Il riciclo in cucina ora passa dalle bucce di frutta e verdura

Il rispetto dell’ambiente passa dalle bucce, dai semi, da tutto ciò che fino a ieri si gettava nella spazzatura. Si fa strada il riciclo in cucina.

Rispettare il Pianeta è ormai indispensabile. In cucina si può fare molto, partendo da come utilizzare gli ingredienti. Per chef, gelatieri e pasticcieri significa limitare gli avanzi e prestare maggiore attenzione agli ingredienti utilizzati. É ormai diventato chiaro che occorre portare avanti una vera rivoluzione culturale: più che evitare lo spreco, occorre prevenirlo.

Per farlo bisogna mettere in pratica la cosiddetta “cucina circolare” o “cucina antispreco”, che prevede che si evitino gli scarti. Per affermare uno sviluppo sostenibile si può partire dal ripensamento dell’utilizzo di frutta e verdura. La buccia, come ci ricorda la scienza, è ricca di fibre, di nutrienti e di sostanze aromatiche. Utilizzarla può diventare un’arma green. Ogni giorno tra torsoli, bucce e foglie esterne gettiamo nella spazzatura il 50% della frutta e degli ortaggi. Sconfiggendo stupidi pregiudizi possiamo finalmente superare la dicotomia tra parte “nobile” e scarto, studiando nuove ricette che prestano attenzione, oltre che al gusto, anche alla salute del Pianeta.

La nuva vita degli scarti

Usare le bucce in cucina non è più un’eresia. Alle volte è necessario cuocerle, ma spesso si possono utilizzare anche a crudo. Naturalmente non tutte le bucce sono uguali. Ci sono quelle dure, filamentose o morbide. Ognuna ha la sua tecnica di utilizzo o di cottura. In particolare, per quanto riguarda la frutta è solo una consuetudine, priva di motivazioni, quella di privarla della buccia e dei semi. In realtà è proprio nella buccia che sono presenti la maggior parte di minerali, fibre, vitamine, flavonoidi, polifenoli e carotenoidi.

Un esempio per tutti è la banana, la cui buccia è un vero e proprio tesoro di antiossidanti. Non solo: è 2 -3 volte più ricca di fibre, 2-4 volte di beta-carotene e ben 4-8 volte di calcio rispetto alla polpa del frutto. E per non gettarla, sfruttando le sue proprietà benefiche, basta aggiungerne qualche pezzo, dopo averla lavata, in uno smoothie o in un frullato.

Anche i semi nascondono grandi benefici per la nostra salute. Se nell’olio estratto dai semi di mela sono state individuate proprietà antibatteriche, nei vinaccioli delle uve si è rilevata  la presenza di un elevato livello di proteine, grassi buoni e fibre. Del resto, noi scartiamo i semi solo per un pregiudizio culturale, come dimostra la nostra predilezione per noci o mandorle, che ignoriamo essere semi. Questi possono essere aggiunti al tè o usati per condire insalate.

Il riciclo in cucina

La cucina sostenibile verte su tre capisaldi: l’alimentazione a base vegetale, lo studio di tecniche per valorizzare le proprietà di ogni ingrediente e la necessità di evitare di produrre rifiuti. Le bucce possono arricchire piatti al naturale o essere usate fermentate, essiccate, germogliate o cotte a vapore, al microonde, in padella o in pentola a pressione. Le uniche avvertenze da rispettare riguardano la freschezza della materia prima, non possono essere conservare a lungo nel frigorifero.

In caso di necessità di conservazione, è meglio ricorrere alla fermentazione (che addirittura arricchisce l’ingrediente), all’essiccazione o al congelamento. Nella cottura è meglio evitare la bollitura prolungata per evitare la dispersione dei fitocomposti. Allo stesso modo non sono consigliate le cotture prolungate.

Mille poi i modi per utilizzare gli scarti degli ortaggi e della frutta. Se con i ciuffi delle carote si possono realizzare patè da spalmare sui crostini, con le foglie del ravanello si ottengono dei gustosi pesti. Si possono usare, dopo averle cotte a vapore e insaporite, le foglie del cavolfiore o del broccolo per condire la pasta,  preparare vellutate o un ripieno per una torta salata o una pasta fresca.

La frutta si presta a moltissimi utilizzi nella pasticceria dolce e salata, oltre che per drink per gli aperitivi. Un esempio è l’anguria, di cui si può usare la polpa per fare un gazpacho di anguria e pomodoro e un succo aggiungendo peperoni e fragole. Non solo, tostando i semi si possono arricchire frullati e centrifughe o preparare una sorta di burro. Con la scorza, invece, si prepara un carpaccio marinato o una mostarda. Per decorare i dolci si possono ricavare scorzette candite con l’involucro esterno dell’arancia, del limone e della zucca. La polpa di scarto dell’arancia e del limone può essere utilizzata per fare ciambelle, coni gelato, ghiaccioli o arricchire macedonie di frutta. I torsoli della mela possono essere aggiunti ad un frullato o, frullati da soli, possono essere trasformati in una purea da unire ad una torta. Con i baccelli meno freschi dei piselli, cotti per una decina di minuti, si possono fare dei muffin. Il riciclo in cucina è possibile!

Potrebbe interessarti anche:


Enogastronomia sostenibile: che cosa fare a casa

Una piccola lista di cose da fare per promuovere una enogastronomia sostenibile. Dobbiamo cambiare al più presto le nostre abitudini per contribuire a salvare il Pianeta. Pronti a essere protagonisti del cambiamento? Siamo figli del...Enogastronomia sostenibile: che cosa fare a casa ultima modifica: 2022-01-12T15:53:24+01:00 da Monica Viani

Potrebbe interessarti anche:


Ma tu lo sai che cos’è l’economia circolare?

Tutti parlano di economia circolare, di come consumare nel rispetto del nostro ambiente, ma pochi sanno come farla realmente. Che cos'è l'economia circolare? Conosci la regola delle “5 R”? Una regola da rispettare in termini di...Ma tu lo sai che cos’è l’economia circolare? ultima modifica: 2021-07-02T16:20:11+02:00 da Monica Viani

Il riciclo in cucina ora passa dalle bucce di frutta e verdura ultima modifica: 2022-11-10T09:28:34+01:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *