Tra memoria, sapore e futuro: cibi da museo, musei sul cibo

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Ma come, museizzare il cibo, che di per sé è deperibile, transitorio e stagionale? Prima di dire che è un controsenso, affiliamo la definizione di museo.

Perché se un museo è un sacro deposito immutabile che si accresce per accumulo, siamo fuori argomento. Se invece un museo è un contenitore vivo di memorie (= il passato) e proposte (= il futuro) rivivibili e ripetibili, un museo del cibo è l’esperienza perfetta perché fa appello non solo alle consuete capacità cognitive, ma anche alla sensorialità, alle papille.

Cibo come genius loci

memoria, sapore, futuro, cibo, museo
I musei del cibo forse non sono i primi ad essere visitati, eppure niente come il cibo aiuta ad entrare nello spirito e nella cultura di un luogo. Dovremmo ricordare quanto il cibo è genius loci.

Certo si viaggia, si esplora, si mangia. Ma oltre al cibo scoperto e mangiato c’è anche quello assimilato – nel senso di compreso. Quello rievocato dalla memoria e dalla cultura immateriale che ogni viaggio ci regala.

Un museo per un brand o un museo per un territorio?

memoria, sapore, futuro, cibo, museo
Molti dei musei sul cibo sono una raccolta – più o meno ragionata – di ingredienti, di ricette, di manufatti e memorabilia commerciali, intervallati da testi esplicativi, catalogici, unidirezionali.

A volte sono musei istituzionalizzati, ospitati in spazi aziendali. Sono musei per un brand. Un eventuale museum shop garantisce l’acquisto-l’assaggio del prodotto protagonista.

Altre volte sono allestiti in edifici recuperati. Sono musei più narrativi e velleitari, spesso nati da privati o da associazioni culturali locali. Che fanno un lavoro prezioso disponendo di scarsi mezzi. Sono perlopiù musei per un territorio.

Dell’uno e dell’altro tipo, Famelici vi ha già segnalato esempi.

Un museo a menu?

memoria, sapore, futuro, cibo, museo
Ma il format museo, trattandosi di cibo, può andare anche oltre?
C’è chi per esempio ha già provato, proprio quest’anno, a esibire una rassegna del futuro paesaggio alimentare: il progetto Food Revolution 5.0 ad Amburgo.

E se un museo sul cibo fosse un po’ come un menu?
E se ogni azienda connessa al cibo sentisse l’esigenza di storicizzare (dimensione individuale, verticale) e sistematizzare (dimensione orizzontale, connettiva) il proprio contributo alla cultura alimentare, all’esperienza del cibo del nostro tempo?

Famelici è ingolosita all’idea di lavorare di più su questo tema. Chissà …

[Immagini: jello by John Maeda; “pizza dogge” del B&B Don Aurelio di Atri (TE), ph iPhone di Daniela; Campari Gallery; Food Revolution book]

Potrebbe interessarti anche:


L’Italia degli scrittori. 10 case museo da non perdere

Dante, Manzoni, Pirandello, D’Annunzio. A scuola abbiamo letto e studiato le opere dei protagonisti della letteratura italiana. Vi siete mai chiesti dove sono nati i loro capolavori? Da nord a sud, ecco le 10 case museo da visitare per conoscere da vicino alcuni dei più grandi scrittori del Belpaese 1)Francesco Petrarca, Padova Si trova nella città di Padova la casa di...L’Italia degli scrittori. 10 case museo da non perdere ultima modifica: 2017-04-21T10:27:45+00:00 da Alessandra Cioccarelli


Potrebbe interessarti anche:


Come cambia il museo? Quando la cultura diventa esperienza

Da museo deposito a modello Disneyland? É la domanda che da più parti si solleva a commento dei dati che confermano che anche il 2017 è un anno record...Come cambia il museo? Quando la cultura diventa esperienza ultima modifica: 2017-12-24T11:39:28+00:00 da Monica Viani

Da museo deposito a modello Disneyland? É la domanda che da più parti si solleva a commento dei dati che confermano che anche il 2017 è un anno record per i musei italiani. Renzo Piano nel 1977 con la...Come cambia il museo? Quando la cultura diventa esperienza ultima modifica: 2017-12-24T11:39:28+00:00 da Monica Viani

Da museo deposito a modello Disneyland? É la domanda che da più parti si solleva a commento dei dati che confermano che anche il 2017 è un anno record per i musei italiani. Renzo Piano nel 1977 con la progettazione e la costruzione del  Beaubourg  aveva imposto un grande cambiamento sul significato da dare a quello spazio che chiamiamo...Come cambia il museo? Quando la cultura diventa esperienza ultima modifica: 2017-12-24T11:39:28+00:00 da Monica Viani

Tra memoria, sapore e futuro: cibi da museo, musei sul cibo ultima modifica: 2017-12-27T13:51:14+00:00 da Daniela Ferrando FamFriend

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *