Contro le molestie: chiedi un Angel Shot

Share on FacebookTweet about this on Twitter

A chi non è capitato di vivere situazioni spiacevoli nei locali? Qualcuno ti avvicina e l’iniziale cortesia si trasforma in fastidio, se non in molestia. In USA molti bar e ristoranti hanno adottato una tecnica per prevenire abusi. Basta chiedere un Angel Shot. In realtà si riprende una campagna adottata nel Lincolnshire (UK): “Chiedi di Angela”. Per prevenire aggressioni a sfondo sessuale si rivolgeva questa frase al barista. Un modo discreto per chiedere aiuto. Il barman provvedeva a chiamare un taxi o a farti uscire in modo sicuro dal locale. In USA il sistema è stato solo stato perfezionato.

Che cosa è l’Angel Shot?

L’Angel Shot non è un cocktail, ma un linguaggio in codice per chiedere aiuto al personale del bar. É un modo per dire al barman o al cameriere che qualcuno ti sta importunando.

Non mancano locali che hanno codificato la richiesta d’aiuto in base al grado di pericolosità della molestia temuta o subita:

  • Liscio: l’ospite verrà scortata fino alla sua macchina da un buttafuori.
  • Con ghiaccio: la persona che sta dando fastidio verrà accompagnata fuori dal locale.
  • Con lime: il barista o il cameriere chiameranno la polizia.

E in Italia?

Potrebbe interessarti anche:


25 novembre giornata mondiale contro la violenza sulle donne, oltre l’indignazione cosa desideriamo?

25 novembre giornata mondiale contro la violenza sulle donne: molestie, violenze, registi, attori, politici...la solita confusione, oltre all'insopportabile moralismo virtuale, che di certo non aiuta ad affrontare con serietà un problema che va al di là del genere: il potere e la sua conquista. Riflettere, discutere, cercare di capire costa fatica. Meglio le generalizzazioni, gli schieramenti precostituiti che portano...25 novembre giornata mondiale contro la violenza sulle donne, oltre l’indignazione cosa desideriamo? ultima modifica: 2017-11-19T20:06:00+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Fame di conoscenza VS fame di violenza

Più che dibattiti dolorosi, cerco esempi espressivi - di personaggi, opere e parole. E per concisione, e per risvegliare una fame positiva, ne ho scelti tre. Una donna offesa che ha trasformato la vendetta in arte. Un’opera (immateriale) che la racconta. Alcune parole che a scuola non ti spiegano. Perché continuo a pensare che la fame di conoscenza abbia più potere della fame di...Fame di conoscenza VS fame di violenza ultima modifica: 2017-11-22T20:03:56+00:00 da Daniela Ferrando FamFriend

Contro le molestie: chiedi un Angel Shot ultima modifica: 2018-11-24T12:45:12+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *