Maria Stelvio: che fai se sei donna, ami la cucina e c’è la guerra?

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Nei primi del Novecento essere donna era considerato un ostacolo. Pochissime donne emergevano nelle scienze, nelle arti, ma anche nella cucina. Spesso nella ristorazione emergeva il cuoco, che si limitava a ricordare come la scelta, la passione per la cucina fosse nata grazie all’influenza di figure femminili, quali le madri, le sorelle o le zie. Eppure se indaghiamo con cura, scopriamo che alcune donne sono il fondamento di alcune cucine regionali, una di queste è Maria Stelvio.

Maria Stelvio: libri di cucina al femminile. La cucina giulianaMaria Stelvio è l’Artusi della cucina Giuliana, una donna moderna e anticonformista. Nata in una famiglia della buona borghesia, madre di due figlie, fu prima insegnante e poi giornalista. La prima edizione del suo libro, Cucina Triestina, risale al 1927. Fu per un giornale locale inviata di guerra sul fronte del Piave nel corso della prima guerra mondiale. Rientrata a Trieste, si appassionò all’arte culinaria e iniziò a raccogliere in un libro le sue ricette di cucina triestina. Siamo nel periodo fascista, il conflitto mondiale imperversa, la paura di perdere la vita era fortissimo. I generi alimentari scarseggiano, non si butta via niente, gli avanzi non esistono perché tutto ciò che è commestibile, viene riutilizzato in cucina. Conservare a lungo gli alimenti è impossibile, la tessera annonaria consentiva una razione che doveva bastare. Eppure non si rinuncia ai piaceri della tavola.

La prefazione del libro è una dedica alla figlia Augusta, che a breve si maritava, e a cui regala il suo ricettario, con lunghe note su come “trattare”gli ingredienti prima della cottura. Consigli di economia domestica.

In cucina non si butta via niente e se manca il burro…

In tempo di guerra di deve pesare tutto, per evitare di rimanere senza cibo. Occorre evitare di consumare il cibo prima della scadenza della tessera. L’economia più importante è il risparmio del combustibile, per cui si può impilare una pentola sopra l’altra in modo che la prima faccia da coperchio a quella che sta sotto.

Non c’è più burro? Basta shakerare, con forza, per circa mezz’ora, in una bottiglia a collo largo, del latte.

E per il brodo?

“Le ossa danno sostanze nutritive anche dopo 8 ore di bollitura, perciò dopo aver fatto il brodo, si fanno ribollire con altra acqua che assieme a una puntina di burro, due dadi e le solite verdure daranno un secondo brodo”.

E se il combustibile scarseggia o è troppo caro?

Si prende spunto dall’arte di fare le polpette. Come? Utilizzando la carta della spesa. La si lascia macerare in acqua fredda per tre giorni, la si spreme e si formano delle palle da fare asciugare al sole. Risultato? Ottimo combustibile per la stufa.

Potrebbe interessarti anche:


Donne nell’editoria enogastronomica: rivoluzione femminile solo nel 900

Le donne nell'editoria enogastronomica? Le donne amano la bellezza e dunque la cucina. Lo sostiene Anthelme Brillat-Savarin ne "La filosofia del gusto". Come dargli torto? Nonostante l'importante riconoscimento le...Donne nell’editoria enogastronomica: rivoluzione femminile solo nel 900 ultima modifica: 2017-05-07T22:58:09+00:00 da Monica Viani

Le donne nell'editoria enogastronomica? Le donne amano la bellezza e dunque la cucina. Lo sostiene Anthelme Brillat-Savarin ne "La filosofia del gusto". Come dargli torto? Nonostante l'importante riconoscimento le donne non sono entrate nel mondo dell'enogastronomia con facilità. Solo...Donne nell’editoria enogastronomica: rivoluzione femminile solo nel 900 ultima modifica: 2017-05-07T22:58:09+00:00 da Monica Viani

Le donne nell'editoria enogastronomica? Le donne amano la bellezza e dunque la cucina. Lo sostiene Anthelme Brillat-Savarin ne "La filosofia del gusto". Come dargli torto? Nonostante l'importante riconoscimento le donne non sono entrate nel mondo dell'enogastronomia con facilità. Solo nel 1771 troviamo un testo al femminile, "La cuciniera piemontese", ma il titolo trae in inganno. L'opera è firmata da...Donne nell’editoria enogastronomica: rivoluzione femminile solo nel 900 ultima modifica: 2017-05-07T22:58:09+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Donne ed enogastronomia: c’è ancora bisogno di legittimazione?

Donne ed enogastronomia: il genere femminile ha ancora bisogno di legittimazione? Una donna è considerata un'eccezione se emerge per le sue capacità culinarie? Una chef o una imprenditrice del food viene ancora guardata con meraviglia per il...Donne ed enogastronomia: c’è ancora bisogno di legittimazione? ultima modifica: 2017-03-05T22:31:05+00:00 da Monica Viani

Donne ed enogastronomia: il genere femminile ha ancora bisogno di legittimazione? Una donna è considerata un'eccezione se emerge per le sue capacità culinarie? Una chef o una imprenditrice del food viene ancora guardata con meraviglia per il fatto di ricoprire un ruolo da molti considerato maschile? Domande attuali?...Donne ed enogastronomia: c’è ancora bisogno di legittimazione? ultima modifica: 2017-03-05T22:31:05+00:00 da Monica Viani

Donne ed enogastronomia: il genere femminile ha ancora bisogno di legittimazione? Una donna è considerata un'eccezione se emerge per le sue capacità culinarie? Una chef o una imprenditrice del food viene ancora guardata con meraviglia per il fatto di ricoprire un ruolo da molti considerato maschile? Domande attuali? Pare strano, ma sembra di sì. Eppure da tempo le donne hanno cominciato a scalare quelle classifiche che decretano i migliori chef e...Donne ed enogastronomia: c’è ancora bisogno di legittimazione? ultima modifica: 2017-03-05T22:31:05+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


L’anoressia avanza: ce lo dicono i gruppi su WhatsApp

L'anoressia avanza. Eppure se ne parla sempre meno. Non ne siete convinti? Cercate su WhatsApp o su Google pro-ana, ovvero l'acronimo usato in chat per propagandarla. Rimarrete sorpresi! L'anoressia avanza: come fermarla? Sono...L’anoressia avanza: ce lo dicono i gruppi su WhatsApp ultima modifica: 2017-07-31T00:02:27+00:00 da Monica Viani

L'anoressia avanza. Eppure se ne parla sempre meno. Non ne siete convinti? Cercate su WhatsApp o su Google pro-ana, ovvero l'acronimo usato in chat per propagandarla. Rimarrete sorpresi! L'anoressia avanza: come fermarla? Sono 3 milioni gli italiani che soffrono di disturbi del comportamento...L’anoressia avanza: ce lo dicono i gruppi su WhatsApp ultima modifica: 2017-07-31T00:02:27+00:00 da Monica Viani

L'anoressia avanza. Eppure se ne parla sempre meno. Non ne siete convinti? Cercate su WhatsApp o su Google pro-ana, ovvero l'acronimo usato in chat per propagandarla. Rimarrete sorpresi! L'anoressia avanza: come fermarla? Sono 3 milioni gli italiani che soffrono di disturbi del comportamento alimentare. Si registrano ogni anno 850 nuovi casi, in prevalenza tra donne di età compresa tra 13 e 35 anni....L’anoressia avanza: ce lo dicono i gruppi su WhatsApp ultima modifica: 2017-07-31T00:02:27+00:00 da Monica Viani

 

Maria Stelvio: che fai se sei donna, ami la cucina e c’è la guerra? ultima modifica: 2018-01-08T12:32:37+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *