Cibo, fake news e false polemiche: dallo scontrino di Cracco a…

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Nel giro di pochi giorni lo scontrino di  Carlo Cracco, Alessandro Borghese e la sua trasmissione Tv 4 Ristoranti. Che cosa sta succedendo? Anche il food conosce il fenomeno dell’ira cieca, che cerca consensi e talvolta non li trova. Entriamo nell’epoca di cibo, fake news e false polemiche.

Chi entra da Cracco sa (i prezzi sono esposti!) a quale salasso può andare incontro. La qualità, il marchio, la location si paga! Chi partecipa a certe trasmissioni televisive deve mettere in conto di poterne uscire sconfitto. I regolamenti si devono leggere attentamente! Le regole dello show business non perdonano.

La rabbia, che spesso popola i social, è il tentativo disperato di affermare se stessi cercando un nemico reale o fittizio. Il più delle volte è un’arma a doppio taglio, che facilmente si ritorce contro. Fb, Twitter, Instagram sono diventati i luoghi dove sfogare le proprie frustrazioni. La critica espressa sui social non necessita di una spiegazione, di una motivazione profonda. Si vuole avere ragione e conquistare il consenso di altre persone per creare una comunità che da virtuale per magia si trasformi in reale. Si costruiscono legami che servono a creare identità false, rassicuranti.

Una forma di analfabetismo emotivo, ovvero un cervello senza cuore. I sentimenti si costruiscono attraverso la costruzione di mappe emotive fatte di legami, relazioni. Senza di queste si risponde solo a degli impulsi. Questi dovrebbero trasformarsi in emozioni. Solo riconoscendo le emozioni si passa a provare dei sentimenti, che consentono di percepire gli altri e il mondo circostante con cognizione.

Le fake news o le false polemiche non sono altro che notizie costruite per parlare all’emotività e non alla ragione. Come accade in televisione, tutto si trasforma in intrattenimento, creando l’illusione di informare. Abbiamo già assistito allo slittamento della politica verso il chiacchiericcio, l’invettiva, ora è il turno del cibo. Abituiamoci a non “divorare” più i fatti, ma le sensazioni!

Potrebbe interessarti anche:


Leggere Virginia Woolf attraverso il cibo: ritratto di una donna che fa ancora paura

Leggere Virginia Woolf attraverso il suo rapporto con il cibo: un tentativo di comprendere la personalità di una scrittrice governata da impulsi spesso opposti. Un'ulteriore dimostrazione che cibo e cultura possono essere chiavi di lettura per cercare di dare risposte a domande complesse. Ma chi è Virginia? Una donna nevrotica, taciturna, depressa, scorbutica, frigida, con un naso pronunciato e...Leggere Virginia Woolf attraverso il cibo: ritratto di una donna che fa ancora paura ultima modifica: 2017-09-04T00:04:15+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Leggere Amélie Nothomb attraverso il cibo: “Biografia della fame” oltre al mangiare la ricerca della propria identità

Si può raccontare la propria vita attraverso il desiderio, la fame di cibo e cultura? Sì, soprattutto quando questa diventa metafora di altri desideri: amore, bellezza, avventure. Il romanzo autobiografico "Biografia della fame" della scrittrice belga Amélie Nothomb è una testimonianza di come sconfiggere l'anoressia cibandosi di parole, trasformando il corpo in carta. Il libro pubblicato nel 2004 è un romanzo senza tempo che vale la pena...Leggere Amélie Nothomb attraverso il cibo: “Biografia della fame” oltre al mangiare la ricerca della propria identità ultima modifica: 2017-10-22T23:24:12+00:00 da Monica Viani

 

Cibo, fake news e false polemiche: dallo scontrino di Cracco a… ultima modifica: 2018-07-27T00:01:38+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *