Brolo dei Giusti: quando vino e cultura si incontrano

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Quando vino e cultura si incontrano, avviene il miracolo: l’esaltazione e la difesa della tipicità di un territorio. Nel cuore della Valpolicella e della Val Squaranto la Cantina Valpantena Verona ci è riuscita.

Brolo dei Giusti: vigneti in Valpolicella

 

“Vendiamo il nostro territorio, la nostra è una responsabilità sociale importante– spiega Luigi Turco, Presidente della Cantina Valpantena–tra gli obiettivi c’è la massimizzazione delle rendite ai soci, ma ci piace sostenere qualsiasi tipo di iniziativa che si sviluppa nel territorio, di carattere sociale, sportiva e culturale”. La salvaguardia del territorio è importante. Come ricorda l’agronomo Stefano Casali: “conduciamo da anni un’attenta politica di sensibilizzazione rivolta ai viticoltori al fine di rispettare l’ecosistema della Valle. Su gran parte della Valpantena utilizziamo il metodo della confusione sessuale per il controllo della tignoletta della vite per ridurre drasticamente l’impiego di insetticidi di sintesi chimica”.

Brolo dei Giusti è la nuova linea rivolta alla ristorazione di Cantina Valpantena Verona. Secondo noi, la storia di un successo annunciato, quello di un’azienda cooperativa che conta 250 aziende agricole associate e copre un’estensione di 780 ettari di vigneto. La produzione annua supera le 9.500.000 bottiglie per un fatturato che nel 2017 è stato di 50 milioni di euro, generato per oltre il 60% dall’export.

Brolo dei Giusti
La nuova linea comprende due etichette: una di Amarone della Valpolicella DOCG e una di Valpolicella Superiore DOC. Nascono in un appezzamento di 13 ettari, e in due più piccoli, di 3 e 2,5 ettari, tutti in Valpantena. Qui sono coltivate le varietà tipiche della Valpolicella: Corvina, Corvinone, Rondinella e Molinara, allevati con impianti in parte a pergola ed in parte a guyot. Il vigneto principale presenta le caratteristiche di un vero e proprio “brolo”, termine coniato dalla cultura contadina, che indica un campo protetto da siepi, alberi di ulivo e marogne, i tradizionali muretti a secco della Valpolicella.

La gestione diretta dei vigneti – spiega Luca Degani, direttore di Cantina Valpantena – ci ha permesso di sperimentare tecniche colturali avanzate come la confusione sessuale e eliminare il diserbo chimico a favore di lavorazioni meccaniche del sottofila. La creazione di una società agricola, controllata al 100% da Cantina Valpantena, è stata una conseguenza naturale”.

Come nasce il nome della linea di vini Brolo dei Giusti

Il “Giusto” evocato dal nome rappresenta un omaggio alla figura dell’agricoltore che, alla fine di una giornata di lavoro, si siede sulla marogna a contemplare il suo operato, immerso nella geometria delle vigne e nella bellezza della natura fuori e dentro il Brolo.
Il logo che abbiamo scelto – conclude Turcosimboleggia in modo efficace la filosofia che ci guida nella conduzione di questi vigneti, dove il rispetto per la natura e l’amore per le cose ben fatte sono gli stessi con cui la nostra gente ha sempre svolto il proprio lavoro”.

Cibo, cultura e…vino

All’anteprima milanese abbiamo degustato i due nuovi vini accompagnati dalle creazioni delle chef Giancarlo Perbellini, chef di Casa Perbellini di Verona, due stelle Michelin. Curiosi? Ecco un piatto salato e uno dolce…tanto per ingolosirvi!
Porca l’oca: un piatto storico di Giancarlo Perbellini, un assaggio sul tema maiale-oca.

Brolo dei Giusti: vino e cibo. Perbellini e il suo piatto "Porca l'Oca"

Millefoglie: una ricetta storica inventata dal nonno pasticciere a base di albumi montati al posto del latte. Una piacevole contrapposizione di consistenze.

Brolo dei Giusti

Potrebbe interessarti anche:


Il vino nato dagli studi del “filosofo agrario” Zierock: Castello degli Angeli

Cibo e cultura sono ben rappresentati dai vini proposti da Castello degli Angeli, azienda vinicola della provincia bergamasca. Un'azienda  nata per la grande passione del suo proprietario, Mauro Taiariol,  che nel 1996, decise di sperimentare  ciò che sostiene il genio di un enologo tanto ardito quanto unico: Rainer Zierock, il "filosofo agrario". Io ho incontrato l'enologa Vanessa Verdoni, che tra un...Il vino nato dagli studi del “filosofo agrario” Zierock: Castello degli Angeli ultima modifica: 2017-09-18T11:09:20+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Le nuove frontiere dell’enoturismo: cultura, storytelling e territorio

Enoturismo, ovvero cibo e cultura. Ma non solo: territorio, identità e storytelling. L'occasione per parlarne? Il Simposio Europeo sull'Enoturismo svoltosi a Torgiano, in provincia di Perugia, venerdì 23 giugno. Tutti d'accordo...Le nuove frontiere dell’enoturismo: cultura, storytelling e territorio ultima modifica: 2017-06-29T07:55:55+00:00 da Monica Viani

Enoturismo, ovvero cibo e cultura. Ma non solo: territorio, identità e storytelling. L'occasione per parlarne? Il Simposio Europeo sull'Enoturismo svoltosi a Torgiano, in provincia di Perugia, venerdì 23 giugno. Tutti d'accordo nel sottolineare la necessità di arrivare in tempi stretti all'approvazione...Le nuove frontiere dell’enoturismo: cultura, storytelling e territorio ultima modifica: 2017-06-29T07:55:55+00:00 da Monica Viani

Enoturismo, ovvero cibo e cultura. Ma non solo: territorio, identità e storytelling. L'occasione per parlarne? Il Simposio Europeo sull'Enoturismo svoltosi a Torgiano, in provincia di Perugia, venerdì 23 giugno. Tutti d'accordo nel sottolineare la necessità di arrivare in tempi stretti all'approvazione di una legge sull'enoturismo. Occorre colmare un vuoto legislativo per disciplinare una forma di turismo che ha una sua identità...Le nuove frontiere dell’enoturismo: cultura, storytelling e territorio ultima modifica: 2017-06-29T07:55:55+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Cosa vedere nel triangolo di terre dell’Isola bergamasca: tra cibo e cultura

L' isola bergamasca è il territorio della polenta, dei parchi, di numerose proposte enogastronomiche. Le chiese, le aree verdi, il traghetto leonardesco di Villa d'Adda e la natura che ha conservato la caratteristica flora e fauna. L'isola bergamasca è un triangolo di terre racchiuso tra i fiumi Affa, Brembo e le pendici del monte Canto. I paesi conservano ancora...Cosa vedere nel triangolo di terre dell’Isola bergamasca: tra cibo e cultura ultima modifica: 2017-12-29T16:40:29+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Maria Montessori: incontro tra cibo e cultura

Cibo e cultura, un legame da far crescere fin da piccoli. Chi lo dice? L’educatrice e filosofa italiana Maria Montessori, da cui prese il nome un discusso metodo didattico, in cui il cibo è gioco, ma anche insegnamento. Maria Montessori: cibo e cultura Fondamenti per capire la pedagogista italiana più discussa: il bambino non va trattato come un piccolo adulto; va...Maria Montessori: incontro tra cibo e cultura ultima modifica: 2018-03-06T21:01:22+00:00 da Monica Viani

Brolo dei Giusti: quando vino e cultura si incontrano ultima modifica: 2018-04-01T15:20:50+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *