Milano Design Week 2021: osservazioni fameliche + Faber Coffee

La Milano Design Week 2021, dal 4 al 10 settembre, ha trasformato Milano nel tempio del design. Attesa con impazienza, si è rivelata un grande successo, con oltre 57.000 visitatori. Noi abbiamo scoperto per voi Faber Coffee.

Finalmente è tornata! Dopo la pausa imposta dalla crisi sanitaria, la Milano Design Week è tornata a popolare le strade del capoluogo lombardo. Un’occasione per tutti per scoprire novità, brand emergenti e classici senza tempo. Un vero viaggio internazionale nel mondo del design! Sia pure in formato ridotto, l’edizione 2021 ci ha fatto scoprire belle sorprese. Abbiamo potuto così ammirare colori pop, il ritorno delle forme geometriche e la proposta di oggetti quotidiani rivisti in chiave elegante senza perdere la loro funzionalità.

Milano Design Week 2021, un’edizione tra arte, mondo connesso e ritorno all’autenticità

Lo avevano già capito artisti come Picasso o Matisse: spesso il confine tra arte e design è sottile, così fragile da diventare invisibile. Una manifestazione come la Milano Design Week lo rende esplicito a tutti. Che cosa abbiamo visto nelle strade di Milano?

  • Oggi tutti abbiamo bisogno di energia, di gioia, di colore, di eleganza. Un’esigenza che ha fatto tramontare l’epoca del minimalismo scandinavo.
  • In un’epoca poi in cui abbiamo conosciuto lo smart working e l’imposizione di vivere molte ore chiusi nelle nostre case abbiamo dovuto confrontarci con la dimensione tecno. É così nata l’esigenza che molti strumenti tecnologici di lavoro che sono entrati prepotentemente nelle nostre case diventino decorativi, oltre che funzionali.
  • La Milano Design Week 2021 ci ha fatto riflettere sulla necessità di coniugare semplicità, comodità e ricerca estetica.

La scoperta famelica: Faber Coffee

A noi ha colpito una macchina del caffé in cialde in edizione limitata proposta dall’azienda campana Officina Faber Italia: Army Collection, una linea caratterizzata da texture camouflage co dettagli realizzati in ottone. Una macchina del caffé resistente ed audace!

Potrebbe interessarti anche:


Brad Pitt è l’Ambassador De’Longhi per un caffé da Oscar

Brad Pitt è l'Ambassador della campagna di comunicazione del Gruppo De' Longhi, azienda leader delle macchine da caffé espresso per la casa. Sulla sella di una moto d'epoca l'eterno play...Brad Pitt è l’Ambassador De’Longhi per un caffé da Oscar ultima modifica: 2021-09-02T17:18:00+02:00 da Monica Viani

Brad Pitt è l'Ambassador della campagna di comunicazione del Gruppo De' Longhi, azienda leader delle macchine da caffé espresso per la casa. Sulla sella di una moto d'epoca l'eterno play boy Brad Pitt corre sulle strade della costa californiana per...Brad Pitt è l’Ambassador De’Longhi per un caffé da Oscar ultima modifica: 2021-09-02T17:18:00+02:00 da Monica Viani

Brad Pitt è l'Ambassador della campagna di comunicazione del Gruppo De' Longhi, azienda leader delle macchine da caffé espresso per la casa. Sulla sella di una moto d'epoca l'eterno play boy Brad Pitt corre sulle strade della costa californiana per andare ad acquistare il "suo" caffé e prepararselo poi comodamente a casa. Ecco in poche parole descritta la campagna di...Brad Pitt è l’Ambassador De’Longhi per un caffé da Oscar ultima modifica: 2021-09-02T17:18:00+02:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Caffé: quanta dipendenza crea? Una riflessione sociologica

Un must della colazione italiana, ma la caffeina è accusata di creare dipendenza, tanto da causare irritazione se non si soddisfa la voglia. Il re della dipendenza da caffé? Voltaire beveva...Caffé: quanta dipendenza crea? Una riflessione sociologica ultima modifica: 2021-08-14T12:52:19+02:00 da Monica Viani

Un must della colazione italiana, ma la caffeina è accusata di creare dipendenza, tanto da causare irritazione se non si soddisfa la voglia. Il re della dipendenza da caffé? Voltaire beveva 40 – 50 caffè al giorno «Che dolce gusto ha il...Caffé: quanta dipendenza crea? Una riflessione sociologica ultima modifica: 2021-08-14T12:52:19+02:00 da Monica Viani

Un must della colazione italiana, ma la caffeina è accusata di creare dipendenza, tanto da causare irritazione se non si soddisfa la voglia. Il re della dipendenza da caffé? Voltaire beveva 40 – 50 caffè al giorno «Che dolce gusto ha il caffè, più amabile di mille baci, più soave del moscato». Così canta Lieschen, la protagonista della “Cantata del Caffè”, il...Caffé: quanta dipendenza crea? Una riflessione sociologica ultima modifica: 2021-08-14T12:52:19+02:00 da Monica Viani

Milano Design Week 2021: osservazioni fameliche + Faber Coffee ultima modifica: 2021-09-14T09:29:05+02:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *