Boatta, il ristorante siciliano che non ti aspetti a Milano

Share on FacebookTweet about this on Twitter

La cucina è cultura. Esprime valori, tradizioni, territori, arte. Ogni interpretazione artistica ha i suoi interpreti. Gli chef, come i pittori o i musicisti, nelle loro creazioni mettono se stessi, le loro aspirazioni, le loro emozioni, le loro stravaganze. Un ristorante è il suo chef e i suoi piatti, ma è anche quello spazio che è la realizzazione di un progetto nato da un’idea che piano piano ha preso forma. Ecco come mi piace presentarvi il ristorante Boatta.

Boatta il ristorante siciliano che strizza l'occhio alla cucina lombardaSiamo nel quartiere Isola di Milano, in piazzale Segrino, all’angolo con via Borsieri, ma sembra di essere in un giardino di una casa di campagna del sud Italia. Già la prima impressione mi dà l’idea di che cosa vuole essere questo ristorante: un ambiente che concilia il desiderio di voler mangiare fuori sentendosi a casa. Insomma sentirsi #fuoricasacomeacasa.

Il ristorante Boatta: galeotto fu l’incontro tra cultura enogastronomica siciliana e il gusto milanese

L’originalità di Boatta? Sta nel sedersi in un ristorante che propone la tradizione siciliana rivisitata in nome dell’incontro con il gusto milanese. Se vogliamo dirla tutta….c’è qualcosa anche di campano. Non posso tacervi che in cucina c’è lo chef napoletano Angelo Mancuso. Insomma: viva l’Italia!

Già il nome del ristorante incuriosisce. Vi sfido: chi sa che cosa è la boatta o büatta, termine borbonico, dal francese boîte? Vi evito la ricerca su Google: è un contenitore in vetro utilizzato per conservare gli alimenti evitando così gli sprechi. Il giovane palermitano Davide Ruggieri ha costruito il  locale proprio intorno all’idea della boatta, esempio di una tradizione che torna attuale scoprendo nuovi utilizzi.
Boatta il ristorante siciliano di Milano che recupera il nome dei tradizionali vasi per conservare il cibo

In cucina lo chef Angelo Mancuso, amante della cucina siciliana, propone la Panella con chip al sesamo, zenzero e salsa di prezzemolo; il Boatta Fish, un’ombrina in guazzetto di frutti di mare con capperi e olive; le Arancine al ragù di manzo o alla mozzarella e prosciutto; le linguine con le telline, vino di mandorle e bottarga di tonno rosso di Sicilia; le Busiate al ragù di polpo, patate e paprika; il Siamo fritti, un fritto misto assai leggero. E che dire dei dolci? Dal cannolo alla cassata fino alla Cheesecake rivisita.

Il piatto #foodcultural: mozzarella in carrozza e acciughe

Quando arrivano in tavola questi fagottini ancora bollenti in cui mozzarella filante si adagia sulla dorata carrozza dei doratissimi dischetti di morbido pane che insieme a quello dell’uovo ne esalta il sapore, un brivido di golosità passa sui volti di tutti i commensali.”
(Miseria e Nobiltà nella storia della cucina napoletana, 1999)

La mozzarella in carrozza è un piatto nato nei primi anni dell’800 nel Regno delle Due Sicilie. Una proposta povera fatta per “riciclare” il pane raffermo e la mozzarella vecchia. Il nome? Un modo per ricordare la vecchia carrozza che presto sarebbe stata sostituita dalla ferrovia. Nel 1839 erano, infatti, stati  inaugurati i primi 7 km di ferrovia. Nelle fette di pane dorate che racchiudevano la mozzarella filante sembrava di vedere l’antico cocchio.

Il ristorante Boatta e i piccoli tesori dell’enogastronomia siciliana

Boatta Milano è anche un piccolo food shop dove scoprire chicche come i legumi di Feudi di Pietra Nera, i capperi di Pantelleria, l’olio EVO nocellara del Belice di Geraci o quello dell’abbazia di San Valentino.

Boatta Milano

Piazzale Segrino, 1

Milano

Tel. +39 02 6688560

Potrebbe interessarti anche:


Il ristorante Tenuta della Guardia: quando il paesaggio si fonde con cibo e cultura

Immagina di poter uscire per un giorno dalla quotidianità. Dove vorresti essere? Io a contatto con la natura, in un luogo dove regna la pace. Un posto che mi ricordi i quadri meno conosciuti di Klimt o il Vigneto rosso di Van Gogh. Immerso tra i vigneti, a Gavi, il Ristorante Tenuta Della Guardia, ti regala un paesaggio strepitoso e...Il ristorante Tenuta della Guardia: quando il paesaggio si fonde con cibo e cultura ultima modifica: 2018-10-23T09:27:33+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Federica Rossini: “Al ristorante Cacciatori la cucina è sempre passata di donna in donna”

Federica Rossini non ha scelto di diventare cuoca, lo è diventata dopo aver sposato Massimo Milano, erede di una delle storiche famiglie della cucina piemontese. Dall'800, infatti, il ristorante Cacciatori, a Cartosio, in provincia di Alessandria, tra il Piemonte e la Liguria, è un piccolo tempio gastronomico. L'albergo Ristorante Cacciatori da 200 anni interpreta la cucina del Basso Piemonte. Il...Federica Rossini: “Al ristorante Cacciatori la cucina è sempre passata di donna in donna” ultima modifica: 2018-09-20T14:21:33+00:00 da Monica Viani

Boatta, il ristorante siciliano che non ti aspetti a Milano ultima modifica: 2018-11-19T16:54:48+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *