Cibo e letteratura. “Il borghese Pellegrino” è un giallo con Artusi protagonista

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Cibo e libri per fan del “giallo”: “Il borghese Pellegrino” di Marco Malvaldi

Pellegrino Artusi – del quale da pochi giorni si è festeggiato i duecento anni della nascita (4 agosto 1820), è autore del ricettario più famoso del mondo, cioè «La scienza in cucina e l’arte di mangiare bene». Ma non è di questo che parla il libro “Il borghese Pellegrino”.  A cinque anni di distanza dal suo primo thriller (raccontato nel precedente libroOdore di chiuso”), Marco Malvaldi pone Pellegrino Artusi come ospite di un antico castello che un agrario capitalista ha acquisito con tutta la servitù, trasformando il podere in una azienda agricola d’avanguardia.

Il maestro è stato invitato perché, oltreché famoso autore del famoso ricettario, il libro con cui codificava la cucina italiana, è anche un florido mercante. Oltre al proprietario, sono presenti: il Gazzolo, con la moglie, il professor Mantegazza, amico di Artusi, fisiologo di fama internazionale, il banchiere Viterbo, grande divoratore di vivande, il dottor D’Ancona, delegato del Consiglio di Amministrazione del Debito Pubblico della Turchia, Reza Kemal Aliyan, giovane turco, funzionario dello stesso consiglio, il ragionier Bonci, assicuratore con le mani in pasta, sua figlia Delia che cerca marito ma, ancor di più, le avventure.

E, infine, ritroviamo Saverio Maria Artistico divenuto ispettore di polizia proprio grazie alla passata inchiesta. Insomma un luogo del delitto assai ricco di personalità attratte anche per approfondire un affare in fieri. Siamo agli anni d’inizio secolo in cui la finanza europea si andava impadronendo del commercio internazionale del decadente Impero Ottomano. Accade che, tra un pranzo, un educato scontro di opinioni e interessi, un colloquio discreto, viene trovato morto un ospite….

Cibo, letteratura e territorio. Due o tre cose che sappiamo su di lui: Pellegrino Artusi da Forlimpopoli, scrittore, gastronomo e critico letterario

Pellegrino Artusi da Forlimpopoli, scrittore, gastronomo e critico letterario, pensava di passare alla storia per i suoi studi su Foscolo e invece verrà ricordato per quello che è stato definito “un manuale unico della cucina italiana”, datato 1891 e tradotto allora anche in inglese, olandese, portoghese, spagnolo, tedesco e francese. Un manuale unico.

Il suo libro fa da spartiacque nella cultura gastronomica dell’epoca, facendo emergere la tradizione culinaria nazionale con una scrittura semplice ma non priva di una giusta dose di ironia. L’Artusi, che pagò di tasca propria la pubblicazione, raccolse ricette da tutta Italia descrivendole talvolta con piccoli commenti personali e prestando la giusta visibilità a quelle preparate in modo casalingo: ecco il segreto del suo successo.

Ad oggi, la sua opera conta oltre un milione di copie vendute e cento edizioni. Insomma cibo, letteratura e territorio per un successo mondiale senza pari. Per finire, uno dei suoi tanti demistificanti aneddotti: “con questo manuale pratico basta si sappia tenere un mestolo in mano”.

Potrebbe interessarti anche:


Cibo e cultura: 8 libri per l’estate da leggere o rileggere

Cibo e cultura...mai dimenticare questo binomio...neppure in vacanza! Famelici vi consiglia 8 libri da leggere o rileggere. Lettere sulla cucina di Alexandre Dumas: romanziere, intellettuale, curioso gastronomo e cuoco. Amava viaggiare, ma soprattutto riportare le ricette. Dimorò anche a Napoli dove rimase affascinato dalla cucina napoletana. Pubblicò un libro sotto forma epistolare dove rivela i propri gusti. Gustosa la polemica sulla ricetta dei "maccheroni". Senza timore rivela che...Cibo e cultura: 8 libri per l’estate da leggere o rileggere ultima modifica: 2017-07-28T16:07:03+00:00 da Monica Viani


Potrebbe interessarti anche:


Conoscete le ville di delizia della Brianza? Visita a Villa Mapelli Mozzi

Lo confesso - ma fatelo anche voi- ci sono delle volte che tirerei fuori volentieri la principessa che c'è in me! E allora, per sognare ad occhi aperti quale migliore occasione che una visita a una villa di delizia della Brianza? Se qualche mese fa vi avevo fatto scoprire la bellezza e la suggestione di palazzi nobili napoletani, famosi...Conoscete le ville di delizia della Brianza? Visita a Villa Mapelli Mozzi ultima modifica: 2017-11-07T10:41:56+00:00 da Monica Viani

Cibo e letteratura. “Il borghese Pellegrino” è un giallo con Artusi protagonista ultima modifica: 2020-08-31T17:04:40+00:00 da Redazione Famelici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *