Il film The menu, una spietata critica ai ristoranti gourmet

Il film The Menu, una tagliente critica all’industria della ristorazione gourmet, è una commedia noir, talvolta surreale, che invita a riflettere sull’evoluzione della cucina stellata.

La trama? Una giovane coppia decide di cenare in un esclusivo ristorante su una remota isola del Pacifico, dove un celebre chef ha preparato un sontuoso menu degustazione con sorprese, a cui non ci si può sottrarre.

Che cosa sei disposto a fare per godere di una cena gourmet in un ristorante esclusivo? Saresti disposto a raggiungere una remota isola privata? E a pagare una cifra folle per essere ammesso in una lista ristretta di commensali? Sopporteresti lo sguardo gelido di uno chef che non ama i suoi commensali? Ma soprattutto metteresti in gioco anche la tua vita? Ecco le domande a cui cerchi una risposta dopo aver visto The Menu, il film girato dal regista britannico Mark Mylod.

Il film The Menu, una commedia o un film horror?

The Menu non è un film horror, ma una spietata e tagliente critica all’industria della ristorazione. Il film, interpretato da Anya Taylor-Joy, Nicholas Hoult e Ralph Fiennes, racconta quel mondo che ha reso la cucina gourmet molto di più che un susseguirsi di piatti e di ricette. Gli chef sono diventato ormai vere star, che devono saper raccontare la portata, intrattenere e stupire il cliente. E il protagonista di The Menu, lo chef Julian, ne è tristamente consapevole. I suoi piatti sono buoni o solo un tentativo di trasformarsi in opere d’arte? Il primo piatto che propone ai suoi ospiti è un assemblaggio di piante marine, rocce e “acqua di mare filtrata appena ghiacciata”. Una proposta che provoca reazioni opposte. Se Tyler (Hoult) si commuove per la sua poesia, Margot (Taylor-Joy) lo guarda disgustato. Chi avrà ragione?

The Menu, una satira intelligente sulla cucina stellata

The menu è una commedia noir, talvolta oscura e surreale, che mette in scena i comportamenti e le reazioni sia di chi lavora in sala sia dei commensali. I clienti privilegiati, scelti dallo chef in base alla loro ricchezza e alla loro prossimità al potere, nascondono segreti che non sono tali per lo chef Julian. E quando i commennsali se ne accorgono, comprendono che sta accadendo qualcosa d’imprevisto e di sinistro.

Lo chef è un tiranno che estende il suo freddo dispotismo e la sua rabbia in sala, tra i commensali, spingendoli sempre più a provare un grande disagio. Arriva persino al punto di negare loro il cibo. Li fa vergognare della loro ricchezza. Li umilia, consapevole che il loro tenore di vita non gli ha mai fatto conoscere il dolore. Non solo non sanno come fronteggiarlo, ma non hanno gli strumenti per capire che cosa stanno vivendo. Sono solo consapevoli di non poter far valere la propria posizione sociale e la propria ricchezza.

Non manca una critica al machismo della ristorazione, laddove il film accenna al tema delle molestie sessuali, spesso taciuta, nascosta della presentazione di piatti bellissimi. L’effetto wow delle portate può facilmente nascondere le condizioni di lavoro di chi opera in cucina.

Lo chef Julien prepara un finale…incendiario!!! (spoiler)

Dopo aver terrorizzato e torturato i suoi ospiti e aver lasciato che la donna che aveva molestato lo pugnalasse alla gamba, come concluderà la serata lo chef Julian? Difficile per lo spettatore indovinare il finale. Ebbene, i commensali diventano loro stessi cibo, accettando di diventare artefici della loro morte. Un atteggiamento che spiega il loro surreale comportamento durante tutta la cena. Perché si sono assoggettato alla tirannia dello chef o quantomeno non hanno tentato di fuggire dall’isola? I ricchi ospiti avevano intuito il loro destino o credevano di partecipare a un assurdo gioco? Si erano resi conto che Julien, per anni costretti a servirli, li stava trasformando in un popolare e poco gourmet dessert americano, facendogli indossare delle mantelle di marshmallow e cospargendoli di salse e cioccolato? Alla fine tutti, chef, brigata e ospiti -con una sola eccezione- bruceranno vivi all’interno del ristorante.

Commento famelico di un film da vedere

Il film The menu, al di là della trama, invita a riflettere e ad indagare su alcune tematiche relative alla nostra società e alla ristorazione gourmet. Qualche spunto? Il rapporto tra la sala e la cucina può essere letto come la rappresentazione della nostra comunità, un riflesso della disuguaglianza tra classi sociali sempre più distanti. Ma non solo, ci si può interrogare se nella cucina stellata sia più importante la creatività o il denaro a disposizione per costruire l’aurea dell’esclusività. Il rischio è che la cucina gourmet si trasformi in uno spettacolo capace di soddisfare il bisogno di alcuni di vivere un’esperienza per pochi.

Vi lasciamo, infine, un compito: interpretare l’enigmatica Margot, l’unica superstite e l’unica ad aver avuto il coraggio di dire allo chef che la sua cucina è pessima.

Potrebbe interessarti anche:


Basilicata e cinema, un tour sui set di tanti film. Ciak si viaggia!

Cinema e tour sono due parole che si sposano bene. Ti suggeriamo due itinerari per scoprire i luoghi che sono diventati set di diversi film. Il primo si snoda tra i Sassi di Matera, il secondo tra i borghi lucani. In Basilicata sono stati girati molti capolavori della cinematografia internazionale. Le sue terre baciate dal sole, i suoi paesaggi selvaggi...Basilicata e cinema, un tour sui set di tanti film. Ciak si viaggia! ultima modifica: 2022-07-13T19:07:02+02:00 da Monica Viani

Potrebbe interessarti anche:


Cinema e cucina: ispirazioni dal film “Sostiene Pereira”

Trasporre in film un libro come "Sostiene Pereira" di Antonio Tabucchi non è facile. Lo scrittore ha uno stile essenziale, ma allo stesso tempo complesso per l'abbondanza di particolari che servono a definire la figura di...Cinema e cucina: ispirazioni dal film “Sostiene Pereira” ultima modifica: 2017-04-12T13:47:08+02:00 da Monica Viani

Trasporre in film un libro come "Sostiene Pereira" di Antonio Tabucchi non è facile. Lo scrittore ha uno stile essenziale, ma allo stesso tempo complesso per l'abbondanza di particolari che servono a definire la figura di un personaggio che oscilla sempre tra realtà e costruzione di...Cinema e cucina: ispirazioni dal film “Sostiene Pereira” ultima modifica: 2017-04-12T13:47:08+02:00 da Monica Viani

Trasporre in film un libro come "Sostiene Pereira" di Antonio Tabucchi non è facile. Lo scrittore ha uno stile essenziale, ma allo stesso tempo complesso per l'abbondanza di particolari che servono a definire la figura di un personaggio che oscilla sempre tra realtà e costruzione di un mondo di fantasia. É un film civile, dove si descrive il doloroso percorso che Pereira compie per acquisire la presa di coscienza politica ed...Cinema e cucina: ispirazioni dal film “Sostiene Pereira” ultima modifica: 2017-04-12T13:47:08+02:00 da Monica Viani

Il film The menu, una spietata critica ai ristoranti gourmet ultima modifica: 2022-12-09T13:06:46+01:00 da Monica Viani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *