Villa Làrio. Dammi 5 ingredienti e delizierò il mondo

Cinque, italiani, eccellenti, diversi ogni stagione. Sono gli ingredienti che fondano il menu di Villa Làrio a Pognana Lario sulla sponda orientale del Lago di Como, dove abbiamo assaggiato una sorprendente combinazione estiva del giovane, interessante chef Alex Visconti.

Facciamo un passo indietro sul luogo che ci ha ospitati.

Villa Làrio è un boutique hotel che si articola in tre edifici d’epoca. Il corpo principale è una classica villa lariana ottocentesca amorevolmente ristrutturata. Sono in totale 18 le suites, con piscina a sfioro, molo privato, giardino e un ristorante che affaccia sull’acqua. Da cui si gode un tramonto spettacolare.

Lettori che cercate l’indirizzo per un dating place indimenticabile, prendete nota.

In questo luogo, tranquillo e discreto, ideale per una fuga sul lago che duri il tempo di una cena, di un weekend o di una breve vacanza, il menu è atipico. Perché non si legge per portate, ma per ingrediente portante. “Dammi 5 ingredienti e delizierò il mondo” sembra dire.

La cinquina nel menu di questa estate

Cinque è un numero intelligente, che permette di campionare l’Italia e l’intera gamma dei colori e dei sapori dall’antipasto al dessert. L’estate è, per esempio, un tripudio di rossi, bianchi e gialli.

E se la cinquina primaverile prevedeva colori pastello con Asparagi bianchi di Bassano, Pistacchio verde di Bronte, Zafferano della Lombardia, Parmigiano Reggiano dell’Emilia-Romagna e Cipolla rossa di Tropea, la nuova carta dell’estate gioca su una nuova squillante cinquina:

Friggitelli | Pomodori San Marzano | Limoni di Sorrento | Melanzana | Burrata del Cilento e su questa base, scatena la combinatoria.

Il nostro percorso dall’antipasto al dolce

Il nostro è stato, su espressa richiesta, un percorso senza carne. Ma con un tocco ittico. E dunque, accompagnati da una bottiglia di Scaia (Garganega / Chardonnay delle Trevenezie IGT) 2020 della famiglia Castagnedi, abbiamo provato:

Friggitelli estivi ripieni di ricotta di bufala, pomodori secchi, crumble di pane agli aromi, polvere di peperoni cruschi, olio al basilico, crema di peperoni arrostiti con pomodoro. An antipasto filiforme ed elegante, delicato, divertente.

NB: lo chef non assegna ai piatti titoli altisonanti o acchiappalike. Enumera gli ingredienti. Che sono già un’anticipazione dei sapori, se siete abbastanza immaginifici.

Caccavella IGP di Gragnano con ripieno alla Norma, datterini, burrata, pesto ligure leggero, crema di Parmigiano Reggiano 48 mesi, polvere di pomodoro. Piatto bellissimo e gratificante a cominciare dalle due chips di melanzana lì sopra, di sottigliezza infinitesima e croccantezza voluttuosa. Spoiler: il mio piatto preferito della serata.

Sedano rapa CBT e passato alla plancia, crema di piselli, squacquerone, pomodorini confit, olive taggiasche disidratate, foglia di shiso (piatto con un delizioso umami dato dalla miscela di salsa miso, soia, aceto balsamico).

Abbiamo assaggiato questi lingotti di sedano rapa sia nella versione vegetariana sopra descritta, sia con capesante alla piastra, accostamento valorizzante, da ricordare.

Delizia al limone, cioè una bavarese limone-vaniglia-burrata. Burrata, sì, e in un dolce. Su meringa sbriciolata e con foglioline di menta. Tripudio cremoso ma non stucchevole, evviva!

Cinque è bel un numero

Cinque sono le dita della mano e cinque sono i continenti e quindi cerchi olimpici. La cinquina è a un passo dalla tombola. 5 è un numero primo, divisibile solo per 1 e per se stesso. In numerologia, il 5 è molteplicità, cambiamento. E si potrebbe continuare all’infinito.

Cinque minuti è un modo di dire, un tempo flessibile da intendersi come un’eternità o un attimo, la giusta durata. Come quando si scambia qualche parola. E infatti, cenare fuori è anche il piacere di conversare 5 minuti o più con chi ci ha accolti: lo chef, la sala, il maître turco Gokhan Koçak che finalmente mi ha svelato la corretta pronuncia di Kısır, piatto tipico della Turchia anatolica. Ma questa è un’altra storia.

Manca solo come trovare Villa Làrio. Toh, anche nell’indirizzo c’è un multiplo di cinque:

Villa Làrio. Via G. Matteotti 25. Pognana Lario (CO). Tel. +39 031 5375064

www.villalario.com

Potrebbe interessarti anche:


Leggere “La rondine sotto il portico” per scoprire l’orgoglio rurale della Brianza

Leggere oggi "La rondine sotto il portico"curato da Andrea Corneo vuol dire rimanere a bocca aperta: si scopre uno spaccato di vita dei nuclei rurali casatesi nei primi del 900. Tornata dal press day organizzato dal Consorzio Brianza che nutre alla scoperta di cascine e corti brianzole, ho raccontato ad alcune mie amiche nate in campagna che cosa avevo visto...Leggere “La rondine sotto il portico” per scoprire l’orgoglio rurale della Brianza ultima modifica: 2018-06-17T16:26:31+02:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Osteria Manzoni, un menu imbattibile dedicato a Gaetano Orazio

Osteria Manzoni, a Barzago, in provincia di Lecco, non è solo un ristorante, è testimonianza che cibo è cultura. Dopo che la pandemia ci ha costretto a rintanarci nelle nostre case, ora che sembra che, con cautela, possiamo tornare alla normalità, siamo diventati i protagonisti di diverse ricerche di menu e proposte gastronomiche intriganti e originali. Andiamo dall'Orazio, il menu culturale...Osteria Manzoni, un menu imbattibile dedicato a Gaetano Orazio ultima modifica: 2021-07-05T00:10:46+02:00 da Monica Viani

Villa Làrio. Dammi 5 ingredienti e delizierò il mondo ultima modifica: 2021-07-09T14:21:00+02:00 da Daniela Ferrando FamFriend

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *