Non siamo né sante, né puttane…solo donne in cerca di identità

Share on FacebookTweet about this on Twitter

#Quellavoltache o #metoo sono hastag che ormai tutti conoscono. Qui si raccontano quelle storie di ordinaria molestia maschile che tante volte provocano solo un’alzata di spalle. Tutto è iniziato con la denuncia dell’attrice Asia Argento nei confronti di Harvey Weinstein, uno dei più noti e potenti produttori di Hollywood. Il femminismo ha lottato per anni per dare voce al corpo delle donne. Chi scrive non appartiene a quella generazione e non si riconosce nel termine femminista, ma è consapevole di avere goduto di privilegi conquistati su un duro campo di battaglia contro pregiudizi e culture che affondavano le radici in un lontano passato. Grazie alla Tv, ai modelli che ha imposto, non esistono i corpi, ma il corpo ideale. Il revisionismo culturale, ultimo baluardo verso un nuovo che avanza e che a molti non piace, ci ripropone il modello lanciato da “Drive in”, un programma di grande successo, che ha anticipato la nascita di diversi format televisivi , ma che ha invaso anche la vita politica. Chi non ricorda il bunga bunga o gli apprezzamenti dozzinali dell’ex premier Silvio Berlusconi? Il corpo della donna è tornato a essere quell’oscuro oggetto del desiderio, non certo un modello di femminilità libera, pensante e creativa. Chi non corrisponde ai canoni di bellezza imperanti è inaffidabile, è priva di valore, incapace di controllare la realtà che la circonda. Si passa da un giudizio estetico a uno valoriale. E così per molte donne il corpo diventa sinonimo di frustrazione, di sudditanza. E allora è il momento di tornare a riflettere su che cosa significa oggi essere una donna che rivendica la possibilità di costruirsi una sua personalità. Un punto su cui ragionare? Il rapporto con il nostro corpo e con il cibo. Famelici è un blog con una forte identità femminile, che ragiona sui legami cibo e cultura…partiamo da qui. Un punto di vista originale in un dibattito lungo e – ahimè- doloroso.

PS Il post è l’opinione di Monica Viani

Potrebbe interessarti anche:


Leggere Virginia Woolf attraverso il cibo: ritratto di una donna che fa ancora paura

Leggere Virginia Woolf attraverso il suo rapporto con il cibo: un tentativo di comprendere la personalità di una scrittrice governata da impulsi spesso opposti. Un'ulteriore dimostrazione che cibo e cultura possono essere chiavi di lettura per cercare di dare risposte a domande complesse. Ma chi è Virginia? Una donna nevrotica, taciturna, depressa, scorbutica, frigida, con un naso pronunciato e...Leggere Virginia Woolf attraverso il cibo: ritratto di una donna che fa ancora paura ultima modifica: 2017-09-04T00:04:15+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Leggere Amélie Nothomb attraverso il cibo: “Biografia della fame” oltre al mangiare la ricerca della propria identità

Si può raccontare la propria vita attraverso il desiderio, la fame di cibo e cultura? Sì, soprattutto quando questa diventa metafora di altri desideri: amore, bellezza, avventure. Il romanzo autobiografico "Biografia della fame" della scrittrice belga Amélie Nothomb è una testimonianza di come sconfiggere l'anoressia cibandosi di parole, trasformando il corpo in carta. Il libro pubblicato nel 2004 è un romanzo senza tempo che vale la pena...Leggere Amélie Nothomb attraverso il cibo: “Biografia della fame” oltre al mangiare la ricerca della propria identità ultima modifica: 2017-10-22T23:24:12+00:00 da Monica Viani

 

Non siamo né sante, né puttane…solo donne in cerca di identità ultima modifica: 2018-11-25T15:19:37+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *