Pescheria con Cottura: la Puglia come Milano comanda

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Avete mai gustato un cocktail che ha tra gli ingredienti il nero di seppia?
Ne parliamo, perché sappiamo dove farvelo trovare. Qui, da Pescheria con Cottura.
Che è un locale dal nome autodescrittivo (non solo ristorante, non solo cocktail bar) di recente apertura in Zona Garibaldi e che – prego, prendere nota – resta aperto in agosto. Ve lo raccontiamo con l’evidenza dei suoi tratti distintivi dichiarati.

Bancocentrico

Intuitivo: il banco del pesce è al centro di tutto. Ricco di pesci e crostacei, è anche una delle prime cose che nota chi entra. Come dicono i nomi “pescheria” e “cottura”, si cucina ciò che è stato pescato. Questo è il leit-motiv. L’esecuzione? gourmet. L’ispirazione? I “fornelli di Cisternino”, locali tipici salentini, dove si sceglie la carne direttamente dal banco del macellaio e la si fa cuocere a piacere nei forni a pietra. Salento rules!

#infishwetrust

ll mantra del locale. Che nasce leccese, si clona gallipolese e si distacca milanese. Si potrebbe discutere a lungo su cosa significhi “milanesizzare” un’idea. Qui, dal cuore del centro storico di Lecce al cuore della movida metropolitana, cosa cambia? Adattamenti di ritmo e di design, di porzioni (forse) e più sperimentazione in città. Ma stesso orgoglio pugliese, stessa ambizione.

Un cocktail bar dentro un ristorante


Pescheria con Cottura è un format ibrido: un cocktail bar, una lounge che convive con un ristorante. Ci si può andare a pranzo, a cena, per un aperitivo o un dopo cena: gli spazi sono strutturati per regalare intimità o condivisione, formalità o informalità. Si possono ordinare piatti o piattini. Li si può accompagnare con vini (selezionati dalla giovane sommelière) o provarli con i cocktail abbinati, prova di mixology evoluta. E questo è un unicum nel panorama milanese, al momento.

Qualche idea per bere mangiando?


Finora sono 11 i pairing esclusivi di Pescheria con Cottura. Mediterranei, con tocchi provenienti da altre culture e paesi, sia in cucina che nel bicchiere, in un’ideale continuità concettuale ed estetica tra cibo e bevanda, sfruttando per esempio le note saline di un Gin, sposato a pesce azzurro. Il piatto dello chef deriva dal pescato. Il cocktail deriva dal piatto dello chef. Ma il viaggio inizia dal bicchiere! Per capirci con qualche abbinamento:

Chicha al mar e raviolo croccante di alghe ripieno di gambero rosso marinato in succo di leche de tigre e porro, servito con polvere di barbabietola rossa e crème fraîche e decorato con nero di seppia. Nel cocktail si usa la Chicha Morada, bevanda tipica del Perù a base di un particolare mais di colore viola scuro insieme a bucce di ananas, mela, cannella e limone.

Saint Nicholas Punch e calamaro arricciato alla griglia marinato con salmoriglio, servito su crema di finocchi e decorato con del pomodoro disidratato e germogli di affilla. Il cocktail rivisita un classico caraibico, con una spolverata di noce moscata, che tempera l’acidità, e una chips di banana.

Negroni Mediterraneo e sarda impanata e fritta, presentata con un cracker di erbe secche e maionese con erbe mediterranee fresche. Il Negroni è bianco grazie al Luxardo Bitter, l’unico bitter bianco al mondo.

Ferrogallico e …? Il bicchiere del cocktail riceve una spennellata di nero di seppia. Lo si vede prima di bere e lo si sente, bevendo. Sorpresi? provate a vedere se vi tinge la lingua.

Il piatto più ordinato?

La pasta con le cozze. Una versione dichiaratamente leccese. A domanda precisa, così mi è stato risposto, mentre vedevo passare, dirette al fortunato commensale, composizioni di spaghetti cosparsi di pistacchio con frittino a latere o tentacoli di polpo eleganti o crudi tenerissimi conditi con olio EVO salentino.

I nomi da sapere


I patron del format, Daniele e Fabio Ingrosso – rispettivamente padre e figlio.
Il direttore, Mimmo Persano.
Lo chef, Rocco Costantini.
Il bar manager, Fabio Bacchi.
La sommelière (sì, al femminile) Valentina Rizzi.
Il bar tender, Paolo Mastropasqua.

Pescheria con Cottura
Via Tito Speri 7
20154 Milano
Tel. 02 6572301
milano@pescheriaconcottura.it


Orari:
12-15 pranzo
19-24 cena
Aperture: 7 giorni su 7

Come arrivare:
M2 Linea verde Garibaldi FS
M5 Linea lilla Garibaldi FS
Bus linee 70 e 94 Piazzale Baiamonti
Tram linee 2 e 4 Piazzale Baiamonti

[Immagini: iPhone di Daniela, Les Enderlin]

Potrebbe interessarti anche:


Albufera: l’aperitivo gourmand spagnolo a base di tapas

Che cosa unisce Spagna e Italia? L'aperitivo gourmand a base di piatti tipici. A Milano il miglior posto per un aperitivo spagnolo è Albufera, tra Porta Venezia e Stazione Centrale. Oggi per essere un locale cool devi sapere proporre cocktail che racchiudono nel bicchiere tradizione e innovazione. Occorre il barman giusto, capace di inventare, mixare e sperimentare. Tutti lo possono...Albufera: l’aperitivo gourmand spagnolo a base di tapas ultima modifica: 2018-03-23T20:21:05+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Poco poco di Salento: tutti i colori della Puglia

Poco poco di Salento Questa volta vi racconto un Salento inaspettato. Con Daniela Ferrando ho scoperto posti affascinanti, forse poco conosciuti. Così eccovi il racconto a quattro mani delle motivazioni per cui ne siamo rimaste folgorate. Io in tondo, lei in corsivo, vi tentiamo subito con una lista di "must go/see/do/eat" del 2018! "Poco poco" vuol dire "un po'". Lo sentirete...Poco poco di Salento: tutti i colori della Puglia ultima modifica: 2018-02-18T18:17:33+00:00 da Monica Viani

Pescheria con Cottura: la Puglia come Milano comanda ultima modifica: 2018-07-30T11:51:25+00:00 da Daniela Ferrando FamFriend

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *