6 cocktail da fare in casa per conservare il mood festivo

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Il 2018 ha confermato che la mixology sta vivendo una nuova primavera. É sempre più facile trovare locali accoglienti in grado di offrirti un ottimo cocktail. Ma, secondo un  sondaggio, condotto da Sanbittèr Aperitivo e Cool Hunting, oltre un italiano su due ha l’abitudine di preparare un drink a casa. Vi proponiamo 6 cocktail da fare in casa per conservare il mood festivo.

Prima di leggere le nostre 6 ricette vi raccomandiamo di considerare i tempi di realizzazione (ricordatevi non siete un barman!), evitate la flair bartending (miscelazione acrobatica), rammentate di non usare bicchieri caldi da lavastoviglie, controllare di avere ghiaccio a sufficienza e assicuratevi di avere l’attrezzatura minima. Ultimo consiglio: preparate prima le eventuali decorazioni/guarnizioni.

Se proprio non ve la sentite di affrontare la strada impervia dell’utilizzo dello shaker, optate per cocktail che si possono servire in caraffa.

6 cocktail da fare in casa per conservare il mood festivo: la miscelazione casalinga

Fragolì Margarita

  • 3/10 › Fragolì Toschi 4/10
  • Tequila 2/10  Triple Sec 1/10
  • Sciroppo Long Drink Lime Toschi q.b.
  • Ghiaccio tritato

Preparate nel mixer il Fragolì Toschi, la tequila, il triple sec e lo sciroppo Long Drink Toschi con il ghiaccio tritato. Versate il tutto in un tumbler basso.

Decorate con una fetta di limone e una fragola sul bordo del bicchiere

Winter Sour

  • 2 parti  Grey Goose La Poire (Martini&Rossi)
  • 1 parte  Succo di limone 1/2 parte
  • Sciroppo alla cannella 1/2 n
  • Pera Anjou 1/2 n
  • Uovo oca bianca q.b.
  • Ghiaccio

Mettete mezza pera frullata nello shaker, riempite di ghiaccio e mettete tutti gli altri ingredienti (il mezzo uovo per ultimo).

Shakerate energicamente e versate con cura in bicchiere da sour da guarnire con un ventaglio di fettine di pera. A piacere grattate un po’ di cannella per dare maggiore aroma.

El 7 Libre

  • 5 cl Havana Club Añejo 7 Años (Pernod Ricard)
  • 10 cl › Coca-Cola q.b.
  • Gocce di limone o lime q.b.
  • Ghiaccio

Ponete 2-3 cubetti di ghiaccio nel bicchiere, aggiungete Havana Club Añejo 7 Años e alcune gocce di succo di limone o lime.

Completate con Coca-Cola, guarnendo con una fettina di limone o lime.

Borghetti shakerato

  • 4 cl Caffè Borghetti
  • Ghiaccio a cubetti

Versate Caffè Borghetti in uno shaker con ghiaccio a cubetti, shakerate energicamente nel bicchiere senza filtrare il ghiaccio.

Decorate con un bastoncino di vaniglia o un cucchiaino di zucchero liquido vanigliato.

Tanqueray Rickey

  • 4 cl Gin Tanqueray
  • 1 cl Succo di lime 3 cl
  • Soda q.b.
  • Ghiaccio in cubetti

Mettete il ghiaccio in un bicchiere old fashioned e aggiungete il gin Tanqueray, il succo di lime e la soda.

Virgin Blackberry Cooler

  • 80 ml Pago Mora Selvatica 50 ml ›
  • Pago Fragola 25 ml
  • Pago Mirtillo 10 ml
  • succo di limone fresco 15 ml
  • sciroppo di gelsomino q.b.
  • Ghiaccio

Agitate in uno shaker il ghiaccio, Pago Mora Selvatica, Pago Fragola, Pago Mirtillo, il succo di limone fresco e lo sciroppo di gelsomino.

Versate il tutto in un bicchiere pieno di ghiaccio. Servire con cannuccia.

Potrebbe interessarti anche:


Il cocktail è servito. I drink che hanno fatto la storia

Ci sono cocktail nati per caso, altri in omaggio a celebri personalità, altri ancora rivisitati dall’estro creativo di qualche barman sovversivo. Tra leggenda e storia, ecco i drink più famosi di sempre. Spesso dalle origini insospettabili. Alexander Il celebre cocktail bianco fu inventato nel 1922 da Harry MacElhone, uno dei barman più leggendari di ogni epoca, per Mary Windsor. L’occasione? Le...Il cocktail è servito. I drink che hanno fatto la storia ultima modifica: 2018-09-02T10:49:51+00:00 da Alessandra Cioccarelli


Potrebbe interessarti anche:


Arrivano gli wine cocktails: la varietà dei cocktail aumenta

Arrivano gli wine cocktails...li aveva già proposti Marinetti...vino è cultura! Chi non ha letto "La cucina Futurista" di Filippo Tommaso Marinetti, il fondatore del movimento futurista? Se non l'avete fatto, leggetelo, mettetelo in valigia. Il futurismo, irriverente, brillante, provocatorio, aveva un solo motto "épater le bourgeois", ovvero stupire il borghese. Non ci può dunque sorprendere che proponesse dei cocktail per...Arrivano gli wine cocktails: la varietà dei cocktail aumenta ultima modifica: 2018-07-29T10:01:50+00:00 da Monica Viani

6 cocktail da fare in casa per conservare il mood festivo ultima modifica: 2019-01-13T11:33:37+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *