La Slovenia, il paese da visitare se ami cibo e cultura

Share on FacebookTweet about this on Twitter

La Slovenia è stata dichiarata come area europea per la gastronomia 2021 in nome di cibo e cultura senza dimenticare la sostenibilità.

Et voilà la Slovenia è la European Region of Gastronomy per il 2021. Noi ve ne abbiamo già parlato e vi invitiamo a non perdere l’occasione per segnarvela in agenda tra i primi viaggi da fare appena potremo. Una terra green, dove si può godere di spiagge, colline, montagne, laghi e corsi d’acqua. La rende unica l’eccellenza della sua cucina, che esalta ingredienti locali, lavorandoli in nome della sostenibilità.

La Slovenia, un paese ricco di eccellenze enogastronomiche

La Slovenia offre una gran varietà di proposte gastronomiche. La ricchezza degli ingredienti – sale, vino, miele, carne, salumi, frutta e ortaggi – ha permesso di creare varianti regionali, oggi rappresentate in 24 cucine regionali. Sono stati riconosciuti come Made in Slovenia ben 170 piatti! La filosofia della cucina tradizionale slovena è soprattutto agricola: “dall’orto alla tavola”. Funghi, grano saraceno, frutti di bosco, asparagi, patate, carote, castagne, olive, zucche e prugne sono i protagonisti di diversi piatti. Ingredienti che si ritrovano anche nei numerosi e vivaci festival dedicati al cibo durante tutto l’anno.

Il dolce sloveno per eccellenza: la potica

slovenia cibo e cultura: la ricetta della potica

La potica, in Italia conosciuta come putizza, è un dolce dalle antiche origini, ricco di miele e di noci, tipico della stagione invernale e assolutamente natalizio. È un lievitato, la cui pasta è stesa e cosparsa di un ripieno di frutta secca, di cui se ne conoscono ben 80 versioni, anche se il più conosciuto prevede noci, nocciole, dragoncello, semi di papavero e formaggio. Successivamente la pasta viene arrotolata e messa a cuocere in uno stampo. Con quale bevanda degustarla? Con un vino locale o con uno dei tanti distillati della Slovenia.

La ricetta della potica

Ingredienti 

Per la pasta

1 kg farina

30 g  lievito di birra fresco

3 tuorli

300 ml latte intero tiepido

120 g burro

1 cucchiaino di sale

2 cucchiai di zucchero

burro per ungere lo stampo

Per il ripieno

600 g  noci

200 g  miele

50 g zucchero

100-200 ml latte caldo

1 uovo

cannella

grappa

Per decorazione

zucchero a velo

Procedimento

Mettere a bagno il lievito spezzettato con un cucchiaino di zucchero nel latte tiepido e due cucchiai di farina. Fare riposare in un luogo tiepido per almeno mezz’ora, in modo che avvenga la fermentazione.

Mescolare e la farina con il sale, successivamente aggiungere, continuando a mescolare, il latte e il lievito, le uova e il burro. Lavorare l’impasto fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo. Fare lievitare coperto da un canovaccio in un luogo tiepido e umido per circa 45 minuti. L’impasto deve separarsi dalla ciotola.
Nel frattempo, preparate il ripieno.

Tritare le noci e coprirle con un po’ di latte caldo. Riscaldare il miele finché non diventa liquido. Unirlo  allo zucchero e alla cannella. Fare riposare mentre la pasta lievita.

Dopo il riposo, aggiungere un uovo per il ripieno e mescolare. Stendere la pasta fino a quando non è alta circa ½ cm di spessore. Unire l’uovo al ripieno e stendere la pasta di noci sopra l’impasto. Arrotolare l’impasto e riporlo nello stampo imburrato. Fare lievitare ancora per circa mezz’ora. Prima di mettere in forno, spennellare con dell’uovo sbattuto e infornate a 180°C per circa un’ora.

Sfornare e fare riposare nello stampo per  mezz’ora. Spolverare di zucchero a velo prima di servire.

5 piatti da assaggiare in Slovenia

  1. Crauti con zuppa di miglio
  2. Purè di fagioli con ciccioli
  3. Focaccia della Bela Krajina
  4. Zuppa di prugne
  5. Stomaco di maiale ripieno dell’Alta Valle della Savinija.

Potrebbe interessarti anche:


La Slovenia è il paese da visitare nel 2020. Che cosa vedere sulle tracce di cibo e cultura

Chi non ha mai sentito parlare del fascino di Lubiana, da cui ammirare la vallata scavata dal fiume Ljubljanica? Una città giovane, cantata dal poeta romantico sloveno France Prešeren, capace di colpirti al cuore per il clima sereno che si respira. Ma visitare Lubiana è l'occasione per scoprire altre città slovene come: Celje e Capodistria. La Slovenia, grande quanto la...La Slovenia è il paese da visitare nel 2020. Che cosa vedere sulle tracce di cibo e cultura ultima modifica: 2020-01-30T16:44:04+00:00 da Monica Viani

Potrebbe interessarti anche:


Cucina gourmet slovena: cosa e dove mangiare per la guida Michelin

La Slovenia a tavola? Non solo piatti tradizionali, ma anche gourmet. Ho degustato a Milano, presso Identità Golose, in occasione della presentazione della guida Michelin Slovenia, le geniali proposte dello chef stellato Tomaž Kavčič. Chissà se conoscete la cucina gourmet slovena? Se la risposta è no, organizzate al più presto un viaggio in Slovenia, il polmone verde d'Europa. Il mio interesse verso...Cucina gourmet slovena: cosa e dove mangiare per la guida Michelin ultima modifica: 2020-09-27T13:10:35+00:00 da Monica Viani

La Slovenia, il paese da visitare se ami cibo e cultura ultima modifica: 2021-01-12T13:23:40+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *