesi extra UE, di cui il principale mercato è rappresentato dagli USA, mentre il restante 70% invece è venduto e consumato in Europa, con Germania e Gran Bretagna in testa, ma anche in Svizzera, Francia e Spagna.

Uno dei vini bianchi piemontesi di cui oggi si parla tanto, grazie a recensioni del settore, è il Timorasso. Si tratta di un vino di colore giallo paglierino, con eleganti toni floreali, sentori mandorlati, una buona sapidità, e forti note minerali e di pietra focaia, spesso accompagnate da sentori resinosi e di idrocarburi. La spiccata acidità dà al vino freschezza e grande longevità.

Ottime recensioni ha avuto anche il Gavi, un vino da sempre legato al suo territorio, riscoperto recentemente da numerosi chef per la sua versatilità.

Altra sorpresa è l’Arneis, un antico vitigno piemontese che ha rischiato di scomparire. Da molti definito il Barolo Bianco, è  lievemente aromatico, leggero, con sentori olfattivi  erbacei e gusto che ricorda la mandorla. Presenta scarsa acidità, un vino neutro che esprime il territorio.

Potrebbe interessarti anche:


Ricette regionali: il Bonét, dolce piemontese

Il Bonét all’amaretto l'ho assaggiato presso il ristorante e hotel Tenuta della Guardia a Gavi, in provincia di Alessandria. Delizioso! Dolce tipico piemontese, può essere riproposto anche a casa. Bonèt in piemontese indica il cappello/berretto portato...Ricette regionali: il Bonét, dolce piemontese ultima modifica: 2018-10-14T16:29:55+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Mete Spirituali vol 4. Le Cattedrali Sotterranee, patrimonio UNESCO

Le chiamano Cattedrali per la loro imponenza, ma sono immense e dedaliche cantine, sotto terra. In quanto Cattedrali possono dirsi luoghi dello spirito - non solo in senso alcolico. Sono patrimonio UNESCO, le Cattedrali Sotterranee, e si trovano in Piemonte nella bella Canelli. Famelici le propone non tanto come l'ennesima gita enogastronomica (questo è già evidente e dichiarato) ma come...Mete Spirituali vol 4. Le Cattedrali Sotterranee, patrimonio UNESCO ultima modifica: 2019-07-30T15:37:24+00:00 da Daniela Ferrando FamFriend

Cibo e cultura: il Piemonte è la nuova frontiera del vino bianco? ultima modifica: 2019-10-13T23:41:14+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *