Teatro Menotti: Abitare la battaglia, ovvero il disperato tentativo di capire la vita

Share on FacebookTweet about this on Twitter

L’uomo? Un campo di battaglia, un conflitto eterno contro se stessi, gli altri e il mondo che lo circonda. Conflitti interiori, sogni infranti, un male assoluto che vince ogni volontà di affermazione. Lo spettacolo “Abitare la battaglia (conseguenze del Macbeth)“, portato in scena da Pierpaolo Sepe al Teatro Menotti, inizia in modo “disturbante” per lo spettatore.

7 attori si siedono ai bordi di un palcoscenico privo di scenografie. Senza pronunciare parole, con atteggiamento provocatorio, scrutano per un tempo indefinibile il pubblico. All’improvviso la musica e il movimento rompono quel silenzio che è diventato più pesante di una invettiva. L’iniziale danza è meccanica, ma presto diventa disordinata. Gli attori ballano, saltano, barcollano, mimano rapporti dominati ora dalla violenza ora da un’accennata tenerezza.

Il movimento è incessante, ci si incontra, ci si sfiora, ci si scontra. Amore e odio si avvicendano senza tregua. Appaiono sentimenti necessari, poco conta a chi rivolti. Talvolta si ha l’impressione che nonostante la presenza di più attori sulla scena si parli di un uomo solo. Un uomo schizofrenico, incapace di uscire da se stesso. Le emozioni sono tante, improvvise, indomabili, incapaci di cristallizzarsi in un sentimento definito, preciso. Tutto è fugace.

La parola riesce a rompere la sonorità della musica raramente, è recitata in una lingua diversa da quella del pubblico e ciò la rende ancora più distante. É scarnificata, difficilmente riesce a comporre una frase articolata, l’intero spettacolo regala allo spettatore solo un brevissimo monologo in inglese. La parola stessa è soggetta al movimento: ora è uno schiaffo, ora una carezza. Voleva conquistare il mondo è invece è ridotta a un suono che stenta a codificarsi in un significato determinato e indiscutibile.

La vita appare senza senso, senza possibilità di raggiungere alcun obiettivo stabile. Tutti hanno paura di perdere ciò che hanno conquistato, smarriscono la capacità di progettare il futuro che viene vissuto come vorticoso. L’unica certezza che abbiamo è la vita stessa. Ma la vita non è desiderio? Si vince, si perde, ma si vive. Troppo poco per un uomo che cerca un significato rassicurante?

Uno spettacolo “famelicamente” consigliato.

Teatro Menotti

via Ciro Menotti 11

Milano

“Abitare la battaglia (conseguenze del Macbeth)”

dal 19 al 24 marzo

Drammaturgia Elettra Capuano

con Federico Antonello, Marco Celli, Paolo Faroni, Noemi Francesca, Biagio Musella, Vincenzo Paolicelli e Alessandro Ienzi

Movimenti Scenici Valia La Rocca

Costumi Alessandro Lai

Regia Pierpaolo Sepe

Potrebbe interessarti anche:


Teatro Menotti: Concerto Napolide

Tra le cose belle che chiudono una settimana difficile per la politica italiana e per l'Italia c’è uno spettacolo teatrale, bello già dal titolo: Concerto Napolide, in scena al...Teatro Menotti: Concerto Napolide ultima modifica: 2018-05-26T01:00:00+00:00 da Monica Viani

Tra le cose belle che chiudono una settimana difficile per la politica italiana e per l'Italia c’è uno spettacolo teatrale, bello già dal titolo: Concerto Napolide, in scena al Teatro Menotti di Milano. Concerto Napolide è un viaggio, musicale...Teatro Menotti: Concerto Napolide ultima modifica: 2018-05-26T01:00:00+00:00 da Monica Viani

Tra le cose belle che chiudono una settimana difficile per la politica italiana e per l'Italia c’è uno spettacolo teatrale, bello già dal titolo: Concerto Napolide, in scena al Teatro Menotti di Milano. Concerto Napolide è un viaggio, musicale e in prosa, nel passato e nel presente di Napoli. È un racconto in musica che prende spunto da Napolide, scritto...Teatro Menotti: Concerto Napolide ultima modifica: 2018-05-26T01:00:00+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Teatro Menotti: Stria, ovvero il coraggio di rivendicare giustizia

"Un patto con il diavolo? Ma io non so neanche scrivere il mio nome”. Stria inizia con le parole sofferenti di Rusina, una contadina del varesotto, condannata al rogo dalla...Teatro Menotti: Stria, ovvero il coraggio di rivendicare giustizia ultima modifica: 2018-04-28T11:00:15+00:00 da Monica Viani

"Un patto con il diavolo? Ma io non so neanche scrivere il mio nome”. Stria inizia con le parole sofferenti di Rusina, una contadina del varesotto, condannata al rogo dalla Santa Inquisizione. L’opera di Claudia Donadoni, in scena al Teatro...Teatro Menotti: Stria, ovvero il coraggio di rivendicare giustizia ultima modifica: 2018-04-28T11:00:15+00:00 da Monica Viani

"Un patto con il diavolo? Ma io non so neanche scrivere il mio nome”. Stria inizia con le parole sofferenti di Rusina, una contadina del varesotto, condannata al rogo dalla Santa Inquisizione. L’opera di Claudia Donadoni, in scena al Teatro Menotti di Milano, racconta un fatto realmente accaduto. Stria tra ricerca di giustizia e coraggio Rusina, porta con sé i segni di...Teatro Menotti: Stria, ovvero il coraggio di rivendicare giustizia ultima modifica: 2018-04-28T11:00:15+00:00 da Monica Viani

Teatro Menotti: Abitare la battaglia, ovvero il disperato tentativo di capire la vita ultima modifica: 2019-03-19T23:51:31+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *