Ricette autunnali: crostone di pane alle noci con crescenza, mascarpone

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Famelici vi propone una ricetta autunnale, una rivisitazione del crostone toscano: il crostone di pane alle noci con crescenza, mascarpone e pasta di salame.

Crostone di pane alle noci con crescenza, mascarpone, fichi e pasta di salame

Ingredienti

1 kg Farina w 350

100 g  Olio di oliva

250 g  Acqua

50 g  Lievito di birra

40 g  Sale

12 g Zucchero

6 g Malto

100 g  Noci

q.b. Uvetta

150 g Pasta di salame

150 g Crescenza

30 g Mascarpone

q.b. Semi di finocchio

q.b. Sale

q.b. Pepe

Procedimento

Mettete tutti gli ingredienti nella planetaria (o in una impastatrice) tranne le noci e l’uvetta. Lavorate il tutto fino a che l’impasto non si stacca dalla macchina. A questo punto aggiungete le noci e l’uvetta, togliete dalla macchina, dividete l’impasto in panetti da inserire negli stampi a forma di plum-cake imburrato. Cuocete a 200°C per 20 minuti circa.

Mischiate la crescenza con la pasta di salame, il mascarpone e gli aromi. Fate una quenelle e posizionatela sul pane. Infornate a 180°C per 10 minuti circa.

Conosci il mascarpone?

Il mascarpone è un formaggio, conosciuto in tutta Italia per il suo utilizzo nella preparazione del tiramisù e della crema natalizia per eccellenza preparata con mascarpone, zucchero e un pizzico di liquore. La parola mascarpone deriva dal dialetto lodigiano “mascherpa” che significa crema di latte. Un tempo veniva prodotto solo nella stagione invernale, oggi solamente i produttori artigianali che non utilizzano conservanti rispettano questa tradizione. Si presenta come una crema morbida di colore che va dal bianco al giallo chiaro, è molto calorico e tende ad irrancidire rapidamente infatti va consumato freschissimo. Viene prodotto a partire da crema di latte o panna fatta coagulare non con il caglio ma con acido citrico (limone) o acido acetico.

Come avviene la produzione?

Il latte è centrifugato e la panna che affiora viene riscaldata a 90°C. Viene aggiunto acido citrico e dopo pochi minuti si forma la cagliata che viene trasferita in tele di lino per farne sgrondare il siero. In un ambiente fresco e ben areato si attende che la massa raggiunga una consistenza ben compatta e densa. Successivamente è raccolta in fagotti o forme di legno e posta in cella per 18 ore. È molto calorico (circa 400 kcal ogni 100 gr) e adatto ai vegetariani in quanto non viene utilizzato caglio per la sua coagulazione.

Potrebbe interessarti anche:


Ricette autunnali: biscotti da té

I colori, le temperature dell'autunno invitano a sorseggiare il tè. Perché non accompagnarlo con dei biscotti fatti in casa? Si possono scegliere diversi ingredienti: i cereali, le nocciole, le mandorle, il cacao o il...Ricette autunnali: biscotti da té ultima modifica: 2017-11-20T00:01:20+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Ricette autunnali: polpo abbrustolito con patate americane e gel di arancia

Ci stiamo avvicinando all'inverno e allora Famelici vi propone una ricetta con un frutto tipico dell'inverno: l'arancia. Ricche di vitamina C, bionde o rosse, favoriscono la digestione. Sono utilizzate spesso in cucina per arricchire...Ricette autunnali: polpo abbrustolito con patate americane e gel di arancia ultima modifica: 2017-11-17T15:41:19+00:00 da Monica Viani

 

Ricette autunnali: crostone di pane alle noci con crescenza, mascarpone ultima modifica: 2018-10-02T22:08:07+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *