Fame di conoscenza VS fame di violenza

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Più che dibattiti dolorosi, cerco esempi espressivi – di personaggi, opere e parole.
E per concisione, e per risvegliare una fame positiva, ne ho scelti tre.

Una donna offesa che ha trasformato la vendetta in arte.
Un’opera (immateriale) che la racconta.
Alcune parole che a scuola non ti spiegano.

Perché continuo a pensare che la fame di conoscenza abbia più potere della fame di violenza. E che alimentare l’una sia più potente che saziarsi dell’altra.
Non per caso, ogni esempio scelto è una fame.

Fame di pittura

fame di conoscenza vs fame di violenza
Avrei potuto scrivere “Fame di vendetta”? No.
Artemisia Gentileschi, pittrice (Roma, 8 luglio 1593 – Napoli, gennaio 1654) figlia di pittore e portatrice sulla propria pelle dell’onta di uno stupro – subito a 17 anni da un collega che frequentava la casa – e dell’orrore del processo che ne seguì. E nonostante ciò, capace di imporsi con la forza della sua pittura, che l’ha eternata in una rivalsa incoercibile.

Vengono i brividi a leggere il suo racconto dell’accaduto:

“Serrò la camera a chiave e dopo serrata mi buttò su la sponda del letto dandomi con una mano sul petto, mi mise un ginocchio tra le cosce ch’io non potessi serrarle et alzatomi li panni, che ci fece grandissima fatiga per alzarmeli, mi mise una mano con un fazzoletto alla gola et alla bocca acciò non gridassi e le mani quali prima mi teneva con l’altra mano me le lasciò, havendo esso prima messo tutti doi li ginocchi tra le mie gambe et appuntendomi il membro alla natura cominciò a spingere e lo mise dentro.
E li sgraffignai il viso e li strappai li capelli et avanti che lo mettesse dentro anco gli detti una stretta al membro che gli ne levai anco un pezzo di carne.”

Ma si trasformano in altri brividi contemplando le sue opere.

Fame di musica

fame di conoscenza vs fame di violenza
Et manchi Pietà – questo il triste refrain di un’aria di Claudio Monteverdi e anche il titolo di una performance, poi divenuta film e incisione in studio, dedicata ad Artemisia, a cura delle produzioni teatrali Anagoor e i musicisti dell’Ensemble Accademia d’Arcadia diretti da Alessandra Rossi Lürig.

È un racconto per immagini in tredici stazioni commentate da musica del tempo di Artemisia. Corrusco, tempestoso, esuberante, geometrico, limpidissimo. Eccone qui sopra il trailer.

Fame di parole

fame di conoscenza vs fame di violenza
Abbiamo e stimoliamo sempre fame di parole. Sono loro che trovano la strada per arrivare da ogni parte. Allora perché edulcoriamo tutto? Perché anestetizziamo la lingua e attutiamo la forza di una voce, anche quando viene da secoli lontani?

I ragazzi che studiano latino, si annoiano di quelle traduzioni pudibonde, inverosimilmente eufemistiche. Eppure, di storie a tinte forti è piena la nostra civiltà. A partire dal ratto delle Sabine. Dove “ratto” è la traduzione di “raptus”, dal verbo “rapĕre”. Straordinariamente vicino a “rape”, il termine che in inglese significa “stupro”.

Quando, dando ripetizioni, ho spiegato che “rapĕre”, “violare” o “expugnare virginis decus”, cioè “prendere” o “forzare, violare” o “espugnare l’onore di una vergine” volevano dire “violentare”, hanno colto la brutalità dei fatti attraverso la scabrosità della lingua. E hanno partecipato emotivamente. E hanno capito, come se fosse accaduto oggi. E hanno ricordato.

Facciamole vivere, le parole, anche quelle che raccontano l’indicibile.
Non lasciamo che l’indicibile rimanga il non detto.
Facciamo parlare la #famedivero.

[Immagini: Anagoor/Accademia d’Arcadia; fandom]

Potrebbe interessarti anche:


Medea: da Pasolini a Lars Von Trier. Clamore e silenzio di una vendetta al femminile

Frames in ordine sparso una volta ogni quindici giorni, in esclusiva per Famelici, degustati per voi da Luca Cardone. Luca Cardone: "Se Feuerbach avesse ragione e fossimo ciò che mangiamo, io sarei cinema, filosofia, poesia e altri pochi piatti, tutti possibilmente a base di carne e pesce. Poco Gourmet nel pratico ma tanto nello spirito. Il mio tentativo...Medea: da Pasolini a Lars Von Trier. Clamore e silenzio di una vendetta al femminile ultima modifica: 2017-11-21T22:57:38+00:00 da FamFriend Luca Cardone


Potrebbe interessarti anche:


Antonia Pozzi: fame di vita, fame di ascolto

Un giorno Padre David Maria Turoldo si augurava che in futuro ogni Abbazia potesse avere il proprio Poeta e noi siamo fortunate doppiamente, non solo perché conosciamo più di un poeta ma anche perché frequentiamo qualche Monaco sensibile al linguaggio poetico. In questa giornata, dedicata a portare l’attenzione dell’opinione pubblica sulle violenze di genere che continuano a perpetrarsi nel...Antonia Pozzi: fame di vita, fame di ascolto ultima modifica: 2017-11-21T17:31:17+00:00 da Redazione Famelici


Potrebbe interessarti anche:


Cibo e cultura: un atlante famelico

Con Monica davanti all’ “Atlas on Human Condition”, di Margherita Moscardini, opera custodita e narrata dal vivo presso Rossini Art Site in Brianza. Un post a due voci tra cibo e cultura: 100 tavole per un atlante Un atlante, una raccolta di eventi che coinvolgono moltitudini che si aggregano in quei vuoti urbani immaginati dai progettisti per essere percorsi e riempiti da...Cibo e cultura: un atlante famelico ultima modifica: 2017-11-05T00:01:29+00:00 da Daniela Ferrando FamFriend


Potrebbe interessarti anche:


Roland Barthes: parlare di cultura, ovvero di cibo

Parlando di cibo si può discutere di mitologia, di contemporaneità, di impero giapponese, di pittura, di scrittura. ..e di tanto altro! Sì, avete letto bene: il cibo è cultura. Roland Barthes ne è convinto: il cibo è un sistema semiologico quasi perfetto. É una forma di linguaggio e di sistema valoriale che ci indica i codici di comportamento. Mangiare è parlare, discutere,...Roland Barthes: parlare di cultura, ovvero di cibo ultima modifica: 2017-02-09T13:18:26+00:00 da Monica Viani

Fame di conoscenza VS fame di violenza ultima modifica: 2017-11-22T20:03:56+00:00 da Daniela Ferrando FamFriend

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *