Il filo nascosto: se la moda è estetica, il cibo è fisicità. E il sesso?

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Negli anni 50 lo stilista inglese Woodcock vive per il suo atelier, nutrendosi del ricordo dell’amore materno perduto in tenera età  e della passione per il suo lavoro. Il suo cuore è arido, le donne sono solo manichini da vestire e da ammirare fino alla prossima creazione. Ecco chi è il protagonista del film Il filo nascosto.

Il filo nascosto, moda, cibo e sesso…forse!

La vita scorre sempre uguale scandita da orli, trine pizzi e velluti. Fino a quando in una locanda incontra una cameriera: Alma. La vuole. Non se ne innamora, desidera trasformarla in Musa, in un manichino per i suoi abiti, in un boccone da divorare per soddisfare la sua fame pantagruelica. Deve diventare una sua creatura, bella quanto un suo abito. Ma Alma ha un cuore e una testa e ha deciso di impossessarsi di quell’uomo che ha sostituito il cuore con gli occhi. Woodcock è una vittima dell’estetica, del bello fine a se stesso.

Ne Il filo nascosto l’amore è nascosto in piatti a base di funghi

Alma, dopo aver provato a usare tutte le “armi” a sua disposizione, decide di usare un’arma letale: il cibo, più precisamente i funghi. Un veleno centellinato con maestria. “Non morirai. Ti voglio inerme. Sottomesso. Poi di nuovo forte ma eternamente mio”.

Il cibo li aveva inizialmente uniti: le colazioni, la lacrima di vino usato per cancellare il rossetto. Solo un piatto poteva evitare la parola fine a una storia che ammetteva un solo vincitore. Il cibo è gioco, ma può essere anche un campo di battaglia per una lotta fino all’ultimo sangue.

Una cena di compleanno sbagliata, asparagi al burro al posto del familiare condimento con olio e limone, sembra segnare la sconfitta di Alma. Rovinare un piatto amato equivale per il sarto a volergli rovinare la vita. Ma i piatti a base di funghi ribalteranno il risultato.

Giochi di amore, giochi di potere

Ma in guerra  si è  sicuri di aver vinto solo quando il nemico capitola e così Alma ribalterà l’esito dello scontro con piatti preparati con funghi allucinogeni. Finalmente Alma ha trovato il modo di placare quell’insaziabile fame tanto temuta dal sarto.

Lo ha quasi ucciso, ma, come una madre, gli ha ridato la vita. Si è posta tra abito e essenza, corpo e anima. Se lui l’ha vestita, lei lo ha spogliato, scarnificato. Un gioco di ruoli sadomasochista, che presuppone la massima fiducia, e che non può conoscere la parola fine. Non c’è redenzione, non c’è happy end.

Cibo e moda diventano il filo nascosto che unisce due persone che hanno bisogno l’una dell’altra. Dopotutto il cibo con la sua ricerca del gusto è l’altra faccia della moda!

Nel film Il filo nascosto di Anderson la fisicità è il cibo. La moda è esteriorità. E il sesso? Solo evocato.

Il filo nascosto

Regia: Paul Thomas Anderson

Attori: Daniel Day Lewis, Lesley Manville

Sceneggiatura: Paul Thomas Anderson

Anno: 2017

Potrebbe interessarti anche:


#ShotMovieFood. Musei, classicismo e innovazione: la parola al cinema

Frames in ordine sparso: per Famelici una volta ogni quindici giorni, film degustati per voi da Luca Cardone. Luca Cardone: "Se Feuerbach avesse ragione e fossimo ciò che mangiamo, io sarei cinema, filosofia, poesia e altri pochi piatti, tutti possibilmente a base di carne e pesce. Poco Gourmet nel pratico ma tanto nello spirito. Il mio...#ShotMovieFood. Musei, classicismo e innovazione: la parola al cinema ultima modifica: 2017-12-23T10:44:47+00:00 da FamFriend Luca Cardone


Potrebbe interessarti anche:


Cinema e cucina: ispirazioni dal film “Sostiene Pereira”

Trasporre in film un libro come "Sostiene Pereira" di Antonio Tabucchi non è facile. Lo scrittore ha uno stile essenziale, ma allo stesso tempo complesso per l'abbondanza di particolari che servono a definire la figura di...Cinema e cucina: ispirazioni dal film “Sostiene Pereira” ultima modifica: 2017-04-12T13:47:08+00:00 da Monica Viani

Trasporre in film un libro come "Sostiene Pereira" di Antonio Tabucchi non è facile. Lo scrittore ha uno stile essenziale, ma allo stesso tempo complesso per l'abbondanza di particolari che servono a definire la figura di un personaggio che oscilla sempre tra realtà e costruzione di...Cinema e cucina: ispirazioni dal film “Sostiene Pereira” ultima modifica: 2017-04-12T13:47:08+00:00 da Monica Viani

Trasporre in film un libro come "Sostiene Pereira" di Antonio Tabucchi non è facile. Lo scrittore ha uno stile essenziale, ma allo stesso tempo complesso per l'abbondanza di particolari che servono a definire la figura di un personaggio che oscilla sempre tra realtà e costruzione di un mondo di fantasia. É un film civile, dove si descrive il doloroso percorso che Pereira compie per acquisire la presa di coscienza politica ed...Cinema e cucina: ispirazioni dal film “Sostiene Pereira” ultima modifica: 2017-04-12T13:47:08+00:00 da Monica Viani

Il filo nascosto: se la moda è estetica, il cibo è fisicità. E il sesso? ultima modifica: 2018-11-30T13:57:17+00:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *