Filippo Callipo, io resto in Calabria in nome dell’etica del fare

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Filippo Callipo è la dimostrazione che si può fare crescere un’azienda moderna senza collusioni con il malaffare in una terra meravigliosa con atavici problemi di controllo del territorio. Sì, lo hai capito, stiamo parlando della Calabria.

Giacinto Callipo Conserve Alimentari Spa è all’avanguardia soprattutto per la scelta di investire nel sociale e nel welfare in nome della consapevolezza del valore del capitale umano. Qualche esempio? I lavoratori dell’azienda, in maggioranza donne, possono disporre di una convenzione con uno specialista in radio-diagnostica e senologia per poter sostenere, con costi a carico dell’azienda, una visita senologica ed esami ecografici e mammografici.

L’azienda  è poi  impegnata in diversi programmi di responsabilità sociale, da Telethon al Centro di recupero tartarughe marine di Brancaleone. Un’iniziativa che mi piace segnalare? Per dare speranza a chi ha commesso reati e cerca il reinserimento nella società è stato avviato il progetto con la Casa Circondariale di Vibo Valenzia. Sette detenuti sono assunti per la realizzazione deli doni natalizi in modo che formazione, carcere e mondo del lavoro collaborino per il riscatto sociale. Filippo Callipo ama ripetere: “investiamo sulle persone e sul territorio, non prendiamo solamente”.

Filippo Callipo, io resto in Calabria. Oggi candidato alle Regionali calabresi

Filippo Callipo, è l’uomo che ha portato avanti il sogno del visionario bisnonno Giacinto, colui che ha creduto nella possibilità di produrre tonno di qualità. Filippo è, infatti, la quarta generazione della famiglia che ha fondato l’azienda nel 1913 a Pizzo Calabro e che ha saputo fare crescere una delle aziende del Sud Italia più longeve. Un incrocio di mani e di reti che hanno salvato una tradizione del nostro meridione. Una storia di uomini che affrontavano il mare e di donne che lavoravano le reti del “maiale del mare“.

La Callipo è un gioiello Made in Italy, una delle poche aziende a fare ancora la lavorazione del pesce, in tutte le sue fasi, in Italia nel proprio stabilimento di Maierato. Il business principale dell’azienda è quello delle conserve ittiche, in particolare del tonno conservato sott’olio e ora anche all’acqua di mare.

Il nuovo prodotto lanciato sul mercato sono i filetti di tonno al naturale in acqua di mare Acquamaris, un’acqua prelevata in profondità dal Mare Ionio. Un prodotto sano, sapido naturalmente, fonte di iodio e di magnesio.

Recuperata l’antica tradizione di cucinare con l’acqua di mare, si è confermata ancora una volta la volontà di produrre un prodotto rispettoso della storia, oltre che dell’eccellenza. Come ricorda Giacinto Callipo, con il fratello Filippo Maria, la quinta generazione dell’azienda: ” il nostro è un prodotto confezionato a mano in vaso di vetro, la cui trasparenza conferma la qualità“.

La tradizione è soprattutto rispettata nella monda, il lavoro portato avanti dalle donne, che con occhio attento tagliano e sezionano i tagli di tonno. Lo stesso timbro della confezione è manuale: l’iniziale di chi ha concluso il lavoro ci dice chi ha portato a termine con orgoglio un lavoro ancora artigianale.

Se cercate un’opzione gustosa, rispettosa dell’economia etica e della salute, il tonno proposto dall’azienda calabrese è la scelta giusta.

Ricordiamo, anche se non ce ne è bisogno, che il tonno si presta ad innumerevoli ricette adatte per antipasti, pranzi, cene e aperitivi.

Potrebbe interessarti anche:


Tonno in scatola o in vetro. Quanto conta il packaging?

Quanto conta il contenitore scelto per un alimento? Se pensiamo al tonno in scatola, ad esempio, risulta abbastanza evidente quanto il rapporto tra prodotto e confezionamento non sia affatto secondario. Il tonno per eccellenza che entra nelle nostre case con molta probabilità è il tonno in scatola. Sugli scaffali si è diffuso però da tempo anche un’alternativa: il tonno nel barattolo di...Tonno in scatola o in vetro. Quanto conta il packaging? ultima modifica: 2017-04-12T16:06:26+00:00 da Alessandra Cioccarelli


Potrebbe interessarti anche:


Destruction of the sea: rischiamo di perdere il gusto del pesce

In un recente passato l'abbiamo incensata, la consideravamo la nuova frontiera del design e dello stile. Presto ci siamo dovuti ricredere, tanto che la lotta alla plastica è stata...Destruction of the sea: rischiamo di perdere il gusto del pesce ultima modifica: 2019-08-31T10:57:27+00:00 da Monica Viani

In un recente passato l'abbiamo incensata, la consideravamo la nuova frontiera del design e dello stile. Presto ci siamo dovuti ricredere, tanto che la lotta alla plastica è stata la protagonista di una importante battaglia green. Il Parlamento Europeo...Destruction of the sea: rischiamo di perdere il gusto del pesce ultima modifica: 2019-08-31T10:57:27+00:00 da Monica Viani

In un recente passato l'abbiamo incensata, la consideravamo la nuova frontiera del design e dello stile. Presto ci siamo dovuti ricredere, tanto che la lotta alla plastica è stata la protagonista di una importante battaglia green. Il Parlamento Europeo ha approvato una legge che vieta l'uso di articoli in plastica monouso entro il 2021. Un atto dovuto dal momento...Destruction of the sea: rischiamo di perdere il gusto del pesce ultima modifica: 2019-08-31T10:57:27+00:00 da Monica Viani

Filippo Callipo, io resto in Calabria in nome dell’etica del fare ultima modifica: 2020-01-13T09:25:25+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *