Per Famelici la Sicilia è il pesto siciliano. Il profumo nel piatto!

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Quando si parla di Sicilia tra le tante ricette che rendono gourmet quest’isola c’è il pesto siciliano. A differenza del pesto alla genovese, la ricetta non è codificata. Esistono diverse varianti. La maggior parte delle ricette prevede come ingredienti: pomodori, ricotta, pinoli e basilico.

A seconda della zona della Sicilia abbiamo l’utilizzo di un ingrediente particolare: il pesto alla trapanese viene preparato con le mandorle pelate, mentre a Bronte si usano i pistacchi. Vi segnaliamo gli ingredienti utilizzabili per fare il vostro pesto siciliano e vi raccontiamo la ricetta del pesto alla trapanese.

Ingredienti per il pesto siciliano

Basilico

Naturalmente andrebbe usato appena colto. Meglio scegliere le foglie piccole senza lavarle sotto l’acqua corrente. Pulite le foglie con uno strofinaccio inumidito.

Pomodori essicati

Ci vogliono pomodori lasciati essiccare al sole e conservati nell’olio. Devono sviluppare un sapore acidulo e leggermente piccante. Ne servirà almeno un barattolo! Qualora non li abbiate preparati in casa, se ne trovano in commercio di ottima qualità. Se i pomodori secchi non sono sottolio, dovete reidratarli tenendoli per 15 minuti a bagno in acqua calda.

Ricotta

Il formaggio protagonista del pesto alla siciliana è la ricotta di pecora, anche se non manca chi aggiunge il pecorino. Si può usare la ricotta salata. Il formaggio va mescolato con il basilico, l’olio extra vergine di oliva, le mandorle e, se lo usate, l’aglio.  Se volete rispettare la tradizione dovreste usare il mortaio!

Aglio sì o no?

La ricetta originale prevede l’utilizzo dell’aglio. Il pesto alla trapanese era chiamato “salsa all’aglio” ed era in origine usato per condire e conservare il pesce. Solo successivamente sarebbero state introdotte le mandorle.

Mandorle

Al posto dei pinoli, nel pesto alla trapanese, si usano le mandorle. Il pesto trapanese nasce al porto. A Trapani attraccavano le navi genovesi provenienti dall’Oriente. I marinai genovesi fecero conoscere il pesto ai siciliani e i trapanesi modificarono la ricetta del pesto aggiungendo gli ingredienti tipici del loro territorio. Tra questi le mandorle.

Il procedimento per fare il pesto alla trapanese

Per preparare il pesto alla trapanese occorre pelare le mandorle, facendole sbollentare per qualche minuto in acqua bollente. Scolatele e fatele asciugare. Raffreddate, pelatele.

Preparate i pomodori, scegliendo i ramati. Mettete sul fuoco una pentola piena d’acqua. Lavate i pomodori sotto l’acqua corrente. Quando l’acqua inizia a sobbollire scottate i pomodori per 2 -3 minuti.

Scolate i pomodori con un mestolo forato e lasciateli raffreddare. Spellateli e metteteli nel mixer. Se avete pazienza, seguite la tradizione che prescrive il mortaio di marmo e pestello di legno.

Aggiungete del basilico, le mandorle pelate, l’aglio e frullate per 2 minuti.

Unite la ricotta o il pecorino. Amalgamate e aggiungete sale, pepe e un filo di olio di extravergine d’oliva. Mescolate.

Come si conserva

Come spesso accade, il pesto alla trapanese dà il meglio di se stesso fresco. Lo si può conservare in frigorifero per un paio di giorni, aggiungendo dell’olio extra vergine di oliva e coprendolo. Si può anche congelare in piccoli vasetti, stemprandolo con l’acqua calda di cottura della pasta.

E se siete pigri?

Sul mercato si trova qualche sugo pronto. Ottimo, perché ho avuto la fortuna di assaggiarlo, il pesto alla siciliana proposto dall’azienda ragusana Agromonte. Prodotto con pomodori ciliegini essiccati, aglio, olio di semi di girasole, peperoncino rosso e basilico.

Potrebbe interessarti anche:


Il Moro a Monza trasforma la cucina della tradizione siciliana in proposta gourmet

Sono solo un ricordo gli anni in cui Monza era considerata una città dove era impossibile cercare interessanti rivisitazioni in chiave gourmet della cucina regionale italiana. Oggi Monza, a pochi chilometri da Milano, non è più vissuta come una triste appendice del capoluogo lombardo. Dopo Expo, Milano è diventata il vero cuore pulsante del Belpaese e soprattutto è diventata...Il Moro a Monza trasforma la cucina della tradizione siciliana in proposta gourmet ultima modifica: 2018-12-26T10:23:08+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


La leggenda della cassata siciliana, ovvero cibo è cultura

Conoscete la leggenda della cassata siciliana? Partiamo dal nome. Nel vocabolario latino siciliano di Angelo Senisio al vocabolo cassata corrisponde la dicitura “cibus ex pasta panis et caseus compositus”, cioè cibo composto da pasta di pane e formaggio. La leggenda della cassata siciliana: origini, la ricetta (le varianti) Molti fanno risalire le origini della cassata siciliana agli arabi in base a una...La leggenda della cassata siciliana, ovvero cibo è cultura ultima modifica: 2018-08-12T14:27:24+00:00 da Monica Viani

 

Per Famelici la Sicilia è il pesto siciliano. Il profumo nel piatto! ultima modifica: 2019-11-08T14:57:04+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *